emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
"Idem come sopra", il lungo viaggio di un padre e di un figlio
     
        _________

mer 19-11-2014 15:45, n.3019 - letto 1890 volte

"Idem come sopra", il lungo viaggio di un padre e di un figlio

Impressioni a caldo di Adriana Pedicini sul libro scritto da Giuseppe e Antonio Corbo

di Adriana Pedicini

Nel mare magnum degli scritti che ad ogni livello e da ogni parte invadono la nostra quotidianità e il più delle volte danno vita a veri e propri libri destinati alla divulgazione, rare volte mi capita di imbattermi in qualcosa i veramente  costruttivo.
Ieri sera al Museo del Sannio ho sentito parlare da illustri relatori di un libro particolare:
” Idem come sopra” (edizioni Creativa) di Giuseppe e Antonio Corbo.
Uno degli autori (Giuseppe) era presente e man mano che le parole altrui fluivano a rivelare le pagine scritte, mi sembrava di aver  già colto per intuizione tutto il dramma delineato nel testo ed evidente sul volto di lui.
Il pensiero quasi indugiava, si fermava a raccogliere le sollecitazioni emotive per poi passarle in rassegna e individuarne la genesi, la struttura, le modificazioni, i segni che incidono nell’animo.
Ho assorbito con tutta l’anima l’amarezza, il dolore, l’impotenza, la voglia di ricerca e di riscatto, il recupero del tempo perduto e la condivisione del tempo ritrovato.
La particolare tensione era  dovuta anche al fatto che i protagonisti, per un verso o per l’altro, hanno fatto parte, di più il giovane protagonista, della mia vita professionale.
In un baleno mi è tornato in mente il primo banco, troppo basso per uno spilungone di ragazzo biondo dal sorriso accattivante.
Solo che quel sorriso compariva poco sulle labbra, più spesso –ricordo- uno stiramento di muscoli facciali con un silenzio imbarazzante trafitto da uno sguardo inquieto.
Quello che si potrebbe definire un ragazzo taciturno.
Ieri sera il film della sua condizione esistenziale. Troppo facile additare le colpe, trovare il capro espiatorio.
Per osservare bene, bisogna calarsi dentro alle storie, non leggerle tutte d’un fiato.
Talvolta non è neppure necessario leggerle. Il libro io non l’ho ancora letto eppure lo conosco.
Un nonno importante, egregio nelle sue qualità e nella sua umanità, ma modello pesante che ha finito, suo malgrado, per arrestare la crescita di suo figlio, che, reduce dall’esempio incontrovertibile di alte virtù, è rimasto legato a quell’ancora, senza rischiare troppo, credendo di fare del bene propagando l’immagine e il ricordo del nobiluomo.
Ma la vita, si sa, va avanti con i suoi tempi, le sue scadenze, i suoi appuntamenti.
Tutto normale, ciò che normale non è. Normale creare una propria famiglia, non è normale porre al centro di essa non la propria responsabilità ma  i “Lari” famigliari che distolgono il male e proteggono la prole.
Normale avere un figlio e dargli affetto sotto forma di soddisfacimento delle esigenze materiali mentre la bocca assetata inutilmente anela alla fonte paterna e troppo spesso si abbevera a quella dell’avo, ugualmente buona, ma priva della freschezza dell’ acqua sorgiva.
Non si ha il dovere di essere genitori- psicologi, impresa tanto difficile quanto impossibile dato che ad essere genitori s’impara “crescendo” insieme ai figli, e dunque  spesso l’affetto, che non manca, ma è latente, produce mostri quali la solitudine, l’incomprensione, l’emarginazione, il distacco.
Senza saperlo ci si trova in una condizione d’impotenza, di accuse reciproche, di amarezza per abbracci negati, per parole non dette,per dinieghi subiti, per comunicazioni brutali quali i rimproveri che a chi li riceve sembrano sempre immotivati, le lacrime colme di odio, le porte sbattute in faccia alla vita, spesso in questi casi maledetta.
Si cerca spesso la soluzione altrove, ma è proprio in quell’altrove che si configura il dramma.
Ogni pianta staccata dalle radici muore, ogni uomo che cerchi nella negazione della sua storia famigliare il motivo per esistere prima o poi  va in rovina.
Al margine stremo della disperazione è però accaduto qualcosa che solo può produrre l’affetto profondo.
Il padre è cresciuto, si è reso conto che, seppure negativo, il punto di riferimento per un figlio è il genitore, non il nonno. 
Ma è cresciuto anche il figlio, e non perché abbia avuto la capacità di tagliare i ponti e trasferirsi a Londra, ma perché metaforicamente parlando ha compiuto il parricidio.
Diciamo che nel primo uomo ciò non è mai avvenuto e il nonno-padre è rimasto immutato nell’immaginario personale del figlio-padre come immagine sacra da venerare solamente senza mai opporvisi, nel secondo caso invece è avvenuto in maniera decisa e forse traumatica il distacco dalla figura paterna in nome della  libertà per affermare la propria personalità. E forse si sono ritrovati, sicuramente per rinfacciarsi le colpe, ma anche per riannodare i fili dell’affetto sopito.
E per scoprire che ai figli bisogna dare ali per volare e ai padri il rispetto che proviene dalla considerazione  e condizione genitoriale.
C’è stato bisogno della frattura, dello scontro silenzioso denso di grida di dolore, di urla di disperazione, del pianto nel timore della perdita, ma alla fine due nuove vite sono rinate, quella di un padre che ama il figlio, quello di un figlio che ama il padre.  

 
 

Ctg letto per voi, commenti 2, letto 1890 volte
Commenta  


2 commenti   top
n.481 - ha scritto ester  21-11-2014 17:00:51  
spesso dimentichiamo che essere genitori è una fatica incredibile: non ci sono regole né regolamenti scritti; non c'è matematica , fisica , ma solo biologia. La genetica ci delinea e ci copia, come tanti righi scritti e letti, letti e scritti. Una sequenza senza tregua, che si modifica con l'ambiente , con il cibo ,con le emozioni.
Chi conosce e nonno e padre e figlio, legge tutto e sorride....
Che dura legge la genetica!!!!
Si fa fatica a discostarsi dai modelli , perché sono impressi su di noi come calchi indelebili, ma si combattono come nemici mortali.
E poi si scopre che è bello tramandare e riprodurre modelli, anche obsoleti, ma veri.
E la verità è in quelle parole piene di amore che un padre e un figlio si dicono;
sì nella disperazione della incomprensione, ma anche nel profondo amore che li lega , come profondo è sempre l' amore che lega genitori e figli.
n.480 - ha scritto Dolores  19-11-2014 19:33:47  
E' un'analisi perfetta e una lettura "tra le righe" di un insegnante sensibile e professionale.
 
 
 

0,0561
letto 1890 volte
2 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

"Parole sotto sale" di Claudia Fabris
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13222 14-10-2020
letto 30 volte
, tags letto per voi

"Miss Marx" di Barbara Minniti
Per la rubrica letto per voi

Elide Apice, n.13215 11-10-2020
letto 229 volte
, tags letto per voi

"Quel tipo di donna" di Valeria Parrella
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13214 08-10-2020
letto 36 volte
, tags letto per voi

“A RIVEDER LE STELLE Dante, il poeta che inventò l’Italia” di Aldo Cazzullo
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13213 06-10-2020
letto 48 volte
, tags letto per voi

“Il mio amico” di Daniela Matronola
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13211 01-10-2020
letto 48 volte
, tags letto per voi

Le ricamatrici di Ester Rizzo
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13205 23-09-2020
letto 51 volte
, tags letto per voi

"Disperanza" di Giulio Cavalli
Per la rubrica Letto per voi. Disponibile dal prossimo 17 settembre

Elide Apice, n.13193 15-09-2020
letto 284 volte
, tags letto per voi

“Strada facendo. viaggio tra il virus della povertà e il contagio della solidarietà” di Bruno Menna
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13190 14-09-2020
letto 64 volte
, tags letto per voi

Le regole degli amanti di Yari Selvetella
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.13183 09-09-2020
letto 199 volte
, tags letto per voi

"Silenzio eloquente" di Antonella Fusco
Per la rubrica Letto per voi

redazione, n.13182 08-09-2020
letto 149 volte
, tags letto per voi




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook