emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Nota del Gruppo Exit Strategy a proposito di 'femminicidio'
     
        _________

ven 16-08-2013 09:00, n.1013 - letto 7274 volte

Nota del Gruppo Exit Strategy a proposito di 'femminicidio'

Perchè questo decreto non ci piace

di Elide Apice


 Il decreto legge recentemente approvato dal Consiglio dei Ministri è certamente  un passo avanti nella lotta al femminicidio, ma consentiteci di muovere qualche critica.
Sostanzialmente si tratta di un decreto repressivo che non dice nulla  a proposito della prevenzione che dovrebbe avvenire attraverso quella che chiamiamo " rivoluzione culturale" che parte dalla formazione  all'educazione al genere, alla sessualità, all'affettività e lo faccia attraverso la formazione di educatori.
Non parla di ciò che è essenziale  per il futuro delle donne che subiscano violenza, ossia dei centri antiviolenza che siano capaci non solo di ascoltare, ma di ospitare per evitare conseguenze peggiori ed aggravate dall'impossibilità dettata dal decreto di ritirare le denunce sporte ( ci chiediamo:  se la donna denuncia è costretta a tornare a casa del denunciato perché evidentemente è nell'impossibilità essenzialmente economica di andare via, come potrà difendersi da ulteriori violenze se qualcuno, in questo caso lo Stato, non provvede alla sua tutela e alla sua difesa?).  E' un decreto che non tiene conto dell'altro lato della medaglia, la realizzazione di centri di ascolto soprattutto maschili perché il problema della violenza di genere è un "problema maschile", oltre che naturalmente della realizzazione di centri di ascolti femminili.
Come afferma Loredana Lipperini, è un decreto in cui " Non si cerca di capire, formare e prevenire, ma si  pigia sul pedale della guerra fra i sessi, fornendo a chi ancora sputa la parola femminicidio come una caramella mal masticata ottimi argomenti per parlare di espediente securitario".
Pensiamo inoltre che sia un decreto in qualche senso discriminante perché come ha scritto Concita De Gregorio  “dire che la pena sarà di un terzo più severa nel caso in cui le vittime siano incinte o mogli o compagne o fidanzate del carnefice è comprensibile, dal punto di vista del legislatore, perché è vero che battere una donna che aspetta un bambino o che ha un vincolo di fiducia con chi la aggredisce è più grave, ma stabilisce anche una discriminazione culturalmente delicatissima verso le donne che non fanno figli e non hanno legami con un uomo. In che senso uccidere una donna non sposata e non madre è meno grave? Vale forse di meno per la società?”.
Di più , secondo il decreto,  si può procedere anche su segnalazione anonima, ma, premesso che ci sono situazioni in cui probabilmente potrebbe essere decisivo l'intervento di familiari e amici, ci sembra che così si rischia di indebolire ancora di più la capacità delle donne di autogestirsi.
Viene da chiedersi se qualcuno di quegli uomini e donne di governo abbiano mai messo piede in un centro anti violenza o abbiano mai parlato con le decine di volontarie che ogni giorno ascoltano i problemi veri delle donne in difficoltà.
Se lo avessero fatto forse non avremo avuto un decreto legge in cui la repressione e addirittura, osiamo dire, la delazione sono considerate necessarie ma avremmo trovato, probabilmente, leggi inerenti l'obbligo da parte delle scuole di inserire all'interno dei programmi progetti educativi di contrasto alla violenza di genere e non solo (parliamo anche  di omofobia, razzismo, bullismo e reati collegati all'uso della rete), avremmo avuto la possibilità di sanzionare chi utilizza immagini femminili per pubblicità e programmi in un certo senso 'ammiccanti’ e la costituzione di una commissione che si occupi di salvaguardare il ruolo delle donne da un punto di vista culturale.
L'aspetto positivo del patrocinio gratuito per le donne vittime di violenza, previsto dal decreto, pare sia stato già contestato dalle camere penali!
E' un passo in avanti? Probabilmente si, ma tanti altri passi costruttivi dovrebbero accompagnarlo.

Elide Apice  e Alda Parrella per Exit Strategy  

 
 

Ctg società, commenti 1, letto 7274 volte
Commenta  


1 commento   top
n.284 - ha scritto Erminia  16-08-2013 15:25:46  
Fondamentale una maggiore informazione generale, una migliore formazione di chi deve a sua volta formare e fornire informazioni ed anche ,perchè no, espedienti utili per la propria tutela fisica ed emotiva. Sarebbe importante comprendere da parte di tutti che la tutela dell'essere umano rappresenta la vita del genere umano, e dividere il problema per genere , ci può portare alla discriminazione anche attraverso le leggi
 
 
 

0,0618
letto 7274 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Florian Ciornei: storia di un successo
Dalla Romania all’Italia con passione e determinazione

Elide Apice, n.13478 03-07-2021
letto 869 volte
, tags società

Benevento con Dante ed i "Bla Bla Blau" assenti
Viva e ben vegeta la "nostra" Benevento in onore del sommo poeta

Enrico Cavallo, n.13438 03-06-2021
letto 2109 volte
, tags società

Palestina/Israele, la situazione è incandescente
La nota di Francesca Albanese

Elide Apice, n.13426 22-05-2021
letto 259 volte
, tags società

La bellezza di Santa Sofia nel Gran Tour Longobardo, pubblicato sulla rivista "Dove"
L’assessore Del Prete: “Facciamo squadra per il sito Unesco”

Antonio Esposito, n.13404 27-04-2021
letto 393 volte
, tags società

Stregati da Sophia, termina con un omaggio a Dante la settima edizione del Festival filosofico
Svelato il tema dell'edizione 2022

Elide Apice, n.13364 23-03-2021
letto 388 volte
, tags società

La poesia è resistente. Partito il progetto di video poesia nella metropolitana di Napoli
Dall’8 febbraio clip poetiche di undici poeti campani

Elide Apice, n.13305 09-02-2021
letto 494 volte
, tags società

In questo anomalo Natale la luce della speranza accesa dal Fai
Ai Morticelli l’allestimento di un semplice presepe

Elide Apice, n.13274 22-12-2020
letto 6243 volte
, tags società

Opera indomita: si pensa ad una scrittura collettiva sul Natale
Artefice e ideatore del progetto è Pietro Damiano

Elide Apice, n.13237 04-11-2020
letto 6357 volte
, tags società

La lunga carriera di Carlo Verdone premiata al Festival BCT per la sua comicità popolare
Ieri a Piazza Cardinal Pacca successo di pubblico

Brunella Donisi, n.13154 03-08-2020
letto 6723 volte
, tags società

Dalla Tombola al Bingo musicale: la parabola di Coky Ricciolino
Il gioco on line è gratuito

Elide Apice, n.13068 16-05-2020
letto 6418 volte
, tags società




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook