emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Se ci fa paura guardare alla realtà sessista
     
        _________

mar 12-01-2016 09:24, n.7025 - letto 7572 volte

Se ci fa paura guardare alla realtà sessista

La riflessione di Federica Formato sul "Quo Vado"

di Federica Formato

Per questa settimana più che fare un’analisi linguistica, mi sento di fare un’analisi più sociologica della mancanza di saper criticare (e non intendo in maniera negativa ma interpretativa) i fenomeni mediatici.
Ho letto solo alcuni dei pochi commenti, positivi e negativi, circa il film ‘Quo Vado’ di Zalone, li ho evitati proprio perchè credo sia inutile fare sermoni su questioni relativamente poco importanti (rispetto alle guerre e alla discriminazione su alcune categorie di persone).
Io ho trovato i film di Zalone, oltre alle battute che strappano risate, interessante dal punto di vista dei temi e delle personalità (rap)presentate, nella maggior parte prototipi italiani che con paura tendiamo a nascondere e stereotipi inter-nazionali che indubbiamente promuoviamo in italia.
Il problema allora non è quello che è nel film, ma come lo spettatore interagisce con cosa appare in video.
Mentre il discorso può sembrare molto astratto, cerco di contestualizzarlo in pratici esempi.
Partendo dall’ultimo film ‘Quo Vado’, ho trovato molto reale e ovviamente allarmante, la situazione in cui il protagonista principale entra in un ufficio e si dirige spedito dall’uomo seduto dietro alla scrivania, saltando la donna che sedeva all’altra scrivania.
La comicità (amara) arriva quando l’impiegato specifica che la dirigente è la donna mentre lui è il segretario.
Zalone rimane negativamente sorpreso dalla ‘disposizione’ lavorativa, al contrario dei tradizionali canoni italiani dove è sempre la donna a fare la segretaria e l’uomo il dirigente.
Fermiamoci qui. Abbiamo due opzioni: o pensare che Zalone l’abbia fatto senza pensarci, che sia capitato per pura casualità, oppure che l’abbia fatto per far riflettere allo spettatore (spostando la responsabilità del contenuto) al vizio sessista di denigrare la donna sotto tutti i punti di vista.
Il sessismo (ma anche il razzismo e l’omofobia) vengono presentati così: crudi, quasi superficiali, riflesso di persone ignoranti, cafone, poco istruite.
E a noi non piace sentirci così, giusto?
E non ci piace che si critichino gli italiani e non ci piace che lo si faccia così pubblicamente, e che la gente lo trovi anche simpatico.
A mio avviso il problema delle critiche è che non abbiamo fatto un esame di coscienza, che non siamo pronti a toccare le nostre certezze in materia di prototipi e stereotipi.
Anche se, sempre a mio avviso, sarebbe il caso e l’ora.
Mi viene in mente che tanto parlare (Shakespeare direbbe ‘tanto rumore per nulla’) non si sia successo per altri film che senza scrupolo (perchè dovrebbero?) perpetuano visioni della donna ristrette e sicuramente sessiste.
A questo proposito mi vengono in mente tutti i cinepanettoni dove si sprecano le battute sessuali/sessiste, dove la donna è sempre la giovane di turno svestita a puntino, proprio come le commedie porno soft degli anni 80.
Ma i cinepanettoni non si toccano, sono affari di famiglia!
È quando la famiglia che viene messa sotto il microscopio, che i panni non si lavano più in famiglia ma sono davanti agli occhi di tutti che sentiamo il dovere e il diritto di nasconderci e di non voler interpretare.
Personalmente io ho trovato molto più offensivo il film di Woody Allen ‘To Rome with love’ dove si prendeva in giro la città, i personaggi (anche del calibro/quelli rappresentati da Roberto Benigni) che ‘Quo Vado’, un quadro, certo raccapricciante delle credenze popolari di un paese che giudica il surperfluo e lascia andare il necessario.
Se avessi letto sui social networks così tante parole sui politici e le loro ristrette qualità intellettive, adesso forse concorderei con voi che non è il caso di spendere parole su un film.
Ma lasciatemi terminare dicendo che il cuore della mia rubrica, che sembra anticipare quel sessismo trattato da Zalone presentando un quadro altrettanto allarmante, è l’esame di fenomeni popolari che coinvolgono una grande maggioranza della popolazione.
Non mi interessano le torri d’avorio, quelle in cui gli analisti guardano dall’altro verso il basso.
Il mio è un approccio orizzontale senza deresponsabilizzazione di noi come partecipanti degli eventi mediatici, culturali e certamente linguistici del nostro paese.

