emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
La Chiesa di San Domenico
     
        _________

dom 29-07-2012 10:31, n.309 - letto 12708 volte

La Chiesa di San Domenico

un tesoro nascosto che più nascosto di così non si può

di Enrico Cavallo

La chiesa di San Domenico è una delle Chiesa più belle di Benevento.
Era annessa al Convento di San Domenico e si trova in Piazza Guerrazzi.
Nel passato il Convento fu destinato a Palazzo di Giustizia, ma dagli anni 80 è sede del Rettorato dell'Università degli Studi.
La facciata della Chiesa ha perso i suoi lineamenti barocchi in quanto è stata "adattata" allo stile del Convento, più volte restaurato nel corso dei secoli, per ultimo proprio prima di diventare sede Universitaria.
La Chiesa ha origini antichissime che risalgono al secolo XII, e si vuole sia stata fondata da Roffredo Epifanio, giurista, principe longobardo.

clicca sulla foto per ingrandirla

Nel suo convento si sono alternati vari ordini religiosi, sia maschili che femminili.
Buona parte della città fu distrutta dal terremoto del 1688 e la Chiesa di San Domenico subì la stessa sorte.
Venne ricostruita grazie all'intervento del Cardinale Orsini, il futuro papa Benedetto XIII, che la restituì al culto nel 1708.
E' stata ristutturata più volte, anche dopo i bombardamenti del 1943 e, per ultimo, dopo il terremoto del 1980.

E' una Chiesa molto bella, dai tratti barocchi, è sebbene non sia aperta al pubblico e vi si celebri la messa solo la domenica, appare ben tenuta ed in buono stato di conservazione.
Ha una pianta a croce latina che, per quanto mi è dato sapere, non ritorna in altre chiese di Benevento.
E' ornata da marmi e stucchi e porta opere del Piperno ed una statua di Gesù Risorto del Cerasuolo.
Vi sono monumenti funerari di personalità francesi (forse del periodo del principato del Talleyrand) ed alcune colonne veramente molto belle.
Un bel tesoro in stile barocco, insomma, che però non è conosciuto praticamente da nessuno, e d'altra parte è aperto solo in poche occasioni nemmeno, a quanto pare, nelle più importanti solennità religiose.
Naturalmente se mai qualcuno ci volesse permettere di fotografare la Chiesa, noi faremmo come al solito e cioè metteremmo a disposizione di chiunque lo chieda le foto originali in formato jpeg di grandi dimensioni, utili per grandi stampe su carta di qualità fotografica.
Riteniamo, infatti, che una ricchezza tanto bella appartenga ovviamente alla comunità.





p.s.

Sono anni che cerco inutilmente di fotografare la Chiesa di San Domenico.
Ufficialmente la Chiesa è chiusa al pubblico da tempo e vi si celebrano messe solo la domenica, alle ore 9.00.
Anche questa è una notizia tenuta riservata perchè non  risulta  nemmeno nell'elenco ufficiale della messe pubblicato su internet a cura dell'Arcidiocesi di Benevento.
E non sono riuscito a fotografarla nemmeno quando ero funzionario di un importante ente pubblico e come tale ho avanzato formale richiesta per documentarla nei nostri circuiti turistici.
La Chiesa è rimasta chiusa.
Ma la conosco bene perchè ne sono rimasto affascinato quando trovai fortunosamente aperta la porta laterale che dà accesso alla Chiesa dal Corso Garibaldi  ed immediatamente vi entrai costringendo i miei colleghi a seguirmi.
Era un pomeriggio feriale d'estate, di quelli che ci puoi morire anche stando fermi all'ombra ed eravamo reduci (sebbene del tutto volontari) da una bella sessione di lavoro all'Hortus Conclusus, fatta di sradicamento di erbacce, canne di bambù, siepi troppo folti.
Eravamo vestiti da operai, ed ovviamente sudati come sa esserlo solo chi ha lavorato per ore sotto un sole infuocato.
Appena entrati in Chiesa ci rendemmo conto che eravamo nel pieno di una cerimonia di matrimonio, tutti in grande uniforme perchè si trattava del matrimonio di un ufficiale accompagnato, ovviamente, dall'intero entourage degli ufficiali suoi colleghi.
La Chiesa era assolutamente splendida, ma rimanemmo solo pochi attimi ad ammirarla perchè, morti di vergogna, scappammo via dalla porta principale che esce su Piazza Guerrazzi.
Da allora ho avuto sempre il pallino di ritornare in quella Chiesa, una delle più belle di Benevento, per fotografarla ed illustratrarla a quanti ne ignorano persino l'esistenza.
E stamattina, finalmente, ho trovato la forza di ritornarvi e sono entrato gongolante dalla porta laterale.
Erano le ore 8.50 e mi sarebbero bastati pochi minuti per fotografarla; avevo pensato bene, infatti, di andare prima che la Messa iniziasse per non disturbare la cerimonia.
Mi sono recato verso l'ingresso principale mentre stava entrando il celebrante.
Gli ho detto che mi accingevo a fotografare la Chiesa che pochi conoscono in Città.
Lui mi ha detto, deciso, "non mentre c'è la Messa".
"Stia tranquillo - gli ho detto - mi occorrono sono pochi minuti".
Erano, ripeto, le 8.50, la messa era prevista per le ore 9.00, avrei scattato centinaia di foto in pochi minuti, avrei finito ben prima della messa.
Ma ho fatto in tempo a scattare una sola foto, perchè la messa è iniziata immediatamente.
Il prete infatti non ha atteso lo scoccare delle ore 9.00, e si è lasciato avvincere dalla foga celebrativa.
Ed avrà pensato, ovviamente in buona fede, "quel fedele, quel bravo figlio, quel fotografo insomma, in questi pochi attimi che gli ho concesso, avrà certamente scattato le migliaia di foto che desiderava".

Non era così e con la mia unica foto sono andato via sconsolato, quanto meno perchè avevo avuto l'educazione (o l'ingenuità ?), non ricambiata, di dire che volevo fotografare la Chiesa.
Peccato !
Un bel tesoro nascosto, che mi è ancora una volta sfuggito e rimarrà nascosto.
Però non mi arrendo !
Ed al prossimo matrimonio di qualche persona importante, perchè mica tutti possono sposarsi nella Chiesa di San Domenico, ma solo le poche persone importanti (o almeno ricchissime), entrerò pure io e scatterò migliaia e migliaia di foto. E voglio proprio vedere come faranno ad impedirmelo.
Ma non pubblicherò le foto.
Perchè ho cambiato idea, sono eccentrico, ed ovviamente giro con continui e periodici alti e bassi.
E mi terrò solo per me questa bella Chiesa che quasi nessuno conosce.
E che nessuno mai più conoscerà !




 
 

Ctg storia della città, commenti 4, letto 12708 volte
Commenta  


4 commenti   top
n.71 - ha scritto Enrico Cavallo  29-07-2012 14:16:44  
allora va bene così, perchè la Chiesa, prima ancora che qualsiasi altra cosa, appartiene a tutti e nessuno deve comportarsi da padrone burbero e selettivo;
è giusto che quindi tutti ne usufriscano senza favoritismi e che, se non trovano la chiesa sempre aperta, possano almeno ammirarne in foto la bellezza;
e le confermo che se vorrà invitarci ai suoi prossimi raid fotografici nella Chiesa saremo ben lieti di farle compagnia e di pubblicare anche le sue foto;
e le confermo ancora che se qualcuno ci permette di fotografare la chiesa pubblicheremo tutto e consegneremo a tutti quelli che lo chiedono copia delle foto;
n.69 - ha scritto Alberto  29-07-2012 14:04:03  
Le assicuro che la rettoria di san Domenico non è aperta solo a pochi intimi, e la mia famiglia non è in intimità con nessuno.
Basta informarsi e chiedere.
Un saluto
Alberto Febbraro
n.68 - ha scritto Enrico Cavallo  29-07-2012 12:06:06  
io ho preavvertito che intendevo fare le foto e che le avrei fatto FUORI dell'orario della messa;  non se ne è tenuto conto e leggittimamente ironizzavo proprio su questo, senza peraltro perdere la buona educazione;

non rinunzio ovviamente a fare commenti e non li considero inopportuni visto che non è poi corretto che solo pochi intimi riescano ad utilizzare la Chiesa per matrimoni, come io sospettavo e come lei stesso ammette;
comunque sarebbe bastato iniziare la messa secondo gli orari previsti, anche questi peraltro inaccessibili a tutti perchè nessuno li pubblica;
in ogni caso le consiglio di leggere del tutto l'articolo nella sua stesura definitiva perchè le confermiamo che se c'è qualcuno che ci permette di fotografare la Chiesa, noi faremo come al solito e cioè daremo a chiunque lo chieda le foto originali di grande formato, utili per qualsiasi scopo anche professionale;
quindi se le capita di poter fotografare la Chiesa, ci avvisi che saremmo ben lieti di farle compagnia;
e se vuole le pubblichiamo anche le sue foto sul nostro giornale;



n.67 - ha scritto Alberto  29-07-2012 11:09:03  
Ha perfettamente ragione quando dice che Lla chiesa di San Domenico è una delle più belle della città, ma potrebbe anche evitare commenti e critiche inopportune. A Benevento abbiamo la chiesa del S.Salvatore che pure è SENPRE chiusa, o quella degli agostiniani ( Annunziata) .. Per il fatto che non sono parrocchie ma rettorie, e mantenerle aperte richiede impegno e sacrificio sopratutto se il rettore di San Domenico è anche parroco in contrada Epitaffio!
Le posso dire che in quella chiesa si
Sono sposati quasi tutti i miei parenti, che di mattina è aperta non raramente.
Se a lei risulta così difficile posso farle io sue foto e non saró così egoista da non pubblicarle.
Un saluto
 
 
 

0,0637
letto 12708 volte
4 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Maria Pacifico Rampone, eroina di Benevento
Una nota del professore Elio Galasso

redazione, n.9921 21-06-2017
letto 6821 volte
, tags storia della città

Il Velario del Teatro Comunale di Benevento
La poetica di Paolo Petti

Luigi Mauta, n.9807 03-06-2017
letto 10732 volte
, tags storia della città

Con l'Archeoclub - Benevento alla scoperta della città dimenticata
Il presidente Michele Benvenuto ha guidato i convenuti alla scoperta del quartiere ebraico

Elide Apice, n.8519 27-10-2016
letto 13512 volte
, tags storia della città

Arechi benedice due Chiese, che fine ha fatto la seconda?
Ce lo dice l’arch. Francesco Bove, in una sua lectio magistralis, su TEMA Magazine in edicola ai primi di agosto

Enrico Cavallo, n.8101 24-07-2016
letto 10981 volte
, tags storia della città

Pseudocripta sotto il Duomo, nuove rivelazioni
Una costruzione che risale ai primi tempi della nostra comunità cristiana

Enrico Cavallo, n.7904 18-06-2016
letto 10732 volte
, tags storia della città

Inaugurazione della pseudocripta al Duomo
Un nuovo tassello delle scoperte archeologiche nel sottosuolo

Enrico Cavallo, n.6750 29-11-2015
letto 6559 volte
, tags storia della città

La Chiesa dei Santi Cosimo e Damiano
In un'area archeologica di grande pregio, una Chiesa cara anche all'Arcivescovo Orsini

Enrico Cavallo, n.6354 27-09-2015
letto 8384 volte
, tags storia della città

"Benevento, la città segreta" - Insediamenti abitativi reperiti nel corso dei lavori di ristrutturazione dell'Ospedale in viale Principe di Napoli"
Presentato il progetto di riqualificazione della zona archeologica

Elide Apice, n.5824 14-07-2015
letto 11605 volte
, tags storia della città

Biblioteca Pacca - Intervista a Mons. Mario Iadanza
Un altro tesoro della nostra storia, in ottime condizione, nei locali della Curia Arcivescovile

Enrico Cavallo, n.5773 29-06-2015
letto 11849 volte
, commenti 1, tags storia della città biblioteca pacca,

Santa Artelaide vergine, giovane bellissima
E' lei che portò a Benevento l'effigie della Vergine Maria, da cui ha avuto poi origine il culto della Madonna delle Grazie

Enrico Cavallo, n.3365 10-02-2015
letto 9279 volte
, commenti 2, tags storia della città




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook