emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
"Grazie papa" ed un sorriso in cambio di una mancia
     
        _________

ven 04-10-2013 19:18, n.1149 - letto 2219 volte

"Grazie papa" ed un sorriso in cambio di una mancia

In un mondo civile che non riesce più nemmeno a contare i morti

di Enrico Cavallo

E' proprio una durissima lezione quella che viene da Lampedusa, con i suoi 155 superstiti di un naufragio che conta 300/400 morti, 111 soltanto i corpi ritrovati sinora.
Quella di oggi è solo la tragedia più importante per numero, non è l'unica, non sarà l'ultima.
Purtroppo.
E non a caso il Papa Francesco, nel suo primo viaggio ufficiale, è andato a portare omaggio proprio a questo mondo di disperati che bussa alle nostre porte.
Omaggio non solo a quanti sono "caduti in mare", ovviamente, ma anche a quanti riescono a giungere in qualche modo sani e salvi a riva.
Quelli, cioè, che vanno nei campi di accoglienza (li chiamano così).
Lampedusa è la punta estrema di un mondo di disperati che non esita a rischiare la vita per finire, se va tutto bene, proprio in quei campi.

Se tutto va bene.
Quelli che non ce la fanno, muoiono a mare.
Muoiono a mare chiudendo così chissà quanti sogni, quanti desideri, quanti sentimenti, quanti affetti.
Scompaiono senza che il mondo civile nemmeno se ne accorga e ne sappia nulla.

E' inevitabile il paragone con quanto accadde a mia nipote, con contratto di lavoro a tempo indeterminato da impiegata direttiva, con un'azienda importante, certamente tra le più grandi d'Italia, ottimo stipendio a norma di contratto.
Pianse per giorni quando il suo capoufficio si rivolse a lei chiamandola "ehi, Napoli"...

E questi ragazzi, queste donne, questi bambini, questi disperati che salgono su una barca sgangherata per cercare fortuna (o morte) quante lacrime hanno versato ? E quante lacrime ancora gli rimangono ?

Quelli fortunati magari troveranno un mondo che saprà accoglierli, e finiranno a raccogliere pomodori a 3 euro all'ora, tutto compreso, o magari in qualche fabbrica a far finta di appartenere ad un mondo civile.
Qualcuno di loro sopravvive chiedendo l'elemosina ai semafori.
Quando mi capita di dare una mancia, alcuni mi ringraziano e sorridono con un "Grazie papa".
Chissa se ricordano davvero il padre, chissà a quanti kilometri di distanza si trova, chissà se lui si ricorda del suo figlio...

Poi il semaforo passa al verde e via, più veloce della luce, torno al mio mondo civile.
Quello che non sa nemmeno quanti siano i morti in mare o che lascia Lampedusa sola a contar morti che nemmeno sanno più dove metterli.

Il mondo civile, quello che vediamo nei programmi tv, quello visto in palestra ieri sera, per esempio, che va spesso in replica.
Il protagonista è americano, obeso come la maggioranza degli americani che appaiono in tv, alle prese con una gara di fast food.
Fast nel senso che occorre mangiare quanto più possibile entro un certo tempo.
Ed eccolo il nostro campione che ingurgita decine e decine di hamburger, cosparsi delle salse più strane ed impensabili.
Forse provengono da quel Mac Danald sospettato di fare gli hamburger con il 15% della carne di manzo ed il resto con scarti di lavorazione addizionati di ammoniaca per non farli andare a male prima del tempo...
Ma il campione non bada a queste sottigliezze, e giù hamburger ed hamburger, incitato da una folla di obesi suoi pari, in delirio per lui, ovviamente vincitore.

Insomma ... non è che sia proprio il "mio" mondo civile.
E non lo potrà mai essere finchè c'è chi mangia per divertimento, obeso da far paura, e chi chiede l'elemosina e sorride con un "Grazie papa".
E chissà pure se conosce bene cosa significa "Grazie papa", ma poco importa.

Ogni volta che ricevo un "Grazie papa" o anche un "Grazia, scusa ... amicu miu", mi tornano in mente i miei figli o i miei nipoti.
Sono emigrati, divisi tra l'Italia e l'Europa.
Non stanno ai semafori a lavar vetri, non stanno ai margini della società, ma occupano posti ai vertici del mondo universitario, della ricerca sientifica, del mondo attivo della produzione.
Ma magari a qualcuno viene in mente di rivolgersi a loro chiamandoli "ehi Napoli".
O forse troveranno qualcuno, io spero proprio che trovino qualcuno, con un po' di cuore, a cui sapranno e potranno dire invece "Grazie papa".

E' il nostro mondo, quello civile, ed è fatto così !
Forse bisogna fare qualcosa per cambiarlo.




 
 

Ctg società, commenti 2, letto 2219 volte
Commenta  


2 commenti   top
n.297 - ha scritto Enrico Cavallo  05-10-2013 10:34:52  
bisogna dirle queste cose...
e come mi dimostri non sono, non siamo, gli unici a pensarla allo stesso modo;
c'è un modo che va alla rovescia, con gente che mangia fino a scoppiare, fino a farsi mancare il fiato, fino a mostrare chiari segni di insofferenza;
niente paura, però, è solo un gioco, un divertimento, simil-girone-dell'inferno-più-cupo che manco la buon'anima di dante è riuscito ad immaginare;
con una folla di obesi mostruosi a far da clacca plaudente, in delirio per il loro campione;
se stramazzasse al suolo, come forse merita, gli farebbero gongolanti  un monumento; con epigrafe : morto perchè c'è anche una giustizia ultradivina, ultraterrena...

intanto c'è gente che desidera solo vivere;
ma non gli è dovuto;
e quelli morti in mare di cui non si sa proprio nulla, non diventano neanche un numero in più nelle statistiche;
impossibile assistere senza fare nulla, impossibile tacere !
   
n.296 - ha scritto Marina Gaddi  05-10-2013 09:08:10  
Grazie,Enrico,condivido tutta la passione umana e civile del tuo articolo,di cui tutto sembra appartenermi,anche negli esempi e le situazioni citati,al punto che potrei farlo mio, cambiandone solo il titolo in ' Grazie,mama ' , quella tenera espressione che ti illumina l'anima insieme con il bagliore di un candido sorriso.Ieri non avevo trovato altro modo di sciogliere quel nodo di dolore, rabbia e vergogna che provavo, se non rileggendo la bellissima 'In memoria' , di Ungaretti.Ieri è stato il giorno della Poesia, oggi di una poetica Prosa.
 
 
 

0,0624
letto 2219 volte
2 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

La lunga carriera di Carlo Verdone premiata al Festival BCT per la sua comicità popolare
Ieri a Piazza Cardinal Pacca successo di pubblico

Brunella Donisi, n.13154 03-08-2020
letto 277 volte
, tags società

Dalla Tombola al Bingo musicale: la parabola di Coky Ricciolino
Il gioco on line è gratuito

Elide Apice, n.13068 16-05-2020
letto 178 volte
, tags società

Il Cuore di Andrea: il Coronavirus non ferma la solidarietà
Proficua raccolta a favore della Protezione civile

Elide Apice, n.13040 17-04-2020
letto 222 volte
, tags società

La sicurezza delle donne, una lotta infinita(mente ingiusta)
E' sempre Lotto marzo

Federica Formato, n.12997 08-03-2020
letto 317 volte
, tags società

"Cinque donne del Sud" in scena Beatrice Fazi. Lo spettacolo in sostegno dell'associazione Il Cuore di Andrea
Appuntamento il prossimo 13 marzo al Teatro Massimo di Benevento

Elide Apice, n.12951 19-02-2020
letto 441 volte
, tags società

Appunti di viaggio: la passione per il “Cammino”
La Cooperativa Mediateur incontra Vilma Tarantino e Gianmarco Feleppa

Elide Apice, n.12942 15-02-2020
letto 445 volte
, tags società

Successo per l’evento di beneficenza a favore del centro “E’ più bello insieme”
Selena Sacco e Sabatino Miranda ospito di Olympia Dance School hanno organizzato un doppio laboratorio di Drum Circle e Tarantella Montemaranese

redazione, n.12931 11-02-2020
letto 242 volte
, tags società

“A partire da me: i saperi di genere per la costruzione di relazioni simmetriche” , al Liceo Giannone l’incontro con Francesca Recchia Luciani
Un incontro per discutere delle relazioni tra generi

Elide Apice, n.12872 20-01-2020
letto 392 volte
, tags società

Le sardine in piazza a Benevento: tra "Bella Ciao" e "La libertà"
Tanti giovani per gridare forte "Benevento non si lega"

Antonio Esposito, n.12754 02-12-2019
letto 818 volte
, tags società

“Esther per non dimenticare”, al via il progetto per rendere Benevento zona territoriale #TrattaFree
La presentazione al Centro di Pastorale giovanile

Elide Apice, n.11942 07-02-2019
letto 239 volte
, tags società




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook