emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
“Dottor Marx, storia di un umanista alle soglie del diluvio digitale” di Carlo Maria Steiner
     
        _________

gio 29-03-2018 14:16, n.10999 - letto 6579 volte

“Dottor Marx, storia di un umanista alle soglie del diluvio digitale” di Carlo Maria Steiner

Il libro edito da Felix Krull è stato pluripresentato al premio Strega 2018

di Elide Apice

“Dottor Marx, storia di un umanista alle soglie del diluvio digitale” è un libro di Carlo Maria Steiner pubblicato da Felix Krull Editore ed ha ottenuto, ad ora, ben sette presentazioni al premio Strega 2018.
E sono nomi di tutti rilievo, naturalmente tutti membri degli Amici della Domenica, studiosi del calibro di Marcello Rotili, Maurizio Dardano, Pietro Gibellini, Gioacchino Lanza Tomasi, Franco Cardini, Raffaella Morselli, Paolo Ruffilli.
Il nuovo regolamento del premio, infatti, prevede che a partire dall’edizione 2018 ognuno dei 400 Amici della Domenica può segnalare singolarmente un’opera che ritiene meritevole di concorrere, senza necessità di associarsi a un altro giurato.
Il protagonista del romanzo è uno psicoterapeuta, il dottor Gottfried Marx alle prese con una vita da vivere che non riesce più a conciliare con la modernità e i cambiamenti.
Un umanista, un uomo dalla vita precisa e cadenzata che si trova, appunto alle soglie del “diluvio digitale” e che come già successo in precedenza si sente obbligato ad un nuovo cambiamento di vita.
Arrivato alla professione come antidoto e conseguenza della morte di una ragazza alla quale non aveva saputo porre rimedio, ha creduto che indagare nei meandri della mente altrui potesse placare le ansie della sua vita.
Vive in una antica casa con sua madre che è come nume tutelare e gli sta tanto vicino.
La sua morte in maniera cruenta e per mano di un suo paziente che proprio non ne aveva motivo alcuno porta Marx ad abbandonare il suo mestiere e a cercare faticosamente di ricominciare un nuovo percorso esistenziale.
Una nuova vita tortuosa, carica di colpi di scena, di episodi noir che è narrata quasi come in un percorso onirico e la presenza della gatta Minze che un suo zio neurologo aveva addomesticato al punto di insegnarle a parlare e a leggere, rende questo romanzo anche una sorta di fantasy.
Marx cade, attimo dopo attimo, vittima di una spirale di psicosi, odia tutto ciò che è nuovo, tutto ciò che non è ordine, ma è caos e frastuono, detesta ciò che la modernità propina, detesta la pubblicità e il consumismo inutile.
Si scopre violento al punto da schiaffeggiare un bambino viziato, distruggere una cartoleria e fare ben altro mentre medita di peggio.
Non vive bene in quella casa che pur lo ha protetto nell’infanzia, va via, girovaga.
Vive in un albergo per qualche tempo, ritorna a casa, si dedica al giardinaggio.
Cerca di ricostruire, attraverso la rinascita del giardino della sua infanzia, la rinascita di se stesso.
E’ tutto inutile, tornerà a scappare, a cercare se stesso in un altrove che crede di riconoscere in un’antica casa di campagna e negli ettari di terreno di pertinenza la cui cura gli permetterà di chiudersi ancor di più, di diventare sempre più alieno a se stesso, di autoconvincersi che il suo declino mentale è ormai definitivo, soprattutto quando sia accorge che la micia Minze sa parlargli.
Bel libro, intriso di riferimenti psicologici, dalla narrazione efficace e sorprendente che riesce con efficacia ad esprimere il sentimento dell’ansia e dell’angoscia, esponenzialmente legate alla condizione sociale ed economica della società.
Un grande romanzo, ricco di diverse sfaccettature, capace di accompagnare il lettore nelle pieghe della sofferenza umana, quella nascosta da una apparente normalità, quella che nasconde comportamenti al limite pronti a venir fuori con tutta l’insospettabile violenza alla prima contrarietà.



 
 

Ctg Premio Strega 2018, commenti 1, letto 6579 volte
Commenta  


1 commento   top
n.605 - ha scritto Johann Lercheneald  07-09-2021 16:45:05  
La lettura di "Dottor Marx" è stata per me un'inattesa avventura.
Franco Cardini, uno dei sette che l'hanno candidato.
 
 
 

0,0720
letto 6579 volte
1 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Premio Strega 2018: la presentazione della dozzina a Benevento
La serata condotta da Gigi Marzullo nel riaperto Cinema Teatro San Marco

Elide Apice, n.11324 07-06-2018
letto 9796 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “La ragazza con la Leica” di Helena Janeczek
E’ stato presentato da Benedetta Tobagi

Elide Apice, n.11214 20-05-2018
letto 6445 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “Dal tuo terrazzo si vede casa mia” di Elvis Malaj
E’ stato presentato da Luca Formenton

Elide Apice, n.11213 16-05-2018
letto 6368 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: Il gioco di Carlo D’Amicis
E’ stato presentato da Nicola Lagioia

Elide Apice, n.11176 14-05-2018
letto 6377 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “Questa sera è già domani” di Lia Levi
E’ stato presentato da Dacia Maraini

Elide Apice, n.11197 13-05-2018
letto 6450 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “Il figlio prediletto” di Angela Nanetti
Il libro è stato presentato da Carla Ida Salviati

Elide Apice, n.11171 09-05-2018
letto 6377 volte
, tags Premio Strega 2018

“La corsara - Ritratto di Natalia Ginzburg” di Sandra Petrignani
E’ stato presentato al Premio Strega da Biancamaria Frabotta

Elide Apice, n.11152 07-05-2018
letto 6414 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “Resto qui” di Marco Balzano
E’ stato presentato da Pierluigi Battista

Elide Apice, n.11133 03-05-2018
letto 7049 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “Come un giovane uomo” di Carlo Carabba
Proposto da Edoardo Nesi

Elide Apice, n.11122 02-05-2018
letto 6260 volte
, tags Premio Strega 2018

Premio Strega 2018: “Anni luce” di Andrea Pomella
Presentato da Nadia Terranova

Elide Apice, n.11121 01-05-2018
letto 6701 volte
, tags Premio Strega 2018




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook