emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Breve storia del mio silenzio di Giuseppe Lupo
     
        _________

dom 24-11-2019 14:49, n.12727 - letto 314 volte

Breve storia del mio silenzio di Giuseppe Lupo

Per la rubrica Letto per voi. Presentato al premio Strega 2020 da Silvano Nigro

di Elide Apice

Ci sono delle scritture che incantano dalla prima pagina, vuoi per la narrazione fluida e pacata, vuoi per i ricordi che inevitabilmente finiscono per coincidere almeno in parte con quelli di chi legge, vuoi per un retroscena sociale e culturale che accomuna molti lettori al vissuto dell’autore.
Questo è avvenuto per la lettura di “Breve storia del mio silenzio” (Marsilio editori) di Giuseppe Lupo.
Quel silenzio di cui accenna il titolo è il momento in cui si chiude il protagonista alla nascita di una sorellina, segnando il discrimine tra un prima e un dopo.
Un silenzio che non si sa quanto duri e che nessun medico riesce a guarire affrontato con apparente serenità dai genitori pronti comunque ad insegnare la vita, ad attraversarla e farla attraversare attraverso i libri.
Un papà e una mamma insegnanti, amorevoli e vicini, una società che a fatica si liberava dalla povertà e sognava il nord e la libertà, la casa che accoglieva scrittori e poeti affollano le circa duecento pagine di pura narrazione alla scoperta di un mondo in evoluzione, di un sud sempre più distante dal nord e dalle speranze.
Intorno la sua Lucania, terra mai dimenticata nemmeno dopo anni di vita a Milano, quella Milano che era fin da bambino il sogno futuro.
Il protagonista seguirà il suo percorso di vita e approderà alla Milano sognata e lì studierà e si avvierà a quella che è la sua profonda aspirazione, la scrittura.
Lo ritroveremo marito di Annalisa e padre di due bimbe cui confessa di essere ancora alla ricerca di una reale soddisfazione, la scrittura di un libro, l’accettazione nel mondo delle narrazioni e la ricerca di chi in qualche maniera potrebbe sponsorizzarlo lo mettono sulle tracce di Cesare De Michelis, editore, che lo introduce in un fino ad allora mondo solo sognato.
A De Michelis sono allora dedicate le ultime pagine di un libro accattivante, dai diversi registri linguistici in cui accanto ai dialoghi con i suoi genitori fatti di quotidianità si leggono riflessioni sul mondo della narrazione.
Tante le citazioni e i richiami alla letteratura da Carlo Levo a Sinisgalli, Pavese, Pontiggia, Calvino che fin da piccolo avevano formato il protagonista, tanti gli accenni ad oggetti ormai quasi dimenticati, la penna stilografica Parker tanto cara al padre, la macchina da scrivere Olympia, i libri.
Tanti i ricordi compreso quello del terribile terremoto dell’80 per un libro di cui è davvero consigliata la lettura e dedicato, naturalmente, “Ai miei genitori, i primi maestri, e a tutti gli altri che lo sono stati”.

Il libro è stato proposto al Premio Strega 2020 da Silvano Nigro con la seguente motivazione:
«“Ho quattro anni”. Comincia così il romanzo. Con grande finezza letteraria, in una prosa nitida e fluente, Lupo scrive un’autobiografa delicatamente fabulosa inquietata da un “silenzio” che è trauma infantile di afasia, e poi, nel tempo, insidia persistente di un “male delle parole” e di una “inimicizia con il linguaggio”.
Il libro è anche un romanzo di formazione: un’educazione alla scrittura letteraria al di là del “silenzio”; verso la scoperta della letteratura in quanto risorsa di “oblio”, nella quale “le immagini della memoria una volta fissate con le parole, si cancellano”, come scriveva Italo Calvino.
La prosa è di un’accurata e morbida lentezza.
I tempi della narrazione avanzano e retrocedono, per procedere ulteriormente.
Così il racconto si stratifica, in quelle che l’autore più che stagioni chiama “ere”: essendo la vita simile a un palinsesto geologico.
Il filo di ogni evento viene quindi ripreso in un altro tempo che, tornando indietro, riprende il bandolo e lo intrama. Lupo ha l’orecchio infallibile di un regista per l’opportunità delle entrate e delle uscite dei suoi personaggi, per l’apertura e la chiusura di ogni singolo episodio.»


Breve storia del mio silenzio 
di Giuseppe Lupo
Narrativa Italiana
Marsilio 
2019

 
 

Ctg Premio Strega 2020, letto 314 volte
Commenta  


 

0,0401
letto 314 volte
0 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Premio Strega 2020: “La misura del tempo” di Gianrico Carofiglio
Per la rubrica letto per voi. Il libro è stato selezionato nella dozzina

Elide Apice, n.13014 19-03-2020
letto 126 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: Calce o delle cose nascoste di Raffaele Mozzillo
Per la rubrica Letto per voi. Il libro è stato proposto da Filippo La Porta

Elide Apice, n.13009 16-03-2020
letto 37 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: “Almarina” di Valeria Parrella
Premio Strega 2020: E’ stato proposto da Nicola Lagioia

Elide Apice, n.13012 15-03-2020
letto 33 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: "Febbre" di Jonathan Bazzi
Per la rubrica Letto per voi

Loredana Russi, n.13013 14-03-2020
letto 149 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: "Ragazzo italiano" di Gian Arturo Ferrari
Per la rubrica Letto per voi. Il libro è stato proposto da Margaret Mazzantini

Elide Apice, n.13008 13-03-2020
letto 138 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: ecco la dozzina
Il prossimo 9 giugno la scelta della cinquina

redazione, n.13010 12-03-2020
letto 264 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: Teoria della comprensione profonda delle piccole cose di Alfredo Palomba
Per la rubrica Letto per voi. Il libro è stato proposto da Antonella Cilento

Elide Apice, n.13004 11-03-2020
letto 150 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: "Il colibrì" di Sandro Veronesi. E' stato proposto dall'Accademia degli Scrausi
Per la rubrica Letto per voi il contributo di Loredana Russi

Loredana Russi, n.13007 09-03-2020
letto 179 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: “Giovanissimi” di Alessio Forgione
Per la rubrica Letto per voi. E’ stato proposto da Lisa Ginzburg

Elide Apice, n.13002 09-03-2020
letto 143 volte
, tags Premio Strega 2020

Premio Strega 2020: L'amore altrove di Cynthia Collu
Per la rubrica Letto per voi. Il libro è stato proposto da da Ferruccio Parazzoli

Elide Apice, n.12999 05-03-2020
letto 274 volte
, tags Premio Strega 2020




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook