emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Liolà al San Ferdinando
     
        _________

lun 24-10-2016 18:25, n.8498 - letto 7810 volte

Liolà al San Ferdinando

Le recensioni del pubblico

di le recensioni del pubblico


Scenografia, costumi, luci e colori bellissimi, evanescenti, primaverili, leggeri messi lì quasi per alleggerire il fardello di una condizione femminile gravosa, pettegola, e subordinata all'uomo padre - padrone - amante - marito che ancora una volta prevarica per posizione sociale e non per meriti ,per apparire e non per essere, per dovere e non per piacere.
Ottima anche la musica. (Luigia Spagnoletti)

Mi è piaciuta molto la rappresentazione di Liolà ieri al S.Ferdinando: la scena colorata dava l'impressione di trovarsi in un prato di papaveri e quando quello non è servito più è stato uno splendido spartiacque tra l'in scena e il fuori scena.
L'impianto corale del testo e l'aggiunta del canto ha reso la vicenda che come sempre in Pirandello è controversa, quasi leggera. Ma leggibilissima è risultata la condizione delle donne che ancora in pieno '900 stentavano ad assumere una fisionomia autonoma. Oppresse da padri e mariti padroni, acquistavano un certo valore solo come mogli e madri. (Ornella Verusio)

Bello spettacolo, il protagonista Massimiliano Gallo/Liolà da vero guitto napoletano calza pienamente la maschera pirandelliana, con un'allegria fragile, venata da malinconia. La cristallizzazione sociale umilia i tentativi di emancipazione degli umili e costringe anche i signori, attaccati alla roba, come sanguisughe, ad accettare il gioco delle parti. Alla fine tutti sanno che la forma è finzione e ognuno si accontenta. La scenografia ha trovate spettacolari e a volte si ferma in quadri sospesi. Un unico atto che scorre senza pesare e con qualche risata liberatoria. (Paola Bagnoli)

Nell'accostarsi ogni volta ad un testo di Pirandello la sensazione resta sempre quella del " sospetto".
Mi spiego: cosa vorrà farci capire della natura umana?
In Liola' sembrerebbe la cupidigia e la avarizia di zio Simone ma anche la spregiudicatezza e la prorompente vitalità di Liola' ed in ultimo ma non per importanza della rassegnazione delle donne costrette nel ruolo di mogli e madri.
Il bello di questa rappresentazione a cui abbiamo assistito è il clima quasi giocoso rappresentato ed accompagnati dalle musiche e le canzoni mentre gli argomenti erano fortemente e per l'epoca"scabrosi". Alla fine il dramma, che pure circonda tutta la storia, sfocia in una trovata registica che rasenta il marionettismo con Liola' che, colpito al cuore dalla amante tradita, si trasforma in novello "pinocchio" circondato e supportato dai suoi figli. (Angelo Miraglia)

Non sempre si possono soddisfare i gusti di tutti e raggiungere un giudizio unanimamente condiviso.
Quando però c'è tanto lavoro si vede e si apprezza sempre, come in questa rappresentazione di stasera, da una scenografia stavolgente.
Si, stravolgente perché cambia non certo il senso ma il fine dell'opera, alleggerisce il dramma: fa perno sui balletti, i cori, il tappeto come un prato fiorito...
Sembra quasi che tutte quelle luci consolino per la sofferenza di un mondo in cui l'uomo opprimeva la donna, la vecchiaia denigrava la gioventù, l'avere contava più dell'essere.
Il regista Arturo Cirillo vorrebbe farci credere che era solo un tempo lontano rappresentato da Pirandello su carta.
E ora...reso diverso solo da un pensiero artistico. (Giualiana Bagnoli)


 
 

Ctg Teatro - le recensioni del pubblico, commenti 2, letto 7810 volte
Commenta  


2 commenti   top
n.558 - ha scritto ornella Verusio  24-10-2016 20:57:20  
Mi è piaciuta molto la rappresentazione di Liolà ieri al S.Ferdinando: la scena colorata dava l'impressione di trovarsi in un prato di papaveri e quando quello non è servito più è stato uno splendido spartiacque tra l'in scena e il fuori scena.
L'impianto corale del testo e l'aggiunta del canto ha reso la vicenda che come sempre in Pirandello è controversa, quasi leggera. Ma leggibilissima è risultata la condizione delle donne che ancora in pieno '900 stentavano ad assumere una fisionomia autonoma. Oppresse da padri e mariti padroni, acquistavano un certo valore solo come mogli e madri.
n.557 - ha scritto Paola Bagnoli  24-10-2016 18:36:29  
Bello spettacolo, il protagonista Massimiliano Gallo/Liolà da vero guitto napoletano calza pienamente la maschera pirandelliana, con un'allegria fragile, venata da malinconia. La cristallizzazione sociale umilia i tentativi di emancipazione degli umili e costringe anche i signori, attaccati alla roba, come sanguisughe, ad accettare il gioco delle parti. Alla fine tutti sanno che la forma è finzione e ognuno si accontenta. La scenografia ha trovate spettacolari e a volte si ferma in quadri sospesi. Un unico atto che scorre senza pesare e con qualche risata liberatoria.
 
 
 

0,0936
letto 7810 volte
2 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

ARCOS: Inaugurata la mostra "La Materia del Gesto. Carmine Di Ruggiero" a cura di Ferdinando Creta
Visitabile fino al prossimo 3 aprile

redazione, n.13660 19-02-2022
letto 805 volte
, tags lingua di genere

La Materia del Gesto. Carmine Di Ruggiero a cura di Ferdinando Creta
Opening 19 febbraio al Museo Arcos

redazione, n.13659 18-02-2022
letto 307 volte
, tags comunicati

La Materia del Gesto. Carmine Di Ruggiero a cura di Ferdinando Creta
Museo ARCOS 19 febbraio > 3 aprile 2022

redazione, n.13648 09-02-2022
letto 220 volte
, tags comunicati

FRANCO MARROCCO - Le Stanze di Iside, la mostra a cura di Massimo Bignardi e Ferdinando Creta
Si inaugura al museo ARCOS il prossimo 17 ottobre

redazione, n.13218 09-10-2020
letto 6439 volte
, tags comunicati

Museo ARCOS: Mostra “Transitus” a cura di Ferdinando Creta
Inaugurazione sabato 12 settembre 2020, ore 16,30

redazione, n.13185 10-09-2020
letto 6534 volte
, tags comunicati

Mostra “Laura Niola. Dentro di me…” a cura di Ferdinando Creta
Inaugurazione sabato 15 febbraio 2020, ore 17,00

redazione, n.12926 10-02-2020
letto 6308 volte
, tags comunicati

“Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo”: successo per iniziativa sostenuta da Ferdinando Creta
Al Teatro Romano la compagnia Red Rogers

Elide Apice, n.12590 13-10-2019
letto 6757 volte
, tags eventi

In scena il Ferdinando di Annibale Ruccello
Ieri al Gesualdo di Avellino

redazione, n.12183 29-03-2019
letto 6648 volte
, tags Teatro

Inaugurata stamani al Museo Arcos di Benevento, la mostra "Venire per Avere - Come to Have" a cura di Bustos Domenech per la direzione artistica di Ferdinando Creta.
Visitabile fino al 13 aprile prossimo

redazione, n.12069 09-03-2019
letto 6551 volte
, tags comunicati

Mostra personale di Alfred Mirashi, in arte Milot, dal titolo: “A Key for Humanity”, a cura di Ferdinando Creta e Nello Valente
Al Museo Arcos il prossimo 6 ottobre

redazione, n.11545 01-10-2018
letto 6374 volte
, tags comunicati




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook