emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Louis De Beer - chi era costui ?
     
        _________

gio 19-04-2012 09:00, n.68 - letto 2148 volte

Louis De Beer - chi era costui ?

sembra essere in Toscana, le donne, a Benevento, sono meglio educate degli uomini

di Teatri & Culture

L'occupazione di Roma da parte delle truppe Francesi nel 1798, fece cadere su Benevento le particolari "attenzioni" di Ferdinando IV di Borbone.
Benevento era già da tempo una enclave pontificia nel regno borbonico e Ferdinando IV temeva che l'avvento del regime francesce a Roma avrebbe potuto provocare in città l'ascesa al potere di un governo filo-francese.
Non ci andò tanto per il sottile, ovviamente, e ben presto i suoi granatieri irruppero a Benevento prendendone definitivamente possesso il 19 aprile 1798. Ma dovo aver tentato inutilmente di respingere i Francesi fuori Roma, Ferdinando IV si arrese rifugiandosi in Sicilia, cedendo ai francesci Capua a Benevento, nell'armistizio di Sparanise del 12 gennaio 1799.
Inizia così un breve periodo in cui Benevento passò per la prima volta nelle mani dei francesi.
Ma durò poco perchè già il 9 aprile 1802 Benevento tornò sotto il controllo della Santa Sede.

Dopo le alterne vicende dei tormentati rapporti tra la Chiesa e Napoleone, nel febbraio 1806 il Regno di Napoli fu assegnato a Giuseppe Bonaparte e furono creati i principati di Benevento e Pontecorvo.
Ed il 15 febbraio una divisione francese, guidata dal generale Guillaume Philibert Duhesme, entrò a Benevento.
Il 5 giugno 1806 Napoleone con decreto nominava Charles Maurice de Talleyrand-Périgord principe e duca della città.
Il 15 agosto venne nominato il primo governatore francese, l'alsaziano Louis De Beer, già segretario d'ambasciata a Napoli.

Eccolo, dunque, il nostro "De Beer", governatore di quel Talleyrand principe di Benevento che mai giunse una sola volta in città, nemmeno per visitarla.

De Beer era una persona molto capace e segnò in modo importante la vita della città portandovi molte innovazioni. Applicò subito il codice napoleonico, ma ebbe l'accortezza di apportarvi le modifiche consigliate da ragioni di adattamento e di opportunità.
Si legge da Wikipedia :
"Dopo diversi secoli, per prima volta nell'ambiente beneventano arrivò un soffio di vita nuova. Il governo si ispirò a giustizia ed ebbe principalmente come obiettivo l'elevazione delle condizioni del popolo. "
Sembra fantascienza.
Perchè in un epoca segnata da una considerazione verso i diritti umani così lontana da quella moderna, viene a Benevento un alsaziano, emissario di un principe che non aveva visto nemmeno una volta la "sua" Benevento e governa la città ispirandosi ad elevare le condizioni del popolo !

Ma così fu e De Beer non esitò su nulla.
Abolì tutti i privilegi ecclesiastici, abolì tutti i dazi, tranne quello sul vino visto che colpiva un vizio, e ne destinò le entrate al mantenimento di scuole.
Fu lui ad aprire le prime scuole elementari pubbliche che furono istituite, oltre che nel centro (due maschili e una femminile) anche nelle periferie, a San Leucio, Sant'Angelo a Cupolo, Perrillo, Pastene, Bagnara e Montorsi.

Riordinò l'archivio notarile, creando un pubblico archivio che assicurasse l'inviolabilità degli atti. In città, le professioni di avvocato, di notaio, di procuratore, venivano esercitate da chiunque volesse, senza nessun ordine e senza offrire le necessarie garanzie. Il De Beer, con una lettera del 18 ottobre 1806, propose di ridurre il numero di notai da 39 a otto o dieci, da lui stesso direttamente abilitati all'esercizio, con il rilascio di un brevetto.

Un decreto, invece, relativo agli avvocati, venne emesso il 17 aprile 1807.
Fu poi organizzata una compagnia di gendarmeria, avente giurisdizione sull'intero territorio, e furono nominati amministratori alla direzione degli ospedali.
Con un decreto del 21 aprile 1807, inoltre, introdusse la vaccinazione antivaiolosa nel Principato.
Istituì nel novembre del 1810, nel soppresso Collegio dei Gesuiti, il liceo Pietro Giannone. Venne anche aperta una pubblica biblioteca che ebbe sede nell'ex convento dei Gesuiti.
Venne introdotto in città anche il sistema dei pesi e misure già in vigore in Francia.

Singolare la descrizione di alcune sue misure per migliorare le condizioni di arretratezza della città. In una lettera del 1807 il De Beer metteva in luce il sistema di lavorazione del grano, che non si batteva con le cinghie ma si faceva trebbiare dai buoi, lasciando poi al vento il compito di separarlo dalla pula. Veniva lasciato esposto sull'aia per un lungo periodo ed alla fine stivato in depositi angusti ed inadeguati.
Per porre rimedio a questa situazione De Beer aveva fatto costruire una trebbiatrice del tipo di quelle usate in Alsazia ed aveva invitato i propietari terrieri ad usarla. Ma solo il marchese Pedicini ne aveva usata una con un certo successo.
Gli addetti alla pesa pubblica del grano nel deposito di Benevento, inoltre, erano accusati di far sparire quasi il 18 per cento del grano che trattavano ed il De Beer con decreto del 18 febbraio 1808 conferì al falegname Borrelli l'esclusiva per la costruzione di tramogge per la pesatura del grano conformi al modello depositato nel palazzo di città e chiunque ne avesse usate di diverse era passibile di pesanti sanzioni e detenzione in galera.
Per incoraggiare la coltivazione del tabacco prorogò i contratti degli affittuari ed ostacolò in modo deciso le vie del contrabbando. Costituì una "Società per l'agricoltura" che avrebbe dovuto riunire "tutti gli uomini animati da concrete intenzioni per lo sviluppo della città".

Istituì il divieto di usura tra privati che arrivava a tassi del 120% e istituì un Monte di Pietà agricolo.
Fu anche accorto verso l'educazione femminile e conservò l'Orfanotrofio della Santissima Annunziata e la scuola per le "civil donzelle" delle Orsoline. Era particolarmente favorevole a queste istituzioni e le difese anche verso lo scettico Talleyrand al quale segnalava che la presenza di siffatti istituti permetteva a molti di non mandare i figli a Napoli per motivi di studio.
Ma poi giudicava l'opera di questi istutiti particolarmente preziosa perchè "nelle case di queste dame sembra essere in Toscana. Le donne, a Benevento, sono meglio educate degli uomini" ed il merito era proprio delle Orsoline.
Non disdegnò nemmeno di sostenere la scuola tecnica per tessitrici annessa alla Santissima Annunziata scuola che estese anche all'Orfanotrofio di San Filippo Neri.
Si sforzò di introdurre diverse industrie nel Principato e destinò i locali di case religiose soppresse a officine di lavoro o fabbriche.

Ma non durò molto.

Nel 1814 Gioacchino Murat, che era diventato il nuovo re di Napoli, concluse una alleanza con l'Austria contro Napoleone ed alla fine di gennaio le sue truppe occuparono Benevento, fra le proteste del Talleyrand e del governatore.
Finiva così il Principato di Benevento e l'opera riformatrice del De Beer.
E tuttavia rimangono le numerose lettere con cui il De Beer riferiva costantemente al Talleyrand sullo stato del Principato e sulle misure adottate per il suon buon governo da cui emerge la straordinaria attenzione che il governatore gli dedicava.
E non esitava a sostenere presso il Principe l'adozione di misure, benchè costose, utili per migliorare le condizioni di vita della popolazione.

Insomma il De Beer si distinse quale giovane ma capace ed illuminato governatore, progressista e moderno.
Ed in soli sei anni diede un volto completamente nuovo alla città.
Naturalmente De Beer deteneva ogni potere in città, e probabilmente non tutte le pagine della sua storia sono propriamente esaltanti, ma rimane il fatto che la sua amministrazione si ispirò a principi che ancor oggi appaiono sani e conservano piena attualità.

E comunque pochi altri governi della città hanno saputo segnare in modo così incisivo la propria gestione.
Oltretutto il De Beer lo fece con la saggezza che solo i presonaggi di grande valore sanno sfoderare, facendosi affiancare da esperti nel campo giuridico e finanziario che conoscevano bene la città e le sue criticità.
Quali il giudice di polizia e di pace Giovanni Tommaselli, l'archivista Francesco Zoppoli, l'architetto Giovanni Torre, il segretario di governo Nicola Fiorenza. E poi, il marchese Pacca come ministro delle Finanze, il conte Pedicini come comandante delle truppe.
Insomma le intelligenze locali messe a fattor comune per l'organizzazione di un miglior sistema di vita per la popolazione.

fonti :
Wikipedia
Rossella Del Prete - Piccole tessitrici operose. Gli orfanotrofi femminili a Benevento nei secoli XVII-XIX
G. Vergineo - Storia di Benevento e dintorni

 
 

Ctg storia della città, commenti 1, letto 2148 volte
Commenta  


1 commento   top
n.8 - ha scritto michelangelo fetto  19-04-2012 10:41:37  
veramente affascinante la vostra scelta d idare spazio alal nostra storia, una curiosità, lo spettacolo "La Marcolfa" ch portammo in scena una quindicina d'anni fa era ambientato proprio nel periodo francese delal nostra città ed io scrissi una canzone in cui il barone spiantato, uno dei protagonisti dell ospettacolo, descriveva con entusiasmo la sua adesione agli ideali repubblicani "importati" dai francesi. Bravi.
 
 
 

0,0615
letto 2148 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Maria Pacifico Rampone, eroina di Benevento
Una nota del professore Elio Galasso

redazione, n.9921 21-06-2017
letto 693 volte
, tags storia della città

Il Velario del Teatro Comunale di Benevento
La poetica di Paolo Petti

Luigi Mauta, n.9807 03-06-2017
letto 3675 volte
, tags storia della città

Con l'Archeoclub - Benevento alla scoperta della città dimenticata
Il presidente Michele Benvenuto ha guidato i convenuti alla scoperta del quartiere ebraico

Elide Apice, n.8519 27-10-2016
letto 5472 volte
, tags storia della città

Arechi benedice due Chiese, che fine ha fatto la seconda?
Ce lo dice l’arch. Francesco Bove, in una sua lectio magistralis, su TEMA Magazine in edicola ai primi di agosto

Enrico Cavallo, n.8101 24-07-2016
letto 3823 volte
, tags storia della città

Pseudocripta sotto il Duomo, nuove rivelazioni
Una costruzione che risale ai primi tempi della nostra comunità cristiana

Enrico Cavallo, n.7904 18-06-2016
letto 3922 volte
, tags storia della città

Inaugurazione della pseudocripta al Duomo
Un nuovo tassello delle scoperte archeologiche nel sottosuolo

Enrico Cavallo, n.6750 29-11-2015
letto 505 volte
, tags storia della città

La Chiesa dei Santi Cosimo e Damiano
In un'area archeologica di grande pregio, una Chiesa cara anche all'Arcivescovo Orsini

Enrico Cavallo, n.6354 27-09-2015
letto 1801 volte
, tags storia della città

"Benevento, la città segreta" - Insediamenti abitativi reperiti nel corso dei lavori di ristrutturazione dell'Ospedale in viale Principe di Napoli"
Presentato il progetto di riqualificazione della zona archeologica

Elide Apice, n.5824 14-07-2015
letto 4507 volte
, tags storia della città

Biblioteca Pacca - Intervista a Mons. Mario Iadanza
Un altro tesoro della nostra storia, in ottime condizione, nei locali della Curia Arcivescovile

Enrico Cavallo, n.5773 29-06-2015
letto 4280 volte
, commenti 1, tags storia della città biblioteca pacca,

Santa Artelaide vergine, giovane bellissima
E' lei che portò a Benevento l'effigie della Vergine Maria, da cui ha avuto poi origine il culto della Madonna delle Grazie

Enrico Cavallo, n.3365 10-02-2015
letto 2823 volte
, commenti 2, tags storia della città




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook