emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Teresa Manganiello - Sui passi dell\'amore-1840/1876
     
        _________

lun 21-05-2012 21:29, n.155 - letto 9989 volte

Teresa Manganiello - Sui passi dell'amore-1840/1876

Federica Citarella protagonista del film prodotto dalla Congregazione Suore francescane immacolatine

di Elide Apice
sfoglia l'album delle foto   

Così il grande giorno è arrivato e le suore Francescane Immacolatine di Pietradefusi hanno potuto assaporare la gioia  di veder terminato il film da loro commissionato al regista Pino Tordiglione.
"Teresa Manganiello - Sui passi ell'amore -1849/1876" questo il titolo per un film che in realtà è un docufilm.
La storia si snoda in un doppio arco temporale che parte dai nostri giorni con una Mariagrazia Cucinotta che    interpreta la giornalista d'assalto Fabrizia Gregori..
Ferita in Afghanistan e  ricoverata a Roma, riceve un manoscritto di suo padre con il qulae pare evidente che non abbia un buon rapporto.
In questo momento il film si sdoppia e la scena si porta nelle nostre zone, la stazione di Benevento accoglie l'anziano scrittore, Alberto che, alla ricerca della storia di Teresa Manganiello,viene accolto dalle suore immacolatiane, si propio loro tra attori e attrici.
Il viaggio fino alle verdi valli irpine, i richiami letterari e storici, le belle e suggestive vie di Montefusco, la Chiesa di Sant'Egidio da dove comincia il racconto ormai entrato nel secolo della protagonista, tutto contribuisce a creare un film  certamente di livello con una scelta ottimale di musiche, con una  buona fotografia, dall'ambientazionme precisa tanto da poter essere interpretato come ricostruzione storica del periodo dell' Unità d' Italia.
Un buon prodotto, per dirla con Sgarbi che ne ha curato la critica, in cui " non ci sono scene eclatanti, ma che trae    la sua forza dalla condizione di umanità partecipata della giovane Teresa e nel qulae si intravde una regia dalla    mano ferma  capce di esaltarsi alla bontà delle intenzioni, ma di non cedere alla retorica".
Arrivato a Sant'Egidio, Alberto si imbatte nei manoscritti di Padre Ludovico Acernese, confessore di Teresa che  in estrema povertà decide di donare la sua vita per i bisognosi.
Fonderà da laica. l'indigenza della famiglia non le permette di diventare suora, il terzo Ordine Francescano che non si interromperà mai, nemmeno con la sua  prematura morte avvenuta a soli 27 anni. 
Il cinema San Marco stracolmo in ogni ogni ordine di posti come quasi mai mai si era visto per proiezioni    cinematografiche, presenti tra i tanti il sindacodi Benevento, Fausto Pepe,il presidente della Provincia, Aniello Cimitile, le autorità civili e militari, l'assessorealla cultura della Provincia, Carlo Falato,vari sindaci della provincia dei comuni della provincia di Avellino.
Folla delle grandi occasioni per un momento importante che è stato presentato da Don Pasquale Mainolfi per il quale "è un film sul valore dell'altruisno e dell'amore verso l'altro espresso da questa ragazza, povera tra i poveri".
"Film commissionato - ci ha spiegato Fausto Acernese, produttore esecutivo - con difficoltà connesse ai problemi    economici dovuti al cast d'ecezione e alla postprouduzione di altissimo livello, superati, però, da una capillare    programmazione  e pianificazione delle riprese.
"Mancava nella produzione cinematografica un personaggio che testimoniasse il passaggio dal regno sabaudo    all'Unità d'Italia- ci dice Pino Tordiglione, il regista del film - e per questo abbiamo scelto Teresa Manganiello,    testimone della povertà e della sofferenza del tempo".
" Un film sul valore dell'altruismo e dell'amore verso l'altro espressi da questa ragazza, povera tra i poveri" per Don Pasquale Mainolfi.
Poi l'arrivo di Vittorio Sgarbi che ha, come facoile prevedere, monopolizzato l'attenzione della stampa e dei presenti    e poi la proiezione cui è seguito un dibattito.
Tutto perfetto con un solo ma.
Cosa c'entrava col contesto la "velina", giovanissima e carinissima, fatta trovare dalla  produzione ad attendere un inconsapevole Sgarbi?


  
   
   
   
   









































 
 

Ctg cinema, commenti 1, letto 9989 volte
Commenta  


1 commento   top
n.18 - ha scritto Invidea  24-05-2012 15:56:17  
La produzione è del tutto, diciamo "tutto" estranea alla velina.
 
 
 

0,0618
letto 9989 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Il processo ai Chicago 7
Il punto di vista di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.13407 29-04-2021
letto 252 volte
, tags cinema

Elegia Americana, un film dalla narrazione veloce
Il punto di vista di maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.13406 28-04-2021
letto 222 volte
, tags cinema

Hammammet e l'incommensurabile Favino
Il commento di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12851 11-01-2020
letto 6552 volte
, tags cinema

"Tolo Tolo", nelle sale l'ultimo film di Checco Zalone
Il commento di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12835 04-01-2020
letto 6721 volte
, tags cinema

"Il primo Natale", nelle sale il novo film di Ficarra e Picone
Un film bello, gentile, simpatico, colorato con un finale delicato perchè dove c'è l'accoglienza esiste la speranza.

Maria Pia Ciani, n.12825 31-12-2019
letto 6476 volte
, tags cinema

La dea Fortuna, al cinema l'ultimo capolavoro di Ozpetek
Le impressioni di Maria Pia Ciani

redazione, n.12815 21-12-2019
letto 6715 volte
, tags cinema

"Gloria Bell" un inno all'indipendenza femminile
Il commento di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12732 25-11-2019
letto 6375 volte
, tags cinema

"Cetto c'è, senzadubbiamente" in sala dal 21 novembre
Il commento di maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12731 25-11-2019
letto 6364 volte
, tags cinema

"L'uomo del labirinto" il secondo lungometraggio di Donato Carrisi
Il punto di vista di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12654 04-11-2019
letto 6475 volte
, tags cinema

M – sono solo un ragazzo, presentato alla stampa il nuovo film di Lorenzo D’Amelio
Questa mattina al Museo del Sannio

Elide Apice, n.12610 22-10-2019
letto 6527 volte
, tags cinema




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook