emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
"Ogni cosa è illuminata" di Jonathan Safran Foer
     
        _________

dom 02-03-2014 11:32, n.1759 - letto 7359 volte

"Ogni cosa è illuminata" di Jonathan Safran Foer

L'appuntamento con la rubrica 'Letto per voi'

di Tiziana Iannelli

Rieccomi con una nuova lettura pronta pronta..che mi ha laciato una notte di pensieri!
"Ogni cosa è illuminata" di Jonathan Safran Foer, è in assoluto il primo libro che leggo sul periodo storico dell'Olocausto e della II guerra mondiale.
Io, che non ho nemmeno visto "La vita è bella" di Benigni, ho deciso di leggere questo libro più per il viaggio alla ricerca delle proprie radici che per la storia.
Però, dopo un pò, mi ha preso anche lei. l'unico termine che mi viene pensando a questo libro è tenerezza. Fa tenerezza Jonathan, si, proprio l'autore, che decide di scoprire come si sia salvato il nonno, che tra l'altro non ha mai conosciuto, e Alex, il vero protagonista, la guida del viaggio che parla e scrive un inglese stentato e buffo - Nonno fabbicava le Z per dire che dormiva - e il Nonno di Alex, l'autista, che soffre per la morte della moglie fino a fingersi cieco, e ti viene da chiederti chissà per cos'altro soffre.
Sarà un viaggio prima di tutto dentro sè stessi. Non ho potuto fare a meno di pensare a mio nonno, che mi raccontava spesso della prigionia in Africa per mano inglese.
Stesso periodo, ideale differenti ma stessa schifezza. Se penso di poter affrontare un viaggio per scoprire un pezzo di vita del mio eroe, mi vedo prendere un aereo, sbarcare in Eritrea.... ma quando mai? Io non lo avrei questo coraggio!
Ma mi ci vedete a me da sola con una guida che non parla bene la mia lingua, a cercare gente che poteva conoscere mio nonno e scoprire cose di lui, che se non mi ha raccontato mai un motivo ci sarà?
Questo libro, dicevo, entra di diritto nello scaffale "libri preferiti in assoluto", che a dire la verità ormai sono tre scaffali, e avrei bisogno di una libreria nuova.
Se ci penso, io, in effetti, ho fatto il percorso al contrario nello scoprire testo e autore. In una fredda domenica napoletana - eh sì, a volte anche a Napoli fa freddo - una di quelle domeniche in cui Barbara D'Urso è la cosa più bella da vedere in tivvù, passeggiando allegramente sui canali digitali, troviamo su Rai 4 il primo piano occhialuto di Frodo Baggins. Incuriosita dallo scoprire che l'attore aveva quindi interpretato altri film, leggo il titolo e cerco su internet la trama sperando mi piaccia.
Come vi dicevo , l'unica alternativa poteva essere Barbara D'Urso.
Primo suggerimento di wikipedia è "romanzo".
ALT! FERMI TUTTI! Giammai guarderò un film tratto da un libro senza prima aver letto il libro! detto fatto, spengo la tivvù e vado a riposare.
Il giorno dopo scendo in strada e cerco il romanzo.
Con mia somma sfortuna era il periodo di uscita di un altro film tratto da un romanzo di Foer, "Molto forte incredibilmente vicino", e quindi comprai altri quattro libri e rimandai l'acquisto a Benevento.
Non me ne sono pentita: nè di aver aspettato per averlo, nè di aver letto prima il libro - il film lo guarderò stasera- nè, sopratutto, di non aver guardato Barbara D'Urso quella domenica.
A presto!

 
 

Ctg letto per voi, commenti 1, letto 7359 volte
Commenta  


1 commento   top
n.359 - ha scritto Danilo  02-03-2014 13:00:00  
Bella e simpatica come l'articolo... ;)
 
 
 

0,1687
letto 7359 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

"La settimana santa" di Luigi Romano
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13789 23-05-2022
letto 20 volte
, tags letto per voi

“Storia aperta” di Davide Orecchio
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13787 22-05-2022
letto 30 volte
, tags letto per voi

"Le madri non dormono mai" di Lorenzo Marone
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13784 18-05-2022
letto 42 volte
, tags letto per voi

"Il cannocchiale del Tenente Dumont" di Marino Magliani
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13782 16-05-2022
letto 27 volte
, tags letto per voi

“Mostruosa maternità” di Romana Petri
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13772 15-05-2022
letto 89 volte
, tags letto per voi

Le distrazioni di Federica De Paolis
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13779 14-05-2022
letto 49 volte
, tags letto per voi

“Non è al momento raggiungibile” di Valentina Farinaccio
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13770 12-05-2022
letto 76 volte
, tags letto per voi

"La libreria sulla collina" di Alba Donati
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13776 11-05-2022
letto 45 volte
, tags letto per voi

“Nova” (Adelphi) di Fabio Bacà
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13769 06-05-2022
letto 52 volte
, tags letto per voi

“Divorzio di velluto” di Jana Karsaiová
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13766 05-05-2022
letto 46 volte
, tags letto per voi




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook