emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, societa'
   
Home
Agenda
Cerca
Facebook
Youtube
E' Amata Nobis di Tullia Bartolini il primo libro in Braille per il Premio letterario Benevento Braille
     Condividi su Facebook
     

sab 25-06-2016 13:31, n.7966 - letto 703 volte

E' Amata Nobis di Tullia Bartolini il primo libro in Braille per il Premio letterario Benevento Braille

Questa mattina la cerimonia di premiazione

di Elide Apice
sfoglia l'album delle foto   


"Amata Nobis” (Giovane Holden editori) il libro di Tullia Bartolini è a stato scelto per una traduzione in Braille per il Premio letterario Benevento – Braille organizzato dell'Associazione Culturale Benevento Inside.
Lo ha comunicato il presidente Dario D'Auria nel corso di un incontro dal titolo “non ancora in Braille”tenutosi stamattina in Prefettura.
“Una scelta ponderata da oltre un anno di attenzione – ha dichiarato D’Auria – perché volevamo un libro che si distinguesse per la forte per la forte carica emozionale che scaturisce dalla lettura di uno stato femminile in un'epoca solo apparentemente lontana e che si prestasse ad una traduzione in Braille per i ciechi e una in carattere 18 per gli ipovedenti”.
Oggi, 25 giugno, la data scelta per l’annuncio perché come dichiarato da Raffaela Masotta, presidentessa dell UICI - Unione Italiana Ciechi Ipovdenti, ricorre la giornata dedicata a questa disabilità.
Un libro suggestivo che restituisce emozioni antiche, che parte da una narrazione legata alla figura di Bellezza Orsini “che ho immaginato più giovane di quanto, all’incirca sessantenne, fu sottoposta a processo.
Alla figura della protagonista e dei tanti personaggi reali, l’autrice ha voluto aggiungere personaggi e storie di fantasia, tutti, però, basati su un attento studio di quel processo e dalla profonda lettura delle testimonianze storiche.
“Da sempre la mia mente gira intorno a questa figura, nel tempo ho scritto di Bellezza e della sua storia ricavandone anche una pièce teatrale interpretata da Loredana La Peccerella.
E' come se, in qualche modo, io continui ad inciampare nella sua figura” così tullia Bartolini nel narrare il suo legame con il ricordo di questa donna forte, che sapeva tenere testa ai potenti, che ha pagato la colpa di saper leggere e di saper usare le erbe medicamentose come e meglio dei medici del tempo.
“Un romanzo i cui personaggi sembrano segnati da un ineluttabile destino al quale non possono sfuggire” per Loredana La Peccerella, come se ognuno di loro fosse prigioniero del proprio modo di pensare e a differenza di Bellezza non avessero la forza di sfidare il mondo e proprio per questo la odiavano.
Il romanzo sembra concludersi con la morte di Bellezza che si suicidò infilzandosi un chiodo in gola, ma le ultime pagine si aprono su una possibilità di scelta futura.
Il libro è vincitore del premio speciale al Premio Letterario Nazionale Bukowsky nl 2014.
Nel corso dell’incontro la parola è passata alla socia Maddalena che ha letto una breve nota su Braille, scritta nell’omonimo linguaggio e con Paola Tranfaglia che ha spiegato come anche gli ipovedenti e i ciechi, utilizzando le più moderne app possono utilizzare con semplicità computer e smratphone
Presenti in sala Maria De Feo in rappresentanza della Prefettura, Tonino Pedicino, in rappresentanza della La Sovrintendenza BAEP di Caserta e Benevento che ha anche letto un incisivo testo tetsimoninza delle emozioni provate durante il Cocktail al Buio proposto dal’associazione durante la scorsa Città Spettacolo, Giuseppe Ilario per il Conseravtorio Nicola Sala oltre naturalmente Tullia Bartolini autrice del libro che è stato presentato da Loredana La Peccerella e di cui Daniela Ferro ha letto alcuni brani.
La premiazione è successivamente avvenuta alla Rocca dei Rettori dove Tullia Bartolini ha ricevuto una targa in argento raffigurante l’arco di Traiano realizzata da un artista contemporaneo
Il progetto è sostenuto da : Provincia di Benevento, Rotary Club di Benevento, Lions Club Arco di Traiano di Benevento, FaLvision Editore Casa Editrice Braille.
Main Sponsor Incas Caffè di Benevento.













 
 

Ctg Incontri, letto 703 volte
Commenta