emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Eduarda Iscaro, tra musica e memoria, tra passato e fututo
     
        _________

lun 16-01-2017 16:25, n.8957 - letto 2954 volte

Eduarda Iscaro, tra musica e memoria, tra passato e fututo

Tanti gli impegni per la giovane artista sannita

di Elide Apice
sfoglia l'album delle foto   

Eduarda Iscaro, un nome, una garanzia, viene da pensare, tanto il suo impegno nella mondo della musica e delle tradizioni.
Giovane artista in cui convivono l’amore per la sua terra, le colline sannite, l’amore per i luoghi ormai abbandonati e lo slancio verso luoghi altri di cui respira il futuro.
L’abbiamo incontrata per farci raccontare qualcosa delle sue molteplici attività e l’abbiamo trovata appassionata narratrice di storie musicali, impegnata in tante collaborazioni tutte improntate alla ricerca e alla proposizione della bellezza.
“Ho iniziato tantissimi anni fa con l’amore per la fisarmonica – ricorda e il ricordo è vivo nel suo sguardo – in estate al mio paese ritornavano gli emigranti, zii e cugini partiti anni prima e con loro avevano fisarmoniche che mi incantavano”,
Otto anni o giù di lì e un destino segnato pur continuando a studiare, il Liceo classico frequentato a San Giorgio del Sannio e poi gli studi classici e una laurea alla Federico II e ora la specializzazione al Conservatorio Cimarosa di Avellino.
Tra tutte queste belle cose l’impegno lavorativo dapprima con Il Canzoniere della Ritta e della Manca, musica popolare, passione e forza, poi l’incontro più o meno casuale con Nicola Piovani.
“Fui contattata da una sua segretaria perché il maestro cercava una fisrminicista per ‘La Guardiana del Faro’ e così ho calcato la scena suonando dal vivo accanto a personaggi come Angela Pagano”.
Proprio con questa pièce fu nel 2012, tra le proposte di punta della programmazione dello Stabile di Napoli.
Ancora nel 2016 continua la collaborazione col maestro Piovani, con la sua partecipazione alla Compagnia della Luna , direzione artistica dello stesso Nicola Piovani, con “Tra la gente di Cerami” Racconti di Vincenzo Cerami, adattamento di Aisha Cerami con Massimo Wertmuller e Anna Ferruzzo.
Davvero interessante l’attività de La Compagnia della Luna fondata nel 1990 da Nicola Piovani con Lello Arena e Vincenzo Cerami con lo scopo di realizzare spettacoli in cui drammaturgia e musica fossero sullo stesso piano narrativo e avessero uguale valore scenico dai forti contenuti.
“Sono stata molto contenta, poi, di incontrare per la mia strada Massimo Andrei che già da tempo mi aveva colpito per la genialità dei suo Snack (gli ‘spuntini ‘ di riflessione) che ascoltavo divertendomi in metropolitana.
Poi l’incontro con questo grande attore e la collaborazione per le Favole sottoterra’ a riscoprire la Napoli sotterranea seguendo le suggestioni delle parole e delle musiche. Con lui sarò ancora impegnata ne ‘Le favole del mare’ al San Carluccio dal 16 a al 26 febbraio prossimi”.
La pièce ha vinto il premio Pistrice al Positano Teatro festival e Eduarda ne parla con entusiasmo come mezzo che riesce a coniugare la tradizione napoletana ad una certa modernità riuscendo al contempo ad essere trasversale ai tempi e ai luoghi.
“Le favole del mare sono una sorta di inno a Napoli e alle sue mille bellezze attraverso il racconto fiabesco con attenzione all’elemento musicale.
La musica, infatti, sottolinea gli aspetti emotivi della narrazione amplificandone gli aspetti”.
Poi il ricordo ritorna a Piovani per il film Benur sempre per la regia di Massimo Andrei per il quale ha registrato le musiche scritte dal maestro.
Non solo musica quindi per Eduarda Iscaro, appassionata di teatro.
“Un’amore antico – confessa- quando con Teatro Eidos, ai temi del liceo, mi cimentavo in qualche laboratorio teatrale. Mi sono trovata talmente bene con loro che ancora oggi mi piace seguirli e impegnarmi nella loro compagnia (prossimamente, dal 25 al 27 gennaio, Eduarda sarà tra i protagonisti de La trasferta con Teatro Eidos al Teatro de Simone). Sono persone e artisti eccezionali, grandi professionisti, eroi della bellezza e operano bene nonostante le tante difficoltà economiche legate a un mestiere che non ripaga appieno dei tanti sacrifici”.
Ancora nel beneventano una collaborazione con La Compagnia dei Folletti e l’associazione Verheia all’UOSM di Airola.
“Saremo in scena il 10 giugno prossimo e ho accettato la sfida di comporre le musiche e di provare a farle interpretare ai pazienti/ attori!”
Inoltre, Eduarda Iscaro ha anche un bell’impegno a Cautano dove ha dato vita, presso l’Officina delle Arti, ad un laboratorio di canto in cui si cerca di recuperare i canti popolari nella maniera più estesa possibile, dalla tradizione ai cantastorie rielaborati attraverso la forza di un gruppo polifonico di ragazze molto volenterose.
Il discorso cade infine su Franco Arminio il poeta e cantore della paesologia.
“Ho cominciato a seguirlo al Festival di Aliano, mi sono lasciata trasportare dalle sue suggestioni, ho apprezzato il recupero della memoria dei piccoli paesi dimenticati.
Una bella presenza, quella di Franco Arminio che porta forza ai tanti paesi dell’entroterra che difende grazie alla forza della sua poesia.
Da quando l’ho conosciuto e ho imparato ad apprezzare il suo pensiero mi sento più forte e capace di affrontare il mondo dove portare con maggior serenità il mio messaggio attraverso la musica.
La sua è una poesia di consapevolezza di proposta di un modello esistenziale differente per uscire da una realtà un po’ robotica”.















 
 

Ctg interviste, commenti 1, letto 2954 volte
Commenta  


1 commento   top
n.568 - ha scritto Mariano Bocchini  01-01-2018 16:58:04  
Secondo la mia modestissima opinione, ritengo che la nostra compaesana Eduarda Iscaro meriti già da oggi palcoscenici prestigiosi e ribalte televisive di tutto rispetto. Ad maiora maestra Iscaro! Verrò ad applaudirLa ogni qual volta se ne presenterà l'occasione, perché la sua musica ed il suo personaggio toccano il cuore e lo tengono in fermento per la grandezza delle Sue interpretazioni.
 
 
 

0,1983
letto 2954 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Festa della musica 2019: Conferito il Premio nazionale delle Arti a Francesco Moscardi
Gran finale, ieri, con il concerto jazz dedicato a Charles Mingus

Elide Apice, n.12439 24-06-2019
letto 49 volte
, tags festa della musica 2019

Festa della musica 2019: successo per la prima serata dedicata alla musica napoletana
Nel pomeriggio di oggi l’incontro con Mogol

Elide Apice, n.12434 21-06-2019
letto 66 volte
, tags musica

Conferenza Stampa di presentazione della Festa Europea della musica 2019 e del Premio Nazionale delle Arti
Il 18 giugno in Biblioteca

redazione, n.12408 14-06-2019
letto 23 volte
, tags comunicati

Lunedì 10 giugno l’inserto del Sole 24 Ore “Guida Università 2019–2020” dedica un’intera pagina al Conservatorio di musica “Nicola Sala” di Benevento
La nota del presidente Verga

redazione, n.12386 09-06-2019
letto 20 volte
, tags comunicati

“Voci confinanti in estreme congiunzioni” appuntamento tra musica e parole che ha piacevolmente convinto il pubblico
Ieri alla Rocca dei Rettori per Sinergie2019

NiPe, n.12383 07-06-2019
letto 83 volte
, tags eventi

Il Conservatorio di musica “Nicola Sala” conferirà la Laurea Honoris Causa a Mogol durante il Premio Nazionale delle Arti XIV Edizione
Appuntamento per il 21 e 22 giugno

redazione, n.12334 24-05-2019
letto 27 volte
, tags comunicati

“Città di Airola”, i premiati delle sezioni scuole e musica da Camera
In Valle Caudina 1600 allievi da istituti di tutta Italia. Grande attesa per canto lirico e premio “Moscato”

redazione, n.12320 18-05-2019
letto 40 volte
, tags comunicati

Tutta la musica del mondo al Museo Arcos, dalla tarantella a Piazzolla, da Sting ai Queen a Franco Battiato, con un pensiero a Maradona
Ieri sera il concerto a cura di Sannio Europa

Antonio Esposito, n.12277 05-05-2019
letto 136 volte
, tags musica

L’Arte della Fede: dalla matematica, alla poesia, alla musica e oltre
Incontro al Guacci in collaborazione con l’UniSannio

redazione, n.12160 25-03-2019
letto 98 volte
, tags comunicati

"musica e poesia nei madrigali di Carlo Gesualdo
Con l'Auser al Cesvob

redazione, n.12074 11-03-2019
letto 72 volte
, tags comunicati




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook