emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
In principio fu il materasso di lana
     
        _________

mar 11-11-2014 22:20, n.2977 - letto 7917 volte

In principio fu il materasso di lana

Poi vennero le "molle" ed addio sogni di gloria

di Enrico Cavallo

Il materasso di lana, sì, quello delle nonne, è uno degli oggetti che hanno segnato la vita di tutti noi in modo indelebile.
Non era solo un oggetto di arredamento, era tutto quello che serviva per dare vita ai sogni di ciascuno di noi, specialmente quelli che, per ultimi, hanno potuto "assaggiarlo" in prima persona.
I materassi erano imbottiti esclusivamente con fiocchi di lana che riempivano un sacco di stoffa, opportunamente sagomato e lavorato in modo che assumesse, appunto, la forma del materasso.
La forma del materasso in verità, ben presto si rovinava, perchè più tempo passava e più la lana che lo componeva si appiattiva.
Man mano i fiocchi di  lana diventavano sempre meno soffici anzi, a dirla tutta, finivano per diventare una sorta di tocchetti sempre più duri e tutt'altro che confortevoli.
Quando anche i cuscini avevano subito la stessa sorte scattava l'allarme.
Appoggiare la testa su un cuscino ormai "fuori forma" era come appoggiarsi ad un sacchetto di patate novelle.
Era giunto il momento di chiamare la "materassaia", artigiana esperta in ogni arte connessa alla manipolazione del materasso. Ma la maggior parte di noi, della mia famiglia e del suo largo parentado, non aveva risorse economiche da sprecare e tutto il processo di rinnovo dei meterassi era curato rigorosamente in proprio, grazie anche alle innate capacità artigianali proprio delle donne di famiglia.
 
A ben vedere tutti i ritmi della famiglia erano scanditi da tempi ben definiti e più o meno intorno a luglio era inevitabile rimanere coinvolti nel rinnovo dei materassi.
Si trattavano i materassi uno alla volta, ovviamente, e si iniziava con l'aprire la fodera esterna.
Non esistevano o erano poco diffusi, all'epoca, i coprimaterassi ed inevitabilmente i materassi recavano i segni delle incontinenze da un anno all'altro di qualche comonente della famiglia.

In realtà anche la lana che imbottiva il materasso portava i segni di incidenti igienici per cui il primo passo era inevitabilmente il lavaggio di tutti i componenti.
Le fodere venivano appese ad asciugare a mo' delle lenzuola, mentre la lana veniva stesa ad asciugare sul pavimento, al sole.
Una volta asciugata la lana veniva accuratamente allargata in modo da aprire i fiocchi che s'erano appassiti con l'uso e questo era un lavoro al quale era impossibile sottrarsi; tutti i componenti della famiglia rimanevano coinvolti, con gran divertimento specialmente dei più piccoli, felici e contenti di partecipare a quello che sembrava solo un gioco. Quando tutto era asciutto e fresco di pulito si riassemblava tutto di nuovo.

La fodera veniva posizionata sul tavolo ed un po' alla volta la lana veniva posizionata al suo interno.
I fiocchi ben ampi e soffici riempivano ben presto il materasso che alla fine era praticamente raddoppiato di volume.
I lacci posti a distanza regolare sulla fodera rimettevano un po' a posto le cose ed il materasso cominciava a riprendere la forma giusta anche con l'ausilio di aghi lunghissimi che attraversavano il materasso da parte a parte.
Il tocco finale era nel "disegnare" il bordo del materasso, che dava la cosistenza definitiva al lavoro. Lo stesso con i cuscini.
Alcuni venivano così bene che, alti, anzi altissimi più che mai per la rinnovata imbottitura, finivano inevitabilmente per procurare il torcicollo al malcapitato che non conosceva bene le dinamiche del dormiveglia.
I più furbi saltavano, invece, ripetutamente sui cuscini prima di usarli e finivano così per attenuarne un po' il gonfiore rendendoli più confortevoli.

Alla fine il materasso ed il cuscino passavano al "collaudo" definitivo e soffici, morbidi, profumati di fresco, finivano per ispirare mille straordinari sogni di gloria per tutti noi.

Poi vennero i materassi a molla, con la pubblicità dell'omino dal pigiama a strisce, e scoprimmo che il tempo passava per tutti noi, grandi e bambini.

Oggi il materasso della nonna, della mamma, della zia,  non fa parte più del corredo e le spose non portano più in dote almeno due materassi di lana e due di fieno.

E sono finiti anche i sogni di gloria di quando eravamo poveri ma belli.
E, soprattutto, felici.



 

 
 

Ctg storia della città, commenti 1, letto 7917 volte
Commenta  


1 commento   top
n.479 - ha scritto carmela  12-11-2014 14:54:44  
è proprio vero! poveri anche non belli ma sognatori! ora non si sogna più... la realtà di quanto ci accade intorno ci schiaccia soprattutto per il carico di problematiche inventate dal progresso e dal malcostume degenerato...
mi auguro solo che la speranza, ultima a morire, ci faccia ravvedere per rendere più sopportabile quanto si ha ancora da vivere...
 
 
 

0,2582
letto 7917 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Maria Pacifico Rampone, eroina di Benevento
Una nota del professore Elio Galasso

redazione, n.9921 21-06-2017
letto 6823 volte
, tags storia della città

Il Velario del Teatro Comunale di Benevento
La poetica di Paolo Petti

Luigi Mauta, n.9807 03-06-2017
letto 10733 volte
, tags storia della città

Con l'Archeoclub - Benevento alla scoperta della città dimenticata
Il presidente Michele Benvenuto ha guidato i convenuti alla scoperta del quartiere ebraico

Elide Apice, n.8519 27-10-2016
letto 13515 volte
, tags storia della città

Arechi benedice due Chiese, che fine ha fatto la seconda?
Ce lo dice l’arch. Francesco Bove, in una sua lectio magistralis, su TEMA Magazine in edicola ai primi di agosto

Enrico Cavallo, n.8101 24-07-2016
letto 10985 volte
, tags storia della città

Pseudocripta sotto il Duomo, nuove rivelazioni
Una costruzione che risale ai primi tempi della nostra comunità cristiana

Enrico Cavallo, n.7904 18-06-2016
letto 10739 volte
, tags storia della città

Inaugurazione della pseudocripta al Duomo
Un nuovo tassello delle scoperte archeologiche nel sottosuolo

Enrico Cavallo, n.6750 29-11-2015
letto 6559 volte
, tags storia della città

La Chiesa dei Santi Cosimo e Damiano
In un'area archeologica di grande pregio, una Chiesa cara anche all'Arcivescovo Orsini

Enrico Cavallo, n.6354 27-09-2015
letto 8388 volte
, tags storia della città

"Benevento, la città segreta" - Insediamenti abitativi reperiti nel corso dei lavori di ristrutturazione dell'Ospedale in viale Principe di Napoli"
Presentato il progetto di riqualificazione della zona archeologica

Elide Apice, n.5824 14-07-2015
letto 11607 volte
, tags storia della città

Biblioteca Pacca - Intervista a Mons. Mario Iadanza
Un altro tesoro della nostra storia, in ottime condizione, nei locali della Curia Arcivescovile

Enrico Cavallo, n.5773 29-06-2015
letto 11868 volte
, commenti 1, tags storia della città biblioteca pacca,

Santa Artelaide vergine, giovane bellissima
E' lei che portò a Benevento l'effigie della Vergine Maria, da cui ha avuto poi origine il culto della Madonna delle Grazie

Enrico Cavallo, n.3365 10-02-2015
letto 9287 volte
, commenti 2, tags storia della città




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook