emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
L'uomo del futuro" l'incontro con l'autore Eraldo Affinati
     
        _________

gio 12-05-2016 17:12, n.7690 - letto 12917 volte

L'uomo del futuro" l'incontro con l'autore Eraldo Affinati

Questa mattina all'Auditorium Giovanni Paolo II dell'Istituto De La Salle

di Elide Apice
sfoglia l'album delle foto   


L’uomo del futuro è Don Lorenzo Milani, protagonista dell’ultimo libro di Eraldo Affinati e semifinalista al Premio Strega 2016
Questa mattina, presso l’Auditorium Giovanni Paolo II dell’Istituto De La Salle di Benevento, la presentazione del libro ad una folta platea composta dagli studenti del Liceo Classico “De La Salle” di Benevento, del Liceo Classico “Giannone” di Benevento, del Liceo Scientifico “Rummo” di Benevento, del Liceo Scientifico “Galilei” di Benevento, del Liceo Scientifico “Telesi@” di Telese Terme e del Liceo Statale “Virgilio” di Avellino.
L’iniziativa voluta e curata da Maria Cristina Donnarumma è stata introdotta da Don Nicola Cocchiarella che dopo i saluti ha lasciato spazi agli interventi.
“Sono circa 20 anni che conosco Eraldo Affinati – ha così iniziato la Donnarumma - una conoscenza che si è man mano trasformata in amicizia e sono diverse le volte che lo abbiamo invitato a Benevento per proporre i suoi testi”:.
Ha poi parlato delle narrazioni di Affinati capace di“scrittura unica, pregnante, vitale” fino ad arrivare all’ultimo libro “L’uomo del futuro” (Mondadori), appunto, che diviso in venti capitoli alterna il racconto della ricerca sulle tracce di Don Milani al racconto della ricerca dei Don Milani che ci sono nel mondo.
Un libro con una doppia chiave stilistica, declinato in prima persona per quanto riguarda i capitoli dedicati alla ricerca su Don Lorenzo Milani e in seconda persona per i capitoli dedicati ai viaggi.
“Una scelta precisa - per Affinati – perché in qualche modo ho sentito il bisogno di rivolgermi a me stesso, conquistando al contempo una certa distanza. Un tentativo per scoprire le motivazioni di questa ricerca.
E’ come se avessi voluto farmi un processo e avessi cercato di incorporare azioni ed esperienze.
La scelta della seconda persona è stata per me, persona estremamente riflessiva, una scelta ideale”
Don Milani, prete degli ultimi, prete ribelle, ma rispettoso della Chiesa che è ancora presente nella vita quotidianadi tanti che seguono a volte inconsapevolmente le sue teorie che parlano di inclusione, di apertura, di rispetto.
“Ho sempre insegnato italiano e storia in istituti tecnici e spesso con ragazzi difficili – ha dichiarato lo scrittore – Anche io sono stato un ragazzo difficile, figlio di famiglia umile dalla quale ho cercato riscatto attraverso la scrittura e la letture, riscatto che mi è in qualche modo servito per ripagare i miei genitori per la loro vita difficile”.
“Mia madre, ad esempio, era riuscita a fuggire da un treno ch l’avrebbe condotta ad un campo di concentramento e di questo episodio non riusciva a parlarne.
Ho capito allora l’importanza delle parole ed è per lei che nel mio libro ‘Campo del sangue’, sono partito proprio da quelle storie.
Poi l’insegnamento che capisco essere l’unico modo per curare le mie ferite perché stare con i miei alunni è cura che mi fa stare bene”.
Poi il discorso si è spostato su Don Milani: “Lo seguivo senza conoscerlo, ma applicando le sue teorie di inclusione.
Poi non mi è bastato più e ho voluto approfondire la sua conoscenza, ma anche questo, ad un certo punto, non mi è più bastato e quindi ho voluto ripercorrere la sua vita attraverso i suoi luoghi e cercare i Don Milano di oggi”.
Chi sono i Don Milano?
Sono coloro che hanno nei confronti dell’altro e dei loro allievi un atteggiamento simile a quello che avrebbe avuto Don Milani che spesso non conoscono.
Li ho trovati in Marocco quando ho seguito due miei allievi di origine marocchina e mi hanno fatto conoscere il loro primo maestro, ma anche in India, tra le suore di Madre Teresa, a Berlino da un educatore di un naziskin, a Hiroshima dove ho visto un ragazzo alle prese con un videogame che riproduceva l’attacco con le bombe atomiche e ho pensato alle lettere di quei militari che le sganciarono che proprio don Milani faceva leggere ai suoi allievi”.
“ L’uomo del futuro”, quindi, è sì una ricerca sulla figura di Don Milani, ma è anche storia di viaggi che sono in qualche modo storia all’interno di me stesso”.
“L’ultima stazione dei miei viaggi – ha dichiarato Affinati - è la scrittura che mi serve per trovare conferma e a volte mi dà delle smentite. La scrittura che per me non è intrattenimento, ma è essenzialmente vita e non è racconto di storie inventate, ma trasformazione delle mie esperienze”.
Quanto di don Milani è rimasto nella quotidianità?
“ Oggi purtroppo la scuola non sta andando nella direzione che avrebbe voluto Don Milani, ma verso una standardizzazione di tipo europeo che tiene conto delle competenze e non delle persone”.
Recuperare Don Milani, quindi, l’auspicio, ed è questo il motivo per cui ha accettato la candidatura al Premio Strega, in modo da accendere un faro sull’uomo del futuro
Poi le domande puntuali dei tanti alunni presenti e la certezza che Don Milani, sarebbe stato vicino agli ultimi ancora oggi e avrebbe appoggiato i grandi temi sociali, l’immigrazione, le nuove famiglie, l’avvento di Internet che avrebbe usato come mezzo di conoscenza e avrebbe avuto attenzione per tutte le sollecitazioni che provengono dalla società odierna, pur nel massimo rispetto della Chiesa.

























 
 

Ctg letteratura, commenti 1, letto 12917 volte
Commenta  


1 commento   top
n.543 - ha scritto Maria Cristina Donnarumma  13-05-2016 19:36:58  
Grazie per l' attenzione e per la completezza dell' articolo.
 
 
 

0,1742
letto 12917 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

"Ti racconto un quadro di Massimo Rao”, al via il concorso letterario dedicato all'artista sannita
La scadenza è prevista per il prossimo 10 aprile

Elide Apice, n.12749 30-11-2019
letto 6527 volte
, tags letteratura

“Storia delle donne nel Sannio” Lucia Gangale ha presentato il suo ultimo libro
Edito da Realtà Sannita che festeggia così la sua 150° pubblicazione

Elide Apice, n.12071 10-03-2019
letto 7047 volte
, tags letteratura

“Il Grano e la Dea” la presentazione dell'ultimo libro di Maria Ivana Tanga
Ieri la presentazione alla Mondadori di Viale Mellusi

Elide Apice, n.11583 19-10-2018
letto 7098 volte
, tags letteratura

“Omissis 01 – La vera storia di Rosa Amato: camorrista per vendetta, pentita per amore”
Al Rione Libertà nell'ambito del programma civile della Festa dell'Addolorata

Elide Apice, n.11492 13-09-2018
letto 7084 volte
, tags letteratura

“Il terzo padre” presentato il libro di Mario Collarile
Allo Spazio Strega bagno di folla per l’autore che era stato presentato al Premio Strega 2018 da Maria Cristina Donnarumma

Elide Apice, n.11252 23-05-2018
letto 7445 volte
, tags letteratura

"Gioacchino Toma. Sorvegliato politico tra artisti, sotterfugi e nobiltà” presentato il libro di Alberico Bojano
L’incontro organizzato dall’Associazione Culture e Letture

redazione, n.11145 05-05-2018
letto 7310 volte
, tags letteratura

"La meraviglia di vivere. Note biografiche e pensieri dedicati a mio padre" presentato il libro di ricordi di Emilia Tartaglia Polcini
E’ la 143°pubblicazione di Realtà Sannita

Elide Apice, n.11144 05-05-2018
letto 7933 volte
, tags letteratura

San Giovenale Martire. per secoli venerato e implorato... oggi dimenticato
Presso la Chiesa del SS. Salvatore la presentazione del nuovo libro del professore Di Pietro

Elide Apice, n.10910 10-03-2018
letto 6817 volte
, tags letteratura

"Il dovere della speranza" presentato il nuovo libro di Teresa Simeone
Ieri, presso la Sala Vergineo del Museo del Sannio

Elide Apice, n.10554 29-11-2017
letto 7451 volte
, tags letteratura

"Benevento la tua città" nel nuovo libro di Lamberto Ingaldi l'amore per i luoghi della sua vita
Ieri la presentazione presso l'Auditorium dei Padri Cappuccini

Elide Apice, n.10394 29-10-2017
letto 8001 volte
, tags letteratura




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook