emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
La storia del Teatro Romano
     
        _________

gio 29-03-2012 23:50, n.19 - letto 3814 volte

La storia del Teatro Romano

Interessante incontro organizato dall'Archeoclub

di Elide Apice
sfoglia l'album delle foto   

“La storia del Teatro Romano” questo il tema trattato stasera al Cesvob per l’incontro organizzato dall’Archeoclub, sezione di Benevento e affidato al professore Gino Iannace, dell’Università  di Napoli.

E del teatro si è parlato, della sua costruzione, delle tecniche usate, del suo significato che da luogo religioso è passato nel tempo a diventare luogo di divertimento.

Affascinante, a volte misteriosa è stata la ricostruzione del professor Iannace che, riportandosi a costruzioni analoghe  presenti in tutte le zone d’Europa colonizzate  al tempo dei romani, ha parlato del teatro Romano di Benevento come di una costruzione nata all’interno della città e destinata ad ospitare circa 10000 persone.

Chiaro indice questo di un’opulenza della città i cui cittadini affollavano le gradinate del Teatro per manifestazioni gratuite (il biglietto era costituito da pezzi di ossa contrassegnati da numeri), che duravano l’arco dell’intera giornata per cui , a teatro si mangiava e si cenava.

L’antico teatro era sicuramente ricoperto da lastre di marmo bianco,  era di certo dotato del velarium che serviva a proteggere dai raggi del sole e, all’occorrenza, nei giorni di maggior caldo, gli spettatori venivano spruzzati di acqua alla quale erano stati aggiunti petali di rose.

Aveva una scena, un’orchestra in cui prendevano posto gli uomini illustri ed una cavea dove i posti erano assegnati in base al ceto sociale e che nella gradinata più alta era riservata agli schiavi e alle donne.

Una serie di archi e file di colonne completavano l’opera che era realizzata secondo le regole di Vitruvio e la parte più interessante della progettazione era dedicata all’acustica, praticamente perfetta perché le onde sonore non trovavano ostacoli nell’espandersi e forse, ma si tratterebbe di una leggenda, veniva amplificata maggiormente per l’uso di anfore posizionate sotto la scena.

Anche le maschere, che si pensava potessero essere usate come megafoni, in realtà essendo realizzate probabilmente in sughero, servivano a caratterizzare i personaggi.

La decadenza dei teatri arrivò con sant’Agostino e poi con l’imperatrice Teodora che arrivarono a far vietare gli spettacoli diventati sempre più lascivi, soprattutto quelli che si tenevano in acqua dopo aver allagato l’orchestra.
 

Con il decadere della sua funzione, in particolare con le invasioni barbariche, il teatro fu completamente abbandonato e i marmi e i mascheroni usati per le successive costruzioni di palazzi, molti resti si trovano nelle facciate del palazzi del Corso e addirittura un mascherone  è sul campanile del Duomo e si cominciarono ad usare gli spazi per costruirci abitazioni. 

 Così è stato fino al 1920 quando si cominciarono i lavori di ripristino del Teatro Roamno che venne così riconsegnato, ma con aspetto diverso da quello che avrebbe avuto in realtà, ai cittadini.

Meritoria l’opera dell’Archeoclub e del suo presidente,  Michele Benvenuto che ha dichiarato che ” intento del sodalizio è  far conoscere la città ai cittadini facendo uscire la cultura dall’appannaggio di pochi colti  restituendola a tutti i fruitori interessati”

Prossimo appuntamento il 26 aprile con un incontro su”Le donne di Benevento non sono streghe”  




 
 

Ctg Incontri, commenti 1, letto 3814 volte
Commenta  


1 commento   top
n.6 - ha scritto michelangelo fetto  12-04-2012 11:37:21  
complimenti per il resoconto dettagliato della relazione del prof.Iannace che non ho potuto seguire personalmente e per l'opera meritoria di divulgazione culturale che vi vede impegnati da anni. grazie.
 
 
 

0,0539
letto 3814 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

“Ascesa e caduta dell’astro Farinelli raccontato da lui medesimo” presentato il libro curato da Vega De Martini
Continuano gli incontri letterari a Teatro Romano

Elide Apice, n.12645 30-10-2019
letto 600 volte
, tags Incontri

"Ritratti beneventani" presentato il nuovo libro di Rito Martignetti
L'incontro alla Rocca dei Rettori

Elide Apice, n.12632 27-10-2019
letto 503 volte
, tags Incontri

Palazzo Paolo V: voci festanti risuonano in biblioteca
L’antico Palazzo apre i suoi spazi alla fruizione dei più giovani

Elide Apice, n.12171 27-03-2019
letto 1166 volte
, tags Incontri

Filomena Lamberti, vittima di violenza, si racconta
L'incontro organizzato da "Dillo a noi"

Elide Apice, n.12152 23-03-2019
letto 287 volte
, tags Incontri

Beya Ben Abdelbaki Fraoua, la Console tunisina ospite del Giannone di Benevento
L’iniziativa voluta dall’Associazione Campania Europa Mediterraneo presieduta da Enzo Parziale

Elide Apice, n.12101 15-03-2019
letto 532 volte
, tags Incontri

“La Buona Mefite e il Mefitismo, un nuovo approccio alla Valle dell’Ansanto”.
“La Buona Mefite e il Mefitismo, un nuovo approccio alla Valle dell’Ansanto”

Elide Apice, n.12032 02-03-2019
letto 891 volte
, tags Incontri

La Bellezza dell’azione – Conversazione sul valore della speranza
L’incontro con Antonella Fusco alla libreria Masone /Alisei

Elide Apice, n.12024 01-03-2019
letto 993 volte
, tags Incontri

LEGGERE FILM. Rassegna di Cinema Letterario/Esperienziale
Dl 23 gennaio al 26 giugno alla libreria Masone

Elide Apice, n.11890 23-01-2019
letto 281 volte
, tags Incontri

Stregati da Sophia: l'incontro con Pascale Chapaux-Morelli e Eugenio Murrali
Al President Hotel la festa degli auguri

Elide Apice, n.11786 12-12-2018
letto 599 volte
, tags Incontri

"Schegge - per favore non chiamateli uomini", presentato il libro di Rossella Menegato
Ieri, da Gnostro, il partecipato evento

Emilio Spiniello, n.11728 28-11-2018
letto 739 volte
, tags Incontri




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook