emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Un saluto a Silvio D'Andrea, netturbino anni 50-60
     
        _________

mar 27-12-2016 14:33, n.8864 - letto 2493 volte

Un saluto a Silvio D'Andrea, netturbino anni 50-60

Era quasi di famiglia, mitico, insensibile al dolore

di Enrico Cavallo
sfoglia l'album delle foto   

In questi giorni di festa un pensiero speciale va ad una persona che presumo sia scomparsa: lo spazzino del Viale Mellusi.

Io sono andato ad abitare al Viale Martiri di Ungheria nel 1952, dopo che i miei genitori ebbero in assegnazione una casa popolare grazie al loro stato di vittime dell'alluvione del 1949 che portò via la loro abitazione alla Via Ponticelli.

Al Viale Martiri di Ungheria funzionava il servizio raccolta rifiuti urbani che erano ceduti tutti insieme dato che non c'era nemmeno il sospetto che si potesse "differenziare".
Se oggi ci lamentiamo del senso di civiltà di alcuni nostri concittadini vi lascio immaginare cosa doveva essere negli anni 50.

Ebbene in un secchio di ferro si metteva tutto insieme l'inverosimile ed un dipendente dell'azienda - mi pare che fosse già la Langione, provvedeva a ritirare presso gli utenti l'ammasso delle fetenzie di famiglia.

Poi negli anni 60 venne il Moplen, distribuito a domicilio dai ferrivecchi in cambio di oggetti metallici, ma cambiò poco, i secchi erano di plastica -più facilmente lavabile, ma pur sempre pieni di ogni schifezza immaginabile.

Il povero netturbino appena entrato nel portone suonava una trombetta che preannunziava il suo arrivo e si inerpicava veloce su per le scale a due a due (o forse più) con le sue gambe lunghe, ovviamente a piedi.
Tutti si affrettavano a preparare il loro secchio, non sia mai perdere il turno.

Il netturbino saliva all'ultimo piano e lì iniziava la raccolta svuotando la melma casalinga di ciascuno in un sacco grande - mi auguro che fosse almeno un po' impermeabile, che trascivana via sulle spalle curve sotto il peso.
Man mano che scendeva il sacco si appesantiva, ovviamente, ma poco male : il netturbino, era alto, magro ma evidentemente robusto e faceva il suo lavoro praticamente di corsa.

Il "percolato" non esisteva nemmeno nel vocabolario ma sicuramente era costantemente presente lungo la schiena del povero netturbino che giunto poi a piano terra svuotava il secchio in un recipiente più grande, probabilmente collaborato da altri suoi colleghi.

E subito dopo passava velocemente ad un altro carico, al portone successivo, con percolato incorporato.
Un'autentica barbarie, insomma, ma forse proprio per questo quel personaggio aveva un che di mistico e mitico allo stesso tempo.

Il suo sacco ingurgitava immondizia senza un lamento da parte sua, sembrava gli piacesse e comunque non dava il minimo segno di insofferenza, forse accelerava addrittura per finire prima tutto il lavoro e magari andarsi a lavare di corsa.

O forse ancora era talmente compenetrato nella sua parte che lui e l'immondizia era una cosa sola e non ci pensava nemmeno a lavarsi, ma fatto è che quando poi lo si incontrava per strada da civile era tutta un'altra cosa e tuttavia la sua fìgura spiccava sempre, lo si riconosceva subito tra mille, era lui, il nostro "spazzino", alto, magro, dinoccolato, robusto, mitico. Sembrava impossibile che avesse un'altra vita.

Forse il suo portamento molto magro era dovuto proprio alla gigantesca attività fisica cui era costretto per il suo lavoro, ma sicuramente alcuni suoi colleghi non ne risentivano affatto, ed avevano un fisico decisamente abbondante.

A noi il secchio dell'immondizia, specie d'estate, faceva schifo solo a passar vicino tanto puzzava; e non parliamo del secchio dopo Natale e Santo Stefano, ritirato inevitabilmente a distanza di giorni, traboccante di ogni fetenzia che la mente umana poteva immaginare, con una lunga stagionatura ed una più puzza da stordire gli sventurati che si avvicinavano troppo.

Lui niente, come se nulla fosse, forse s'era fatto bruciare le cellule dell'olfatto. Ma quasi tutti noi eravamo sicuri che solo lui al mondo poteva fare quel lavoro e se non veniva lui a ritirare il nostro secchio ci sembrava quasi di fargli una scortesia a consegnare la "meglio" schifezza di famiglia nelle mani altrui.

A Natale e a Pasqua si soffermava anche a fare gli auguri alle famiglie, la povertà era ancora tanta mentre il boom economico scoppiava in mano ad altri, ed erano pochi i "coraggiosi" che ricambiavamo con qualche piccola mancia.
Ma non faceva nulla, era quasi di casa per tutte le famiglie del palazzo e forse anche lui sentiva la confidenza cui ci aveva portato la reciproca pratica giornaliera.

Poi qualcuno con la testa più quadrata delle altre finalmente ebbe una felice intuizione e la barbarie da un giorno all'altro cessò : chi voleva smaltire l'immondizia doveva portarla giù al piano terra.

Ma per noi non cambiò nulla e se lo si incontrava per strada da civile, lo si riconosceva subito tra mille, era lui, il nostro spazzino, alto, magro, dinoccolato, robusto, mitico, finalmente libero di alzare la schiena e star su in tutta la sua strabiliante altezza.

E non è un personaggio inventato, è esistito davvero, ne conoscevo anche il nome che ora non mi sovviene, è sopravvissuto a lungo alla barbarie subita.

Ed ogni tanto ritorna in mente quella figura che insieme ai suoi colleghi ha avuto tanta importanza negli anni 50-60 per tutte le famiglie della Città.

Con un po' di rimorso per quante ne ha subìto per via di tutti noi, per quanto incolpevoli.




aggiornamento del 30-12-2016
Sono andato a chiedere all'Asia ed ovviamente lo conoscevano tutti.
E' stato a lungo dipendente dell'Azienda, e prima ancora della ditta Langione che negli anni 50-60 aveva in gestione il Servizio di nettezza urbana.
Si chiamava Silvio D'Andrea, ora non c'è più,
E' lui quello nelle foto che ho prelevato dal sito web del Cral Asia che il Presidente Zoppoli ha messo a disposizione.
La sua altezza lo rende inconfondibile ed immediatamente riconoscibile.

Era benvoluto da tutti, e tutti quelli che lo ricordano ne parlano bene.
Era uno dei tanti, di quelli che nel dopoguerra, sacco in spalla, testa china e pochi lamenti, hanno portato l'Italia fuori dai dolori appena trascorsi, facendola diventare un paese moderno ed operoso.

Poi le cose hanno preso una brutta piega, ma sono in molti a ricordare quella persona e molti mi hanno contattato sostenendo non solo di riconoscerlo ma che era anche il "loro" netturbino.
Segno che, evidentemente, andava un po' in giro per tutta la città, lasciando in tutti il bel ricordo che ne ho io.

Grazie, dunque, a Silvio D'Andrea e a quanto ha fatto per noi, testa china, sacco in spalla e pochi lamenti.















 
 

Ctg società, commenti 1, letto 2493 volte
Commenta  


1 commento   top
n.561 - ha scritto Nappi Raffaele  01-01-2017 08:51:13  
Sono l'ultimo dipendente assunto dalla ditta Langione, il 1° maggio 1977 ma, vi bazzicavo già da prima perchè mio padre vi lavorava dal 1962, ricordo molto bene Silvio come i tanti altri che all'epoca chiamavano "spazzini", persone che lavoravano con dignità e nella stragrande si comportavano come se fossero state un unica famiglia infatti, spesso, al termine del sirvizio si ritrovavano insieme in una famosa cantina di Benevento e li pranzavano!

E' vero, quei sacchi erano enormi e non si fermavano mai per raccogliere i rifiuti nei condomni, però devo dire che venivano lavati regolarmente!

Purtroppo ad oggi di tutti loro ne restano pochi infatti, proprio a Natale è venuto a mancarne un altro, il tempo passa ma, i ricordi sono indelebili.

Per ultimo, voglio dire che chi non conosce l'azienda, la foto che ritrae gli addetti all'officina, è stata scattata avanti a quella che ancora oggi è l'officina, sede storica e, il capannone adiacente è stato costruito dai miei zii, Picariello Giovanni poi assunto dalla Langione e Picariello Carmine.

Altri tempi!!
 
 
 

0,0938
letto 2493 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 
sfoglia l'album delle foto

 


Potrebbero interessarti anche ...

“Esther per non dimenticare”, al via il progetto per rendere Benevento zona territoriale #TrattaFree
La presentazione al Centro di Pastorale giovanile

Elide Apice, n.11942 07-02-2019
letto 68 volte
, tags società

La città di Benevento ottiene la nomina di “Città che legge” anche per il biennio 2018/19
Molto del merito va alle associazioni che promuovono la lettura sul territorio

redazione, n.11285 30-05-2018
letto 157 volte
, tags società

La “Fresella beneventana” vince il “Premio Dino Villani 2018”
La comunicazione da parte dell’Accademia Italiana della Cucina

Elide Apice, n.11158 08-05-2018
letto 343 volte
, tags società

“Gran Casinò - Storie di chi gioca sulla pelle degli altri” per parlare di gioco d’azzardo
All’incontro ha partecipato Don Marcello Cozzi

Elide Apice, n.11156 07-05-2018
letto 332 volte
, tags società

Violenza di genere: la Polizia di Stato scende in campo
"questo non è amore" farà tappa in città e in provincia

redazione, n.10383 26-10-2017
letto 116 volte
, tags società

"Nuovi sguardi" con il Fai alla scoperta della città
Successo per l'iniziativa organizzata dal gruppo Giovani della Delegazione Fai Benevento

Elide Apice, n.10302 15-10-2017
letto 1512 volte
, tags società

Umanità in collegio
La differenza tra chi soffre e chi dà la sofferenza

Enrico Cavallo, n.10101 19-08-2017
letto 266 volte
, tags società

Scuola civica Alma d'Arte: al via i laboratori gratuiti. Dalla musica al teatro tutto ciò che serve alla formazione artistica
Intanto si lavora al Primo festival delle Associazioni previsto per il 18 giugno prossimo

Elide Apice, n.9804 02-06-2017
letto 765 volte
, tags società

Mons. Felice Accrocca, Arcivescovo di Benevento
Riorganizzazione degli Uffici della Curia (?)

Enrico Cavallo, n.9802 01-06-2017
letto 634 volte
, tags società

Da piccoli eravamo alla ricerca dell'erba
Quella "intrattienimi" per la precisione

Enrico Cavallo, n.9699 21-05-2017
letto 267 volte
, tags società




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook