emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Il pollastrone tenta una fuga senza scampo
     
        _________

sab 29-06-2013 13:01, n.887 - letto 7695 volte

Il pollastrone tenta una fuga senza scampo

Le mitiche avventure di quelli del Viale Martiri d'Ungheria

di Enrico Cavallo

Al primo piano abitava il mitico "Zi'ndrea".
Non s'è mai capito quante famiglie coabitavano nella stessa casa
Zi'ndrea voleva bene ai bambini ... era uno di noi ... sempre dalla nostra parte, pronto ad abbeverare qualsiasi banda di assetati, anche se estranei e solo di passaggio, una persona di cuore.
Tra gli altri, a casa di Zi'ndrea abitava il "Mutillo", chiamato così perchè era muto, ovviamente.
Il Mutillo era un tutto-fare capace di ogni mestiere ed a lui erano affidate alcune incombenze più impegnative.
Un giorno esce per strada agitando un pollastrone per le zampe.
Non era un pollastro qualunque, era gigantesco, davvero un bell'esemplare "da combattimento".
Era ben chiaro che le cose avrebbero richiesto una particolare attenzione ed, infatti, un paio di omaccioni  accompagnavano il Mutillo verso il campetto a fianco del palazzo, pronti a tutto .
Il Mutillo si infila il pollastro fra le gambe, stringendolo bene per il corpo, tiene la testa con una mano, nell'altra brandisce un coltellaccio.
Gli omaccioni si posizionano dietro al Mutillo, e mantengono la "bestia" per le zampe mentre il Mutillo inizia a tagliare la gola del povero animale.

"Povero" per modo di dire !
Il disgraziato (nel senso del "fetentone") pollastrone era stato infatti ospite in casa di Zi'ndrea nei giorni e nelle notti precedenti ed aveva straziato con i suoi chiccirichì, tutti rigorosamente in piena notte, l'intero condominio.
Era come se avesse avuto il fuso orario non sincronizzato e cantava a squarciagola alle due, alle tre di notte, come se la sentiva sul momento.
Più o meno tutti i condomini avevano meditato vendetta.

Di conseguenza, la morte del pollastro, che pure era considerato un atto di semplice routine - sarebbe finita così anche se non avesse cantato - era diventata, sul momento, il gesto dovuto di una sana, semplice ma meritata vendetta.

Tutti a tifare per il Mutillo, dunque...

Il fatto era che questi tagliava e tagliava ma il pollo non dava segni di "moribondità", anzi !
Intorno al gruppetto dei taglia-testa, intanto, si era alimentata una bella crocchia spontanea di curiosi, ed anche sui balconi del condominio si assiepavano indomiti appassionati di ammazzamenti di piazza.

Ad un tratto, con un vigoroso colpo a sorpresa, il Mutillo stacca la testa al pollo.
Il disgraziato (rectius : maledetto), non aderisce alle aspettative di tutti e non si abbandona affatto alla morte ormai, se non sopraggiunta, certamente inevitabile ed imminente.
Anzi approfittando di un momento di incertezza degli omaccioni, che avevano allentato imprudentemente la presa alle zampe, si divincola e riesce ad avviarsi in una disperata quanto avventurosa fuga.

Un'autentica scena da film...
Il pollastrone, senza la testa, corre disperato verso il Viale Mellusi, la strada in discesa lo aiuta.
Dietro di lui a guidare la processione degli infuriati inseguitori, il Mutillo, col coltello in una mano e con la testa del pollo nell'altra.
Lo scatto improvviso verso il fuggitivo non è indolore per nessuno, e lo stesso Mutillo, pur secco e segaligno, ansima con affanno.
Urla disperate accompagnano l'inseguimento e non si contano gli espliciti inviti ad abbandonare ogni tentativo d'evasione : "omm'e mme', addo' vai", "disgraziat' (disgraziato, appunto) torna 'cca".

Subito dietro il Mutillo, gli sprovveduti omaccioni, impediti in un agevole inseguimento dalle pancie trabordanti, che tuttavia, sentendosi colpevoli agli occhi di tutti della fuga, cercano di recuperare il malfatto superando il Mutillo nella corsa.
Dietro, infine, lo stuolo di tutti i condomini, accorsi in aiuto ai curiosi già presenti, tutti improvvisati giustizieri di pollastri più morti che vivi.

Il pollastrone arriva fino al Viale Mellusi, percorrendo una cinquantina di metri in tutto ... è la fine per lui, ci ha provato; ma, si sa, nulla si può senza la testa.
Il trambusto ha ormai coinvolto anche tutto il vicinato.

Il malfatto viene stigmatizzato con una decisione storica.
Il corpo del malfattore, ormai vinto, viene infatti appeso per le zampe al culmine dello stenditoio del Mutillo, esposto a sgocciolare il poco sangue rimasto, come gesto puramente intimidatorio verso improbabili emuli.
L'onore del Mutillo, degli omaccioni, del condominio, del vicinato è salvo !
E tutti, passando, hanno parole di biasimo per il lurido fuggitivo e di commossa partecipazione al dramma di una temuta perdita della preda vissuto dai poveri inseguitori.

Erano gli anni '60.
Quelli che sarebbero stati i futuri animalisti, "nascevano" proprio in quei giorni e solo qualche decennio dopo incominciarono a far sentire la propria voce.

Io non ho mai più mangiato carne di pollastroni conosciuti, vivi o morti, di persona.








 
 

Ctg società, commenti 1, letto 7695 volte
Commenta  


1 commento   top
n.250 - ha scritto Enrico Cavallo  29-06-2013 17:23:24  
avventure "mitiche" perchè nell'intero nuovo rione mellusi, anni '60, solo i giovanotti del viale martiti d'ungheria giocavano a pallone per strada;
niente di strano, direte voi !?
forse non sapete che il Viale è in discesa, al primo tempo, ma in salita, al secondo tempo...
difficilissimo giocare ;
infatti dopo un po' anche i più ostinati si rassegnavano a giocare nella attigua via foschini, più stretta ma quasi pianeggiante...
 
 
 

0,4127
letto 7695 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Florian Ciornei: storia di un successo
Dalla Romania all’Italia con passione e determinazione

Elide Apice, n.13478 03-07-2021
letto 871 volte
, tags società

Benevento con Dante ed i "Bla Bla Blau" assenti
Viva e ben vegeta la "nostra" Benevento in onore del sommo poeta

Enrico Cavallo, n.13438 03-06-2021
letto 2112 volte
, tags società

Palestina/Israele, la situazione è incandescente
La nota di Francesca Albanese

Elide Apice, n.13426 22-05-2021
letto 261 volte
, tags società

La bellezza di Santa Sofia nel Gran Tour Longobardo, pubblicato sulla rivista "Dove"
L’assessore Del Prete: “Facciamo squadra per il sito Unesco”

Antonio Esposito, n.13404 27-04-2021
letto 397 volte
, tags società

Stregati da Sophia, termina con un omaggio a Dante la settima edizione del Festival filosofico
Svelato il tema dell'edizione 2022

Elide Apice, n.13364 23-03-2021
letto 390 volte
, tags società

La poesia è resistente. Partito il progetto di video poesia nella metropolitana di Napoli
Dall’8 febbraio clip poetiche di undici poeti campani

Elide Apice, n.13305 09-02-2021
letto 497 volte
, tags società

In questo anomalo Natale la luce della speranza accesa dal Fai
Ai Morticelli l’allestimento di un semplice presepe

Elide Apice, n.13274 22-12-2020
letto 6244 volte
, tags società

Opera indomita: si pensa ad una scrittura collettiva sul Natale
Artefice e ideatore del progetto è Pietro Damiano

Elide Apice, n.13237 04-11-2020
letto 6359 volte
, tags società

La lunga carriera di Carlo Verdone premiata al Festival BCT per la sua comicità popolare
Ieri a Piazza Cardinal Pacca successo di pubblico

Brunella Donisi, n.13154 03-08-2020
letto 6724 volte
, tags società

Dalla Tombola al Bingo musicale: la parabola di Coky Ricciolino
Il gioco on line è gratuito

Elide Apice, n.13068 16-05-2020
letto 6421 volte
, tags società




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook