emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
‘Prima di andare’ - La Vita Felice, 2016 di Rita Pacilio
     
        _________

gio 11-08-2016 17:10, n.8157 - letto 1673 volte

‘Prima di andare’ - La Vita Felice, 2016 di Rita Pacilio

Cinque lettere e trentanove nuove poesie dell'artista sannita

dalla redazione

Prima di andare è un lavoro poetico composto da coordinate emozionali e razionali che si intrecciano in una relazione indissolubile e, talvolta, inconsapevole, attraverso un reticolato in versi di alto ed elegante livello stilistico e linguistico.
Rita Pacilio, studiosa dell’essere umano e dei contesti psico-sociali, confessa la vita di una donna anziana che, grazie al ricordo del suo amore, tiene in vita la memoria del mondo.
Diverse le tematiche sottese tra scienza e coscienza: la solitudine e la frustrazione dell’ammalato, l’indifferenza sociale, la dimenticanza correlata ad alcune patologie cliniche che mettono a dura prova quella parte del cervello che custodisce la memoria a breve e a lungo termine e, inoltre, l’amore, in tutte le sue forme, amore come vera e unica motivazione di vita.
Il testamento simbolico e spirituale è per l’umanità intera: il dialogo interno, momento di ascolto delle crisi dell’esistenza, controlla gli stati d’animo replicando le gioie del passato, i‘pensieri automatici e gli errori senza commiserazione o distorsioni autolesionistiche e costruisce valutazioni adeguate che facilitano il processo di rielaborazione.
Cinque lettere d’amore e trentanove poesie, suddivise in quattro sezioni: Ti scrivo dal mio niente, Guardare il vento, sapere il vento, Riaffiorare, Nel posto dove volano gli uccelli, in cui vengono mostrate accuratamente la caducità delle cose e la permanenza dei sentimenti. (dalla quarta di copertina)

Rita Pacilio (Benevento 1963) è poeta, scrittrice, collaboratrice editoriale, sociologa, mediatrice familiare.
Curatrice di lavori antologici, editing, lettura/valutazione testi poetici e brevi saggi, è autrice di alcuni saggi tra cui La fede come metafora comunicativa: è possibile la fede sociale? (Fara, 2013). Per l’Università degli Studi del Sannio ha collaborato al saggio Famiglia e società.
Organizza e promuove eventi culturali.
Ha pubblicato prefazioni, approfondimenti, articoli, recensioni e note di lettura su riviste, blog di settore.
Presidente e giurata di premi letterari e di associazioni culturali ha coordinato laboratori e progetti di poesia nelle scuole.
Sue recenti pubblicazioni di poesia: Gli imperfetti sono gente bizzarra (La Vita Felice 2012), Quel grido raggrumato (La Vita Felice 2014), Il suono per obbedienza – poesie sul jazz (Marco Saya Edizioni 2015). Per la narrativa: Non camminare scalzo (Edilet Edilazio Letteraria 2011).
La principessa con i baffi (Scuderi Edizioni 2015) è la sua fiaba per bambini.





 
 

Ctg comunicati, commenti 2, letto 1673 volte
Commenta  


2 commenti   top
n.553 - ha scritto Rita Pacilio  11-08-2016 19:19:46  
Giovanni, amico poeta, caro, immensamente caro a me! Grazie per queste tue osservazioni critiche e umane. E tu mi sai, mi sai bene. Un abbraccio. Tua, rita
n.552 - ha scritto Giovanni D'Amiano  11-08-2016 18:13:55  
Un'anima complessa, una sensibilità che nulla tralascia e a niente e a nessuno è indifferente. Per cui vince e perde con tutti. Anima fragile e forte, fortissima, della sua fragilità. E' contenitore di puro cristallo dei mali e della solitudine dell'umanità. Analizza razionalmente, ma traduce in linguaggio di pura poesia, il magma emotivo dell'essere umano, del suo disagio esistenziale. Poesia con cui, di rimando, tenta di consolare gli altri e di proteggere-salvare se stessa. Rita non scrive per fare poesia o, peggio ancora, letteratura, ma fa arte per esigenza primaria di capire il mondo e la vita, degli altri e sua.
 
 
 

0,0702
letto 1673 volte
2 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Festival dell’Erranza: il 3 ottobre la cerimonia del Premio Nazionale
Il Festival è dedicato alla Transumanza, Patrimonio dell’Umanità

redazione, n.13209 25-09-2020
letto 4 volte
, tags comunicati

"Memorie dal Sannio", l'ultimo libro di Rito Martignettiche
E' edito da Arturo Bascetta edizioni

redazione, n.13207 23-09-2020
letto 38 volte
, tags comunicati

Giornate Europee del Patrimonio: Incantesimi della mitologia: dal divino al terreno
AREA ARCHEOLOGICA DEL TEATRO ROMANO DI BENEVENTO Sabato 26 settembre 2020, ore 20.00, al Teatro Romano

redazione, n.13206 23-09-2020
letto 50 volte
, tags comunicati

La pianista Beatrice Rana è il nuovo Direttore artistico dell’OFB
Porteranno la sua firma le prossime 4 Stagioni concertistiche

redazione, n.13204 21-09-2020
letto 24 volte
, tags comunicati

Solot, riparte la stagione teatrale per bambini al Mulino Pacifico
In scena “Bella Sveglia”, liberamente ispirato a “La bella addormentata nel bosco”

redazione, n.13203 21-09-2020
letto 32 volte
, tags comunicati

“PER LO SCOPRIMENTO DEL TEATRO ROMANO IN BENEVENTO”, la presentazione dell'ultimo libro di Luigi Mauta
Per le Giornate Europee del Patrimonio

redazione, n.13200 20-09-2020
letto 39 volte
, tags comunicati

Samnium gusto e cultura”, da un'idea di Tiziana Iuzzolino
Riceviamo e pubblichiamo

redazione, n.13199 18-09-2020
letto 93 volte
, tags comunicati

“NEL SEGNO DI MANARA” presso la Rocca dei Rettori di Benevento
Dal 2 ottobre - 29 novembre 2020

redazione, n.13198 16-09-2020
letto 40 volte
, tags comunicati

IDENTITE’ - Una favola contemporanea
Il 19 settembre al Teatro romano per le Giornate Europee del Patrimonio 2020

redazione, n.13197 16-09-2020
letto 11 volte
, tags comunicati

Colligere Fragmenta. Studi in onore di Marcello Rorili per il suo 70° genetliaco
Il 19 settembre prossimo presso il salone Leone XIII

redazione, n.13196 16-09-2020
letto 23 volte
, tags comunicati




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook