emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Palcoscenico Duemila: in scena Peppe Barra
     
        _________

mar 18-02-2020 13:40, n.12949 - letto 164 volte

Palcoscenico Duemila: in scena Peppe Barra

Sabato 22 febbraio al Teatro Massimo

dalla redazione

Sabato 22 febbraio 2020, alle 20.45 Teatro Massimo di Benevento, Spettacoli srl, Tradizione e Turismo srl presentano Peppe Barra in I Cavalli di Monsignor Perrelli scherzo in musica in due tempi con Patrizio Trampetti, Enrico Vicinanza, Luigi Bignone, scene Carlo De Marino, costumi Annalisa Giacci, musiche Giorgio Mellone regia Lamberto Lambertini Peppe Barra e la madre Concetta fondano, nel 1982, con Lamberto Lambertini, una Compagnia Teatrale.
Dodici anni di creazioni originali che vengono rappresentate in tutto il mondo.
Nel 1994, morta anzitempo Concetta, Peppe e Lamberto chiudono la Compagnia, ma, dopo venticinque anni, ci riprovano.
Questo spettacolo nacque nel 1991, e fu il primo, dopo dieci anni di creazioni, senza Concetta Barra, sofferente del “Fuoco di Sant’Antonio”.
Unici interpreti Peppe Barra e Patrizio Trampetti. L’intento era quello di presentare al Festival di Benevento un buffo duello teatrale, raffinato e popolare, tra due attori molto amici, che avevano anni di consuetudine a tenere insieme la scena.
La decisione di riproporre questo spettacolo nasce dal desiderio di Peppe Barra e Lamberto Lambertini, dopo troppi anni di separazione, di lavorare nuovamente insieme.
La scelta cade sul “Monsignore!”, perché questo giocoso atto unico è ancora una intatta materia prima, per una rinnovata messa in scena.
Uno scherzo in musica, in due tempi, nello stile comico ed elegante della commedia all’antica italiana.
Una prova d’amore verso l’arte del teatro, luogo rituale, dove l’Attore, immerso nel suo mondo, come un pesce nel suo acquario, possa trasformare, complice il pubblico, il suo talento e i suoi incubi in un sogno condiviso.
L’epoca è quella di Ferdinando IV di Borbone. Monsignor Perrelli, qui interpretato da Patrizio Trampetti, è un uomo di chiesa, ma anche un eccentrico uomo di scienza, che spiattellava invenzioni stupefacenti, al limite della cretineria, che sono diventate il corpo leggendario della vita di quell’involontario portatore sano di pura, infantile follia, che racchiudeva, nel bene e nel male, le caratteristiche dell’aristocratico campagnolo al tempo del Borbone.
In questo spettacolo viene messo in contrasto, con Meneca, la sua fedele perpetua, vittima rassegnata delle sue stramberie, interpretata da Peppe Barra, travestito da donna per la prima volta dopo i tempi della Gatta Cenerentola, la quale, stremata dalle continue imbecillità del suo padrone, si sfoga a tu per tu con il pubblico in sala, con irresistibili monologhi.
Ma, come accade in ogni coppia che si rispetti, continuerà ad accudirlo con le sue amorose attenzioni, tenendolo al laccio con la sua arte culinaria di schietta tradizione campana.
Monsignore ha la testa tra le nuvole, Meneca ha i piedi per terra, due esseri distanti e vicinissimi.
Oltre ai due protagonisti, Peppe e Patrizio, complici fin dagli anni settanta di spettacoli colti e popolari, vi saranno altri due attori/cantanti, Luigi Bignone e Enrico Vicinanza, che dopo essere apparsi, nella prima scena, come incubo del Monsignore, nei panni del Padre e della Madre, nell’antico giorno della sua nascita, interpreteranno, coppia fantasmatica, godibili intermezzi canori, con arie famose o dimenticate che affondano nel labirinto della nostra memoria.
Le scene di Carlo Demarino, con il Vesuvio che incombe, fumante ed eruttante, dal balcone della villa, i costumi, ricchi e giocosi di Annalisa Giacci, e le musiche originali di Giorgio Mellone, rimandano scherzosamente a quell’ottocento, quando la vita, come molti amano credere, scorreva leggiadra e serena, nel profumo appagante del mare, degli agrumi, del cibo e nella dolce melodia delle canzoni. Uno spettacolo per grandi e per piccini, con una sottile vena di malinconia, ma senza rimpianti del passato, semmai del futuro.

 
 

Ctg comunicati, letto 164 volte
Commenta  


 

0,1214
letto 164 volte
0 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

I BAMBINI E L'AVVENTURA PER LE GIORNATE DEL PATRIMONIO AL CHIOSTRO DI SANTA SOFIA
Successo per l'iniziativa voluta da “Sannio Europa”

redazione, n.13210 28-09-2020
letto 12 volte
, tags comunicati

Festival dell’Erranza: il 3 ottobre la cerimonia del Premio Nazionale
Il Festival è dedicato alla Transumanza, Patrimonio dell’Umanità

redazione, n.13209 25-09-2020
letto 8 volte
, tags comunicati

"Memorie dal Sannio", l'ultimo libro di Rito Martignettiche
E' edito da Arturo Bascetta edizioni

redazione, n.13207 23-09-2020
letto 41 volte
, tags comunicati

Giornate Europee del Patrimonio: Incantesimi della mitologia: dal divino al terreno
AREA ARCHEOLOGICA DEL TEATRO ROMANO DI BENEVENTO Sabato 26 settembre 2020, ore 20.00, al Teatro Romano

redazione, n.13206 23-09-2020
letto 53 volte
, tags comunicati

La pianista Beatrice Rana è il nuovo Direttore artistico dell’OFB
Porteranno la sua firma le prossime 4 Stagioni concertistiche

redazione, n.13204 21-09-2020
letto 27 volte
, tags comunicati

Solot, riparte la stagione teatrale per bambini al Mulino Pacifico
In scena “Bella Sveglia”, liberamente ispirato a “La bella addormentata nel bosco”

redazione, n.13203 21-09-2020
letto 35 volte
, tags comunicati

“PER LO SCOPRIMENTO DEL TEATRO ROMANO IN BENEVENTO”, la presentazione dell'ultimo libro di Luigi Mauta
Per le Giornate Europee del Patrimonio

redazione, n.13200 20-09-2020
letto 42 volte
, tags comunicati

Samnium gusto e cultura”, da un'idea di Tiziana Iuzzolino
Riceviamo e pubblichiamo

redazione, n.13199 18-09-2020
letto 103 volte
, tags comunicati

“NEL SEGNO DI MANARA” presso la Rocca dei Rettori di Benevento
Dal 2 ottobre - 29 novembre 2020

redazione, n.13198 16-09-2020
letto 44 volte
, tags comunicati

IDENTITE’ - Una favola contemporanea
Il 19 settembre al Teatro romano per le Giornate Europee del Patrimonio 2020

redazione, n.13197 16-09-2020
letto 14 volte
, tags comunicati




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook