emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Chiude con il San Marco anche l'ultima sala cinematografica in città
     
        _________

dom 11-01-2015 17:29, n.3237 - letto 2204 volte

Chiude con il San Marco anche l'ultima sala cinematografica in città

Angelica Iannella: "Grazie a quanti ci hanno seguito e sostenuto finora!"

di Elide Apice


E' la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso, le voci che giravano nel periodo natalizio si sono consolidate in una amara verità e stamattina la conferma da parte di Angelica Iannella, responsabile delle scelte artistiche del cinema San Marco, gestito con la famiglia fina dagli anni '60, che il Cinema Tetaro San Marco è stato irrimediabilmente chiuso.
Sul web, in particolare su facebook, dopo le notizie della chiusura del Massimo e della libreria Luidig,  la notizia è rimpallata alimentando un dibattito che aldilà delle scontate critiche alla gestione di qualcuno evidentemente poco informato sui fatti, ha catalizzato sentimenti di solidarietà intorno alle sorelle Iannella cui va dato il merito di aver tentato di seguire le evoluzioni tecniche e di aver cercato di fare proposte diverse con l'apertura di un bar nel foyer del cinema molto spesso prestato ai più diversi usi, dagli incontri di lettura, alle mostre di artisti, alle iniziative di solidarietà.
"Il viaggio del cinema San Marco è oramai giunto al termine - questo il post di Angelica Iannella - Lo abbiamo percorso con passione superando gran parte delle difficoltà, credendoci fino alla fine perché questa meravigliosa avventura del cinema è qualcosa che ci accompagna da sempr,e dal lontano 1963, quando nostro padre Salvatore Iannella, ristrutturò ed aprì il Teatro Comunale che dopo circa 30 anni di attività fu chiuso per un anno a causa del terremoto dell'80 ed in seguito riaperto fino al novembre del 1990.
In contemporanea mio padre ristrutturava a spese proprie il vecchio Cinema Teatro San Marco per riaprirlo il 23 dicembre 1990 e continuare l'attività fino ad oggi".
Sulla struttura pesa una situazione gestionale complessa, è la stessa Iannella ad affermarlo quando dice dell'esistenza di un contratto a tre parti che coinvolge l'amministrazione comunale, la famiglia Iannella e il proprietario dei locali, il signor Faraonio, da tutti conosciuto come John, che ne rivendica il possesso.
"Qualcuno ci ha accusato di scarsa lungimiranza - confida Angelica - perché avremmo potuto trasformare il cinema in una multisala centro della città. In realtà, anche se pochi ne sono a conoscenza, ci abbiamo provato già nel 2001 pagando anche un progetto che ci sembrava valido curato dall'architetto Costa che aveva già realizzato situazioni analoghe. Purtroppo il proprietario della struttura non ci concesse l'autorizzazione mettendoci in condizione di perdere anche il contributo dei finanziamenti europei che ci eravamo premunite di chiedere".
Qualcuno ha anche avanzato l'idea di una "scomodità delle poltrone mai rimodernate e vecchie di almeno 35 anni e anche in questo caso la risposta è lapidaria: "Avremmo potuto rimodernare l'arredo, ma abbiamo preferito destinare i fondi al miglioramento acustico con l'acquisto dello Spectra, un importante impianto e poi adeguandoci al digitale. Inoltre abbiamo tentato di fare diverse offerte proponendo, già nel 2013, concerti e cabaret".
“Ci mettemmo, infatti, mettemmo in contatto con alcuni imprenditori napoletani tra i quali quelli di Tam Tam, ma nonostante una grossa campagna di visibilità con passaggi televisivi e sulle diverse testate, riuscimmo a realizzare solo il concerto con Max Gazzè.
Fummo, infatti, costrette a chiudere per sei mesi con la scusa che non avevamo i permessi di sicurezza o il bagno per gli handicappati e del resto non mi risulta che gli altri teatri in città li abbiano. Comunque saltò tutto il progetto, ma non la nostra voglia di andare avanti seppur indeboliti nello spirito.
Alla fine stiamo chiudendo perchè abbiamo sulle spalle una sentenza di sfratto, ma la vita deve andare avanti e prima o poi ci si troverà con rinnovata forza ad affrontare nuovi progetti".
"Ringraziamo tutti coloro che ci hanno sostenuto ed apprezzato frequentando fino alla fine le nostre famose rassegne di cinema Arcifilm che per Benevento sono state l'appuntamento immancabile di tutto il numeroso ed appassionato mondo di cinefili"- conclude con malcelato senso di dolore Angelica Iannella che ha il merito, assieme alle sue sorelle, di aver sempre tentato nuove proposte con rassegne dal noir, al giallo ai cartoon, ai corti recentemente proposti, dove l'unico assente è sembrato essere il pigro pubblico beneventano.
Con l'augurio che qualcosa cambi e che magari si possa realizzare quella auspicata “casa del cinema” cui tante volte hanno fatto riferimento nei discorsi fatti tra amici (e mi pregio di essere considerata loro amica), non ci resta che augurare alle sorelle Iannella e alla mamma, tanto forte e battagliera, di riuscire a superare questo triste momento che non è una loro sconfitta, ma è essenzialmente una sconfitta e una grave perdita per l'intera città.




 
 

Ctg società, commenti 1, letto 2204 volte
Commenta  


1 commento   top
n.486 - ha scritto Pier Luigi Rovito  14-01-2015 17:28:40  
Gianni Vergineo diceva che Benevento era dominata da un oscuro "cupio dissolvi". Con la chiusura del san Marco questo desiderio di morte appare prossimo alla realizzazione. La rassegna del San Marco costituiva l' ultimo segno di vita. E si è chiusa la sola finestra aperta verso la modernità. Speriamo in un miracolo........
 
 
 

0,0613
letto 2204 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

La lunga carriera di Carlo Verdone premiata al Festival BCT per la sua comicità popolare
Ieri a Piazza Cardinal Pacca successo di pubblico

Brunella Donisi, n.13154 03-08-2020
letto 277 volte
, tags società

Dalla Tombola al Bingo musicale: la parabola di Coky Ricciolino
Il gioco on line è gratuito

Elide Apice, n.13068 16-05-2020
letto 178 volte
, tags società

Il Cuore di Andrea: il Coronavirus non ferma la solidarietà
Proficua raccolta a favore della Protezione civile

Elide Apice, n.13040 17-04-2020
letto 222 volte
, tags società

La sicurezza delle donne, una lotta infinita(mente ingiusta)
E' sempre Lotto marzo

Federica Formato, n.12997 08-03-2020
letto 317 volte
, tags società

"Cinque donne del Sud" in scena Beatrice Fazi. Lo spettacolo in sostegno dell'associazione Il Cuore di Andrea
Appuntamento il prossimo 13 marzo al Teatro Massimo di Benevento

Elide Apice, n.12951 19-02-2020
letto 441 volte
, tags società

Appunti di viaggio: la passione per il “Cammino”
La Cooperativa Mediateur incontra Vilma Tarantino e Gianmarco Feleppa

Elide Apice, n.12942 15-02-2020
letto 446 volte
, tags società

Successo per l’evento di beneficenza a favore del centro “E’ più bello insieme”
Selena Sacco e Sabatino Miranda ospito di Olympia Dance School hanno organizzato un doppio laboratorio di Drum Circle e Tarantella Montemaranese

redazione, n.12931 11-02-2020
letto 242 volte
, tags società

“A partire da me: i saperi di genere per la costruzione di relazioni simmetriche” , al Liceo Giannone l’incontro con Francesca Recchia Luciani
Un incontro per discutere delle relazioni tra generi

Elide Apice, n.12872 20-01-2020
letto 392 volte
, tags società

Le sardine in piazza a Benevento: tra "Bella Ciao" e "La libertà"
Tanti giovani per gridare forte "Benevento non si lega"

Antonio Esposito, n.12754 02-12-2019
letto 818 volte
, tags società

“Esther per non dimenticare”, al via il progetto per rendere Benevento zona territoriale #TrattaFree
La presentazione al Centro di Pastorale giovanile

Elide Apice, n.11942 07-02-2019
letto 239 volte
, tags società




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook