emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
"Gloria Bell" un inno all'indipendenza femminile
     
        _________

lun 25-11-2019 19:39, n.12732 - letto 157 volte

"Gloria Bell" un inno all'indipendenza femminile

Il commento di Maria Pia Ciani

di Maria Pia Ciani


Sebastian Lelio si misura con un remake di un suo film, Gloria, ambientato in Cile a Santiago, accolto molto bene nelle sale italiane nel 2013.
Fedelissimo al suo primo lungometraggio, Gloria Bell è statunitense, vive a Los Angeles, ma nel corso del film questo aspetto lo si coglie in modo evidente solo quando i protagonisti fanno esplicito riferimento ai luoghi in cui si trovano. Una telefonata a Los Angeles da un albergo di Las Vegas dove Gloria si ritrova sola, in un fine settimana che avrebbe dovuto suggellare un rapporto più chiaro e consapevole con Arnold.
Gloria Bell, straordinariamente interpretata da una sempre splendida Jiulianne Moore, è una donna single, divorziata da 12 anni, madre di due figli adulti ed indipendenti, vive la sua vita senza arrendersi alla solitudine.
Le sue giornate sono scandite da una quotidianità divenuta routine; si reca al lavoro in auto cantando, sembra di percepire, in alcune scene, che lo faccia senza convinzione, che sia un modo per trovare energia e colore in una vita che le si presenta piatta e grigia.
Arrivata in ufficio puntuali sono le telefonate ai suoi figli, un ragazzo sposato con una compagna lontana, partita per ritrovare sé stessa ed intanto è lui a prendersi cura del bambino nato da poco, senza chiedere aiuto preferendo cavarsela da solo.
Sua figlia insegna yoga e vive una relazione con un campione svedese di surf dal quale, si scoprirà poi, che da lui aspetta un bambino. Bell non si rintana in casa, affronta la sua solitudine con la consapevolezza che i suoi figli non possono essere la cura, e frequenta feste per adulti non disdegnando incontri occasionali.
In verità questa sfumatura è più evidente nella prima versione di Gloria, in questo remake l’incontro con Arnold, un affascinante John Turturro, si palesa sin dalla prima scena.
Ballano insieme Gloria e Arnold, per poi trasferirsi a casa di lei.
Ma non si tratta di un incontro occasionale questa volta perché Arnold le chiede di rivedersi.
Una conoscenza durante la quale diventa sempre più evidente la figura di Gloria come donna sola, ma decisamente indipendente, una condizione trasferita come valore imprescindibile anche ai suoi figli, una donna sensibile capace di rialzarsi dopo una delusione, una donna che non ha avuto bisogno di ricorre ad interventi o piccoli ritocchi per accettarsi, lo dimostrano i suoi occhiali mai sostituiti da lenti a contatto.
Arnold è la vera figura debole, è l’uomo che per vedersi meglio ed accettarsi si è sottoposto ad un intervento gastrico per dimagrire, un uomo che pur avendo divorziato da un anno è incapace di gestire il legame di dipendenza rispetto a due figlie adulte che lo sottopongono a continui ricatti morali.
Gloria Bell è un film particolare, un inno all’indipendenza femminile che, alle volte, prevede anche la solitudine ma mai il compromesso.

 
 

Ctg cinema, letto 157 volte
Commenta  


 

0,0890
letto 157 volte
0 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

Hammammet e l'incommensurabile Favino
Il commento di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12851 11-01-2020
letto 329 volte
, tags cinema

"Tolo Tolo", nelle sale l'ultimo film di Checco Zalone
Il commento di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12835 04-01-2020
letto 415 volte
, tags cinema

"Il primo Natale", nelle sale il novo film di Ficarra e Picone
Un film bello, gentile, simpatico, colorato con un finale delicato perchè dove c'è l'accoglienza esiste la speranza.

Maria Pia Ciani, n.12825 31-12-2019
letto 251 volte
, tags cinema

La dea Fortuna, al cinema l'ultimo capolavoro di Ozpetek
Le impressioni di Maria Pia Ciani

redazione, n.12815 21-12-2019
letto 448 volte
, tags cinema

"Cetto c'è, senzadubbiamente" in sala dal 21 novembre
Il commento di maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12731 25-11-2019
letto 177 volte
, tags cinema

"L'uomo del labirinto" il secondo lungometraggio di Donato Carrisi
Il punto di vista di Maria Pia Ciani

Maria Pia Ciani, n.12654 04-11-2019
letto 213 volte
, tags cinema

M – sono solo un ragazzo, presentato alla stampa il nuovo film di Lorenzo D’Amelio
Questa mattina al Museo del Sannio

Elide Apice, n.12610 22-10-2019
letto 298 volte
, tags cinema

“M- sono solo un ragazzo” un’avventura fantastica tra Shoah e bullismo
Dal 24 settembre al Torrevillage

Elide Apice, n.12594 15-10-2019
letto 526 volte
, tags cinema

Joker di Todd Phillips
Per la rubrica Cinema!Cinema!

Maria Pia Ciani, n.12581 08-10-2019
letto 363 volte
, tags cinema

"Mio fratello rincorre i dinosauri", il film di Stefano Cipani
Il film è tratto dall'omonimo libro di Giacomo Mazzariol

Maria Pia Ciani, n.12539 23-09-2019
letto 197 volte
, tags cinema




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook