emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Iside, Dea universale, venuta da lontano Intervista al Prof. Elio Galasso
     
        _________

mar 18-03-2014 11:04, n.1821 - letto 16178 volte

Iside, Dea universale, venuta da lontano
Intervista al Prof. Elio Galasso

I ritrovamenti egizi di Benevento su TEMA Magazine

di Enrico Cavallo
sfoglia l'album delle foto   

23-03-2015
Siamo capitati per caso sul nostro servizio su "Iside" la Dea universale di cui parlammo con il professore Elio Galasso.
Parliamo anche dei reperti egizi di Iside, i più importanti reperti egizi del mondo ritrovati fuori dall'Egitto.
Vale la pena di riproporlo ai nostri lettori, giusto per ricordare a noi tutti quante cose belle, uniche, straordinarie abbiamo a Benevento.
Li abbiamo sotto mano, addirittura sulla strada principale del passeggio cittadino, ma pochi ne hanno piena consapevolezza.


Iside, Dea universale, venuta da lontano e tuttavia ancora così vicina.
Vicina perchè viene nominata addirittura "Signora di Benevento", da Domiziano, Imperatore di Roma.
Era il periodo di Roma imperiale, dunque, gli anni di Domiziano in particolare.
Il culto di Iside era molto diffuso nel mondo occidentale e molti erano i templi dedicati alla Dea egizia.
A Benevento ce n'erano diversi, ma uno in particolare era molto importante perchè voluto dall'Imperatore in persona ed era ricco di sculture ed elementi architettonici egizi e neoegizi.
Fu costruito nell'anno 88 d.C. da Rutilio Lupo, imprenditore ed industriale di Benevento, costruttore edile con interessi anche a Roma.

Gli arredi di quel tempio sono giunti sino a noi, ma se ne ignorava l'esistenza fino al 1903, quando furono ritrovati durante i lavori di ristrutturazione della Caserma dei Carabinieri, sita all'epoca nel Convento di Sant'Agostino, in prossimità dell'Arco di Traiano.
I materiali erano stati infatti riutilizzati come riempimento del muro longobardo che era in quei pressi e proprio la circostanza di essere stati sotterrati e coperti li aveva conservati e preservati in ottimo stato.

Testa di Iside Lactans e ricostruzione della figura

E forse è proprio per questo motivo che quello di Benevento costituisce il ritrovamento di sculture ed elementi architettonici egizi e neoegizi mai avvenuto fuori dall'Egitto, più importante al mondo, sia per quantità di reperti ritrovati che per la loro straordinaria qualità.      
Il tempio di Benevento è anche, ovviamente, una delle massime realizzazioni di arte egizia in ambito italico nonchè testimonianza diretta del massimo esempio di un Imperatore Romano che fa proprio il modello di monarca assoluto tipicamente orientale.

Infatti la devozione di Domiziano per Iside era tanto intensa che l'Imperatore finisce per atteggiarsi a Faraone, e si proclama figlio della dea.
Domiziano, ultimo della dinastia Flavia, fu Imperatore dall'81 al 96 d.C. anno in cui venne colpito a morte durante una congiura di palazzo ordita con la complicità della stessa moglie.
Era scampato già ad una congiura nell'80 d.C. rifugiandosi tra i devoti di una processione in onore di Iside, ed anche per questo la sua "devozione" verso la Dea era molto profonda.

Era il periodo di Roma imperiale, gli anni degli imperatori Domiziano, Nerva, Traiano e Benevento era davvero in grande splendore, crocevia di ogni traffico verso Brindisi, il più importante porto di collegamento con l'Oriente.  
Qualche anno dopo la costruzione del tempio di Iside dell'88 d.C., infatti, ecco che nel 114 d.C. inizia la costruzione dell'Arco di Traiano e nel 126 d.C. si inaugura il Teatro Romano.
E più o meno nello stesso periodo un grandioso anfiteatro, posizionato sull’area dell’attuale Stazione Appia, accoglieva chi entrava in città dal Ponte Leproso.
Una città dunque davvero fulgida e splendente, ben accreditata presso la Roma Imperiale, ricca di opere maestose e monumentali che devono aver davvero impressionato i contemporanei per bellezza e splendore e che tuttora, ad oggi, rappresentano un unicum a livello mondiale.

E per parlare di Iside ci siamo affidati al Prof. Elio Galasso che ci ha condotto con tanto garbo e cortesia nei segreti della nostra Benevento, città ricca di storia, unica al mondo, a volte purtroppo dimenticata nei suoi momenti più splendidi e belli.  


Il Prof. Elio Galasso, è persona conosciutissima e molto stimata e non solo a Benevento, ovviamente.
E' stato Direttore titolare del Museo del Sannio per oltre 30 anni, ruolo che ha lasciato circa dieci anni fa, e durante la sua direzione il Museo si è arricchito di tantissimi materiali triplicando quasi la sua consistenza, grazie anche alla continua opera di ricerca, acquisti e donazioni presso enti e privati.
Le competenze del Prof. Galasso si estendono oltre le specifiche discipline della Museologia, Storia dell’Arte e Paleografia e non a caso è considerato esperto di tante materie.
Dopo aver prodotto studi pubblicati in volumi e periodici specialistici, ha lasciato l'incarico ufficiale, ma ovviamente rimane uno dei massimi esperti della nostra storia nei suoi multiformi aspetti.
Ed ha lasciato la sua marcata impronta anche nel Museo del Sannio a cui ha dato un ordinamento scientifico corrispondente alle più moderne acquisizioni della Museologia, che prendono in considerazione ogni branca della evoluzione di una civiltà territoriale notevole ed estesa come quella del Sannio.   

E fu il Prof.Galasso a proporre nel 1988, per la prima volta, al mondo degli studiosi l’ipotesi che durante la iniziale diffusione del Cristianesimo il culto di Iside a Benevento sia stato programmaticamente ridotto a una ‘setta demoniaca’.
L’idea fu sconvolgente perché sovvertiva ogni studio precedente.
Ma aprì nuove prospettive di indagine sui seguaci di quel culto che furono costretti a praticarlo in segreto nelle boscaglie del fiume Sabato, e soprattutto sulla sorte dei loro templi devastati, con il prezioso corredo sacro - obelischi, rilievi simbolici e sculture - sfregiato e reimpiegato come semplice materiale da costruzione.

Nel saggio introduttivo del Catalogo della Mostra Streghe, diavoli e morte da lui organizzata appunto nel 1988 nella Rocca dei Rettori, il Professore Galasso individuò infatti la sorprendente continuità di aspetti formali tra la figura di Iside e quella della Madonna: Isis lactans che porge il seno scoperto al figlio Horus, rimpiazzata verso il secolo IV dalla Madonna, rappresentata a Benevento quasi sempre con il Bambino in braccio e col seno scoperto!
Di qui la sua proposta che da tutto questo sia derivata la ben nota "leggenda delle streghe di Benevento", una leggenda estranea alle persecuzioni di donne messe al rogo in tutta Europa, e invece fonte di letteratura e arte affascinante.
Tale ipotesi è stata definitivamente accolta dagli ambienti scientifici internazionali con la grandiosa Mostra Iside, il culto, il mistero, la magia (Milano, Castello Sforzesco, 1977), in cui furono protagonisti i reperti isiaci del Museo del Sannio.



Quanto alla Sezione Egizia del Museo del Sannio, oggi è collocata nell'edificio della Prefettura, nella parte destinata al Museo Arcos.
Gli spazi espositivi sono appena sufficienti, non consentono fra l’altro di leggere le iscrizioni in caratteri geroglifici delle quattro facciate dell’obelisco egizio (l'altro è collocato in Piazza Papiniano), né di ammirare tutte le opere da ogni lato.
Le opere inoltre sono ubicate nei sotterranei, dove non ricevono la luce diretta, che avrebbe sottolineato meglio le forme simboliche volute dagli artisti che le realizzarono, ed esaltato la bellezza dei marmi policromi.

Ma questo è, ed evidentemente non c'era altra possibile e migliore sistemazione, dopo l'abbandono della sede principale del Museo del Sannio.

Ma pur rimanendo l'insieme di sculture ed elementi architettonici egizi e neoegizi ritrovati al di fuori dall'Egitto più importante al mondo, e pur essendo per giunta posizionato a stretto contatto con il passeggio cittadino, il valore della sezione Egizia del Museo del Sannio non è ben conosciuta ed apprezzata nemmeno dagli stessi nostri concittadini.

E certamente meriterebbe un po’ di attenzione in più da parte di tutti.
Rimane d'obbligo, quindi, l'amara considerazione che non ci sia un apparato economico, organizzativo, strutturale, proporzionato e capace davvero di valorizzare la straordinaria ricchezza di opere d’arte della nostra città e più in generale del nostro paese.

Ma di questo, magari, parleremo in altre occasioni.




Per ora vi diamo parte dell'intervista concessa dal Prof. Galasso e preannunciamo il nostro articolo su Iside, che sarà pubblicato sul prossimo numero di TEMA magazine.

E non parliamo solo di Iside.
Vi è anche di Domiziano, infatti, un Imperatore che si atteggia a Faraone e che fa costruire un Tempio di Iside a Benevento, crocevia dei due mondi di cui si ritiene padrone unico ed assoluto.
Parlamo del mito delle streghe che nasce dai riti isiaci presenti ancora durante il periodo longobardo e parliamo del culto della Madonna, che viene appunto rappresentata qui a Benevento con il seno scoperto nell'atto di nutrire il Bambino, così simile all'Iside Lactans venerata nel suo tempio.
E parliamo di Rutilio Lupo, beneventano, industriale dei laterizi, costruttore, ben accreditato ed influente anche presso la Roma Imperiale ed i suoi imperatori.

Su tutto aleggia una Benevento, fulgida e splendente come mai, nella Roma imperiale.
Benevento con il suo Tempio di Iside, il Teatro, l'Anfiteatro, il Foro, la Via Appia rinnovata da Traiano, tanto importante e significativa nel suo nuovo percorso fino a Brindisi da meritarsi addirittura un Arco trionfale ad imperitura memoria.
E ancor oggi è lì a ricordare al mondo intero quanto grande e importante fosse all'epoca la nostra Benevento.

Al prossimo numero di TEMA Magazine, dunque, in edicola ad aprile.

Ed ancora grazie al Prof. Elio Galasso che speriamo di incontrare ancora, magari su altri argomenti.









le foto sono state riprese su concessione del Museo del Sannio che rimane titolare di ogni diritto;
ne è vietata quindi la riproduzione e diffusione;
 

Toro Apis

 
Particolare della statua di Domiziano, in veste da Faraone

 
Sacerdotessa di Iside

 
Dio Horus

 
Una delle sale della Sezione Egizia nel Museo Arcos

 
Sacerdoti di Iside

 
Toro Apis

 
Testa di Iside

 
Sacerdote di Iside

 
Barca della Iside Pelagia, protettrice dei mari

 
Cista mistica

 
Uno dei due obelischi che erano posizionati all'ingresso del Tempio di Iside


L'obelisco in Piazza Papiniano




 

 
 

Ctg storia della città, commenti 7, letto 16178 volte
Commenta  


7 commenti   top
n.508 - ha scritto Mario  16-04-2015 22:24:30  
Il nuovo che avanza
n.485 - ha scritto Rino de Rienzo  03-01-2015 19:51:42  
Una intervista veramente interessante e pregna di vere e proprie prelibatezze storico-religiose sul culto della dea Iside nella Benevento del I° secolo dopo Cristo che Cavallo ha condotto con grande maestria e competenza e rivolta al Prof. Elio Galasso, ex Direttore del Museo del Sannio. Galasso ha sciorinato una vera e propria messe di notizie storico-religiose circa il culto isiaco e i risvolti che essa ebbe poi, nel prosieguo del tempo, sul culto della Madonna, quasi dissolvenza d'immagine religiosa trasposta nel culto e nella nuova religione cristiana che intanto si andava consolidando presso le genti italiche, in ispecie nei luoghi più vicini all'Urbe. La leggenda delle streghe tratteggiata dal Professore come particolare fenomeno scevro della tradizione essenzialmente demoniaca e la scoperta dell'importanza che ebbe nella Benevento del tempo di un nostro concittadino, tale Rutilio Rufo, imprenditore di quel tempo e quindi produttore di laterizi di cui è stata trovata traccia con le iniziali R R del predetto Rutilio, hanno reso questa intervista di assoluto valore culturale degna della immensa competenza del Prof Galasso e della bravura di Cavallo nel portare avanti un'argomentazione di non semplice caratura storica e documentaria.
n.383 - ha scritto Enrico Cavallo  20-03-2014 18:24:58  

non è che importi molto, ma il servizio l'ho scritto io, Enrico Cavallo;
forse volete prendervi gioco di noi, ma va benissimo lo stesso;

n.381 - ha scritto Elena Nemes  20-03-2014 10:29:00  
Elide mi é piaciuto molto il tuo servizio. Molto interessante e molto accurato. Avere tutti questi tesori nella nostra provincia molto "criticata" non é poco. Credo che non tutti sanno di queste meraviglie. Sono contenta che tu metti "un mattone importante" alla cultura. Grazie per la tua sagezza!
n.379 - ha scritto Elide apice  18-03-2014 22:50:48  
Ti ringrazio, Angela, ma il pezzo e' di Enrico Cavallo che ha intervistato il professore Galasso e realizzato una approfondita ricerca.
L'approfondimento sul prossimo numero di TEMA in edicola ad aprile
n.378 - ha scritto Enrico Cavallo  18-03-2014 22:36:39  
ehm...
grazie a nome ... mio ...
riferirò !
n.376 - ha scritto Angela Iacobucci  18-03-2014 12:34:06  
Bellissimo! Grazie Elide!
 
 
 

0,0621
letto 16178 volte
7 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Maria Pacifico Rampone, eroina di Benevento
Una nota del professore Elio Galasso

redazione, n.9921 21-06-2017
letto 693 volte
, tags storia della città

Il Velario del Teatro Comunale di Benevento
La poetica di Paolo Petti

Luigi Mauta, n.9807 03-06-2017
letto 3668 volte
, tags storia della città

Con l'Archeoclub - Benevento alla scoperta della città dimenticata
Il presidente Michele Benvenuto ha guidato i convenuti alla scoperta del quartiere ebraico

Elide Apice, n.8519 27-10-2016
letto 5471 volte
, tags storia della città

Arechi benedice due Chiese, che fine ha fatto la seconda?
Ce lo dice l’arch. Francesco Bove, in una sua lectio magistralis, su TEMA Magazine in edicola ai primi di agosto

Enrico Cavallo, n.8101 24-07-2016
letto 3805 volte
, tags storia della città

Pseudocripta sotto il Duomo, nuove rivelazioni
Una costruzione che risale ai primi tempi della nostra comunità cristiana

Enrico Cavallo, n.7904 18-06-2016
letto 3908 volte
, tags storia della città

Inaugurazione della pseudocripta al Duomo
Un nuovo tassello delle scoperte archeologiche nel sottosuolo

Enrico Cavallo, n.6750 29-11-2015
letto 504 volte
, tags storia della città

La Chiesa dei Santi Cosimo e Damiano
In un'area archeologica di grande pregio, una Chiesa cara anche all'Arcivescovo Orsini

Enrico Cavallo, n.6354 27-09-2015
letto 1800 volte
, tags storia della città

"Benevento, la città segreta" - Insediamenti abitativi reperiti nel corso dei lavori di ristrutturazione dell'Ospedale in viale Principe di Napoli"
Presentato il progetto di riqualificazione della zona archeologica

Elide Apice, n.5824 14-07-2015
letto 4506 volte
, tags storia della città

Biblioteca Pacca - Intervista a Mons. Mario Iadanza
Un altro tesoro della nostra storia, in ottime condizione, nei locali della Curia Arcivescovile

Enrico Cavallo, n.5773 29-06-2015
letto 4257 volte
, commenti 1, tags storia della città biblioteca pacca,

Santa Artelaide vergine, giovane bellissima
E' lei che portò a Benevento l'effigie della Vergine Maria, da cui ha avuto poi origine il culto della Madonna delle Grazie

Enrico Cavallo, n.3365 10-02-2015
letto 2812 volte
, commenti 2, tags storia della città




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook