emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Ma non chiamatela Città Spettacolo
 
     
        _________

lun 08-08-2016 21:32, n.8133 - letto 5048 volte

Ma non chiamatela Città Spettacolo

La nota di Peppe Fonzo per il Magnifico Visbaal Teatro

dalla redazione


Cari tutti/e sento di dover scrivere questa mia per tenere alta l'attenzione sulla questione del Festival.
Tengo a precisare che la nostra assenza non è motivo scatenante di questo intervento, siamo stati contattati dal direttore, abbiamo fatto delle proposte che non sono state accettate, e le motivazioni in accordo o no con il nostro pensiero sono assolutamente legittime.
Ma vedendo il programma debbo constatare a malincuore che quello che preoccupava tutti gli operatori del settore da Benevento a Milano si è verificato.
Purtroppo Benevento Città Spettacolo si è trasformata decisamente nel tanto acclamato e richiesto format "avversario", intendo la benedetta festa di "Quattro notti e più di luna piena".
Quest'operazione, a mio avviso, è molto pericolosa perchè confonde le acque.
Signori, parliamoci chiaro, senza snobismi o sentenze fuorvianti: una cosa è l'intrattenimento, altra cosa è Città Spettacolo.
Il teatro è in crisi lo sappiamo, (in realtà il teatro è crisi) economica, di idee, progetti, contenuti, scommesse sulle nuove compagnie, e tante sono le giovani realtà mai davvero interpellate, costrette, come noi, a inventarsi mille proposte adiacenti e rassegne nei sottoscala pur di sopravvivere.
Ma la salvezza non sta nell'accontentare la massa indistinta con eventi di richiamo lasciando lontano l'impegno civile, sottotraccia di qualsiasi Festival che si rispetti.
Certo, non sottovaluto l'indotto che i vari negozi e le aziende prevalentemente ristorative potranno trarne, non escludo le decine di migliaia di persone che arriveranno da tutta la Campania trasformando un Festival di "nicchia" in un boom di presenze mai sentito nella storia. (Ma poi scusate, teatro di "nicchia" che cosa vuole dire? Questa approssimativa e pessima classificazione che viene affibbiata a chiunque non faccia show come Amici di Maria de Filippi o Centovetrine è molto pericolosa).
Vogliamo dire che qualunque spettacolo che non arriva a 1000 spettatori è di nicchia? E' fallimentare? Se è così è fallimentare il 98% del teatro mondiale.
Ripeto e ripeto e ripeto ancora: ben vengano iniziative popolari dalle sagre, che adoro per le mie radici contadine, ben vengano i festival amatoriali, le kermesse musicali, cabaret, concerti pop, sia benedetta Quattro Notti e Più... ma questa non chiamatela Città Spettacolo.
Perchè il teatro è un'altra cosa, il Festival Benevento Città Spettacolo è un'altra cosa, e questo nome va difeso.
E' assolutamente vero che nelle ultime disgraziate edizioni si è cercato disperatamente di tenere in vita un cadavere ormai in decomposizione allontanando sempre di più il teatro dal popolo, dai cittadini.
E' vero che la passata amministrazione non si è applicata particolarmente per rinnovare un'idea, delegando ai direttori artistici imprese impossibili, non per questo il Festival deve snaturarsi.
Città Spettacolo è teatro, per il teatro, per gli operatori, per gli appassionati, per i critici e per chiunque voglia allenare il proprio sentire emotivo.
E non basta un Glauco Mauri (anche egli monumento ai caduti) o un Marco Travaglio per alzare l'asticella.
Ripeto il teatro del 2016 è proprio altrove, il suo ruolo è dire cose scomode, un luogo che deve lasciare spazio all'immaginazione, evocare, far riflettere, ridere e piangere, spaventarsi e sorridere, fare proposte difficili, complesse, impegnative, scandalizzare, stare al passo con i tempi, insomma mantenere sveglie le menti e affamati gli spettatori, non sazi e sonnolenti.
Sto dicendo cose che in una città come Napoli sono all'ordine del giorno, vedi il programma del Teatro Festival degli anni passati e quello tanto discusso di quest'anno che comunque si spalma anche durante l'autunno.
Certamente non sono io quello che deve dire cosa dovrebbe essere un festival di teatro in una città che è madre di una rassegna di rilievo nazionale di quasi 40 anni.
Ma ho sempre voglia di ricordare cosa c'è scritto all'ingresso di uno dei teatri più belli e grandi d'Europa, il teatro Massimo di Palermo: l'arte rinnova i popoli e ne rivela la vita
Dunque io chiedo a questa amministrazione: per favore non distruggete un lavoro certosino portato avanti da menti illustri, che ha visto capolavori e fiaschi, grandissimi attori e compagnie promettenti Per favore non annacquate quella delicata scintilla necessaria nel nostro lavoro, quella cosa intangibile che si chiama "sogno"; il teatro è questa sostanza, e questa sostanza va alimentata.
Non combattete il tedio mortale che questa provincia tocca amaramente col frastuono caotico del carnevale perenne, non solo con quello almeno, perché la vita è anche molto altro e il teatro ne rivela l'essenza nelle piccole pieghe, riuscendo ad arrivare molto più lontano di quanto si possa immaginare... silenziosamente, con amore, e delicatezza.
Grazie

Con affetto, Peppe Fponzo
Magnifico Visbaal Teatro

 
 

Ctg comunicati, commenti 1, letto 5048 volte
Commenta  


1 commento   top
n.551 - ha scritto Daniela  08-08-2016 09:40:02  
Concordo pienamente. Ricordo, comunque, che nei primi anni della manifestazione Città Spettacolo c'era anche la parte musicale, anch'essa divisa in "big" (e non parlo di musica pop, senza ovviamente nessun intento denigratorio) e "locali" che avevano la possibilità di esibirsi e farsi conoscere e apprezzare (o meno). La parte musicale è andata poi via via sempre più scomparendo, fino ad annullassi totalmente. Il teatro è cultura e nessuno lo mette in dubbio. Ma anche la musica. Noi musicisti questo "scippo" lo abbiamo subito molti anni fa sotto gli occhi indifferenti di tutti. E, infatti, tutti i teatri di Benevento sono chiusi da anni (escludendo i "buon" Massimo che non è un teatro). Forse bisognava coalizzarsi contro queste operazioni " di nicchia" anni fa. Ma ognuno ha sempre pensato al proprio orticello con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Certo, non è mai troppo tardi...
 
 
 

0,1338
letto 5048 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

20° Progetto Musica, “Chi è di scena stasera?”: sabato il teatro di Massimo Andrei aprirà la rassegna “Monologhi e Corti Teatrali”
Presso la Sala “Massaro-Napolitano” ad Airola.

redazione, n.11988 22-02-2019
letto 20 volte
, tags comunicati

Mogol a Benevento per il Premio Nazionale delle Arti XIV Edizione
L'iniziativa a cura del Conservatorio Nicola Sala

redazione, n.11987 22-02-2019
letto 40 volte
, tags comunicati

"Il paese dei sogni": “I tre porcellini”, della compagnia I Guardiani dell’Oca, favola musicale scritta e diretta da Zenone Benedetto
Il 24 febbraio al De Simone

redazione, n.11986 21-02-2019
letto 15 volte
, tags comunicati

"Professionisti della cultura e della comunicazione digitale”, il corso al Giannone
Il progetto di alternanza scuola lavoro in collaborazione tra il Liceo classico beneventano e l’Università di Salerno

redazione, n.11983 21-02-2019
letto 22 volte
, tags comunicati

Sicurezza in casa. L'incontro è organizzato da Auser Filo d'argento
Il 21 febbraio al Palazzo del Volontariato

redazione, n.11982 20-02-2019
letto 27 volte
, tags comunicati

"Un tè al Museo. Incontri a due voci" Al via gli incontri culturali di Mediateur
Dal 23 febbraio al 4 maggio 2019

redazione, n.11981 20-02-2019
letto 2 volte
, tags comunicati

La giustizia è Cosa Nostra Presentazione del libro di Attilio Bolzoni e Giuseppe D’Avanzo
Mercoledì 27 febbraio 2019 – ore 11.30 Sala Rossa di Palazzo San Domenico

redazione, n.11980 20-02-2019
letto 15 volte
, tags comunicati

"Le donne nella ricerca e nell'impresa: testimonianze", l’incontro promosso dalla Fidapa BPW – sezione Benevento – Distretto Sud Ovest
Appuntamento il 22 febbraio prossimo presso l’Una Hotel Il Molino

redazione, n.11977 19-02-2019
letto 35 volte
, tags comunicati

Vemo- Senza me di te
Ancora un successo per il cantautore sannita

redazione, n.11975 19-02-2019
letto 20 volte
, tags comunicati

PREMIO BUE APIS: la cerimonia al Museo del Sannio
Appuntamento il 21 febbraio prossimo

redazione, n.11973 19-02-2019
letto 24 volte
, tags comunicati




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook