emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, societa'
   
Home
Agenda
Cerca
Facebook
Youtube
Il Magnifico Visbaal Teatro presenta Nevrotika (VOL 4-5.6)
     Condividi su Facebook
     

mar 08-01-2019 12:45, n.11844 - letto 46 volte

Il Magnifico Visbaal Teatro presenta Nevrotika (VOL 4-5.6)

L’appuntamento è per sabato 12 gennaio alle 21 allo spazio culturale in vico Fimbrio – Rione Triggio.

dalla redazione


Il Magnifico Visbaal Teatro presenta Nevrotika (VOL 4-5.6).
L’appuntamento è per sabato 12 gennaio alle 21 allo spazio culturale in vico Fimbrio – Rione Triggio.
Si recupera così l’appuntamento annullato lo scorso mese di dicembre.
PRENOTAZIONI (VIVAMENTE CONSIGLIATE) 333 6304056 - 331 2232691
Nevrotika, scritto e diretto da Fabiana Fazio è con Fabiana Fazio, Valeria Frallicciardi e Giulia Musciacco. Aiuto regia,Angela Carrano. Foto di scena di Massimiliano Ricci.
La nevrosi, o meglio di quel “disturbo dell’adattamento” da cui nessuno, o quasi può dirsi del tutto salvo oggigiorno. Woody Allen, è il simbolo emblematico di come le rappresentazioni artistiche di questo disturbo possano essere catartiche ed allo stesso tempo portarci ad una sua migliore comprensione.
Così il viaggio di Fabiana Fazio continua in un’analisi di quello che oramai rischia di diventare un lato della stabile personalità.
Quali conseguenze produce sugli individui, una società sempre più malata come la nostra?
Ancora una volta è questa la domanda da cui parte Fabiana Fazio autrice, regista e interprete di Nevrotika Vol. 4-5-6, secondo capitolo della saga sul disagio.
Viviamo in un’epoca nella quale, per rispondere all'esigenza di amalgamarsi all'identità di massa, il proprio sé scivola sempre più nell'oblio, procedendo verso una totale “dimenticanza”.
“Dopo aver iniziato con Nevrotika vol. 1-2-3, come novelli Dante, un lungo, tortuoso e ironico viaggio negli inferi della nostra esistenza, con Nevrotika vol. 4-5-6 continuiamo a esplorare i diversi gironi dei dannati, condannati a perseverare nei nostri errori, a girare perpetuamente su noi stessi, come un cane che si morde la coda pur non avendola, costretti a pagare la nostra incapacità di rompere gli schemi e le dinamiche imposte.
Ipocondriaci, ossessivo-compulsivi, paranoici, fobici, ansiosi, maniaci del controllo, maniaci depressivi…ognuno potrà riconoscersi nel girone che preferisce; ce n’è per tutti!”



 
 

Ctg comunicati, letto 46 volte
Commenta