 
 

Ctg lingua di genere, commenti 2, letto 7572 volte
Commenta  


2 commenti   top
n.530 - ha scritto Federica  14-01-2016 10:52:26  
Vero Maria Luisa, non ci rendiamo neanche più conto del 'valore' delle brutte parole. Da linguista, se posso, dico che forse fanno parte di tutta quell'italianità rappresentata nel film e, come altri temi, sono messe li ad hoc. Io spero solo che il film faccia riflettere, ma capisco che ci sono due tipi di spettatori, quelli attivi e quelli passivi. Magari farlo vedere nelle scuole con una guida ai contenuti non sarebbe una cattiva idea.
n.529 - ha scritto maria luisa caputo  12-01-2016 19:50:21  
Sono perfettamente d'accordo con la tua analisi. Ho trovato anche io molto offensivo il film di Woody Allen che il film di Zalone. Il film di Allen è offensivo verso Roma, presentata come un paesone con le donne arretrate, antiquate, sciatte e stupide mentre Parigi (Midnight in Paris) appare come la città dove tutto può accadere, come in sogno, e solo bello. Detto questo ho trovato interessante e divertente l'analisi socio culturale ed educativa di Quo vado. Mi piacerebbe che una volta tanto, in futuro, venga eliminato da Zalone il turpiloquio, antico retaggio da caserma che strappa ancora risate e fa abbassare il livello dei film!
 
 
 

0,2251
letto 7572 volte
2 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

ARCOS: Inaugurata la mostra "La Materia del Gesto. Carmine Di Ruggiero" a cura di Ferdinando Creta
Visitabile fino al prossimo 3 aprile

redazione, n.13660 19-02-2022
letto 375 volte
, tags lingua di genere

"Posso fare un processo al maschile?" la risposta di Federica Formato al "Processo al femminile" di Fulvio Fiorito
Per la rubrica Lingua di genere

Federica Formato, n.13208 25-09-2020
letto 6301 volte
, tags lingua di genere

Ricostruire la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro donne
Per la rubrica Lingua di Genere

Federica Formato, n.11716 25-11-2018
letto 6322 volte
, tags lingua di genere

Lettera aperta di Federica Formato
Per la rubrica Lingua di Genere

Federica Formato, n.8242 30-08-2016
letto 6634 volte
, tags lingua di genere

Desinenze morfologiche al risveglio dopo i ballottaggi
La rubrica di Federica Formato

Federica Formato, n.7927 20-06-2016
letto 6514 volte
, tags lingua di genere

Attitudini e credenze: grammatica e società
La rubrica "Lingua di Genere" di Federica Formato

Federica Formato, n.6697 23-11-2015
letto 7062 volte
, tags lingua di genere

La donna "indipendente"
L'appuntamento con la rubrica Lingua di Genere di Federica Formato

Federica Formato, n.6193 31-08-2015
letto 6928 volte
, tags lingua di genere

Tabù, lingua e genere
L'appuntamento con la rubrica "Lingua di Genere" di Federica Formato

Federica Formato, n.5812 05-07-2015
letto 6937 volte
, tags lingua di genere

Cara famiglia day
L'appuntamento con la rubrica "Lingua di Genere" di Federica Formato

Federica Formato, n.5701 22-06-2015
letto 6714 volte
, tags lingua di genere

Scelte libere e meno libere: politiche, culture società e 4 amiche
L'appuntamento con la rubrica "Lingua di Genere" di Federica Formato

Federica Formato, n.5574 09-06-2015
letto 6569 volte
, tags lingua di genere




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook