emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
"Pisci e' paranza" storia di emarginazioni e solitudini
     
        _________

sab 16-04-2016 08:02, n.7528 - letto 7070 volte

"Pisci e' paranza" storia di emarginazioni e solitudini

Ieri al Piccolo Teatro Libertà l'ultimo incontro della rassegna Magnifico Teatro

di Elide Apice


Non è semplice parlare di "Pisci e' paranza", ultimo incontro della rassegna Magnifico Teatro, ieri al Piccolo teatro Libertà, e non lo è perché in scena, inizialmente quasi del tutto al buio, dove ci sono i cinque bravissimi attori e un gioco da bambini che ripete nel continuo movimento sempre uguale a se stesso l'alienazione dell'umanità, all'inizio è un vociare continuo, in un movimento circolare, apparentemente senza senso, che spiazza gli spettatori.
Poi tutto si fa chiaro, i cinque protagonisti sono i pisci 'e paranza di cui al titolo, pesciolini senza prospettive se non girare intorno a molliche di pane, realmente gettate in scena.
Un marciapiede, il limitato luogo della scena, luogo di vita di tre dei protagonisti, Sciacallo che è fidanzato con una ragazza che ha portato con sé il fratello malato, e sul quale si trovano per caso i due “cafoni” che sono venuti in città a cercare il futuro, un lavoro, e vorrebbero tornare a casa, ma hanno perso la corriera.
I primi che lasciano passare il tempo tra speranze ormai inattese e bevute di vino, i secondi che hanno solo voglia di speranze da realizzare.
E' racconto di emarginazione, di non conoscenza, che si svolge in un continuo rimando di battute che contrappongono due mondi diversi nella sostanza, uguali nell'alienazione in cui l'unico che forse ha capito qualcosa è "il matto".
Proprio il “matto” più volte tenta fisicamente di scavalcare la quarta parete diventata simbolo della porta da varcare per trovare libertà e cerca di salire su quel treno che vorrebbe lo portasse lontano.
Non ci riesce, richiamato a sé dalla sorella che a suo modo se ne prende cura.
Tutti i personaggi sono intimamente legati all'idea dell'attesa, attesa di qualcosa che potrebbe avvenire e che i tre aspettano senza speranza, mentre i cafoni, lei è incinta, credono foriera di certezze.
E' l'incertezza la grande protagonista della messa in scena, una incertezza legata alla precarietà della società e che ognuno affronta come può, se può.
L’epilogo, per quanto aleggiante sugli spettatori, arriva sferzante e inaspettato, si passa il tempo bevendo vino ‘e cartella, ci si ubriaca, si riprende il continuo e sempre uguale movimento dei pisci 'e paranza , sempre più frenetico, sempre più incessante e il “matto”, unico che forse era riuscito a capire qualcosa, cadrà vittima, simbolo delle vittime di un sistema che emargina.
L'ultima scena si chiude sul canto accorato della sorella che china sul corpo del “matto” continua a cantare in una sorta di ninna nanna "volevamo prendere il treno, ma non ce lo hanno fatto fare".
Lo spettacolo ha ricevuto la segnalazione speciale al premio Scenario 2015.
Progetto e regia sono di Mario De Masi, con Andrea Avagliano, Serena Lauro, Fiorenzo Madonna, Rossella Miscino, Luca Sangiovanni. Organizzazione tecnica di Gaetano Battista.
In replica stasera alle 21.00 al Piccolo Teatro Libertà
In chiusura di serata l’accorato appello di Peppe Fonzo, direttore artistico di Magnifico Teatro.
“Questo è il nostro ultimo appuntamento per la rassegna di quest’anno, ma potrebbe essere l’ultimo appuntamento in assoluto visto che a giugno dovremmo lasciare questo spazio che l’amministrazione comunale ha messo a disposizione nell’immediata emergenza del dopo alluvione. Noi, però non ci arrendiamo e continueremo a cercare prospettive future”.

Il pubblico, questo l’appello di chi scrive, non può restare muto di fronte a tale prospettiva.
Sosteniamo, quindi, il Magnifico Visbaal nella sua ricerca di spazi, magari, perché no, facendoci promotori di una raccolta firme da presentare agli enti che in qualche maniera potrebbero dare in gestione luoghi dove far continuare l’intelligente scelta di nuove proposizioni teatrali.

Non è semplice parlare di "Pisci e' paranza", ultimo incontro della rassegna Magnifico Teatro, ieri al Piccolo teatro Libertà, e non lo è perché in scena, inizialmente quasi del tutto al buio, dove ci sono i cinque bravissimi attori e un gioco da bambini che ripete nel continuo movimento sempre uguale a se stesso l'alienazione dell'umanità, all'inizio è un vociare continuo, in un movimento circolare, apparentemente senza senso, che spiazza gli spettatori.
Poi tutto si fa chiaro, i cinque protagonisti sono i pisci 'e paranza di cui al titolo, pesciolini senza prospettive se non girare intorno a molliche di pane, realmente gettate in scena.
Un marciapiede, il limitato luogo della scena, luogo di vita di tre dei protagonisti, Sciacallo che è fidanzato con una ragazza che ha portato con sé il fratello malato, e sul quale si trovano per caso i due “cafoni” che sono venuti in città a cercare il futuro, un lavoro, e vorrebbero tornare a casa, ma hanno perso la corriera. I primi che lasciano passare il tempo tra speranze ormai inattese e bevute di vino, i secondi che hanno solo voglia di speranze da realizzare.
E' racconto di emarginazione, di non conoscenza, che si svolge in un continuo rimando di battute che contrappongono due mondi diversi nella sostanza, uguali nell'alienazione in cui l'unico che forse ha capito qualcosa è "il matto".
Proprio il “matto” più volte tenta fisicamente di scavalcare la quarta parete diventata simbolo della porta da varcare per trovare libertà e cerca di salire su quel treno che vorrebbe lo portasse lontano.
Non ci riesce, richiamato a sé dalla sorella che a suo modo se ne prende cura.
Tutti i personaggi sono intimamente legati all'idea dell'attesa, attesa di qualcosa che potrebbe avvenire e che i tre aspettano senza speranza, mentre i cafoni, lei è incinta, credono foriera di certezze.
E' l'incertezza la grande protagonista della messa in scena, una incertezza legata alla precarietà della società e che ognuno affronta come può, se può.
L’epilogo, per quanto aleggiante sugli spettatori, arriva sferzante e inaspettato, si passa il tempo bevendo vino ‘e cartella, ci si ubriaca, si riprende il continuo e sempre uguale movimento dei pisci 'e paranza , sempre più frenetico, sempre più incessante e il “matto”, unico che forse era riuscito a capire qualcosa, cadrà vittima, simbolo delle vittime di un sistema che emargina.
L'ultima scena si chiude sul canto accorato della sorella che china sul corpo del “matto” continua a cantare in una sorta di ninna nanna "volevamo prendere il treno, ma non ce lo hanno fatto fare".
Lo spettacolo ha ricevuto la segnalazione speciale al premio Scenario 2015.
Progetto e regia sono di Mario De Masi, con Andrea Avagliano, Serena Lauro, Fiorenzo Madonna, Rossella Miscino, Luca Sangiovanni. Organizzazione tecnica di Gaetano Battista.
In replica stasera alle 21.00 al Piccolo Teatro Libertà
In chiusura di serata l’accorato appello di Peppe Fonzo, direttore artistico di Magnifico Teatro.
“Questo è il nostro ultimo appuntamento per la rassegna di quest’anno, ma potrebbe essere l’ultimo appuntamento in assoluto visto che a giugno dovremmo lasciare questo spazio che l’amministrazione comunale ha messo a disposizione nell’immediata emergenza del dopo alluvione. Noi, però non ci arrendiamo e continueremo a cercare prospettive future”
Il pubblico, questo l’appello di chi scrive, non può restare muto di fronte a tale prospettiva.
Sosteniamo, quindi, il Magnifico Visbaal nella sua ricerca di spazi, magari, perché no, facendoci promotori di una raccolta firme da presentare agli enti che in qualche maniera potrebbero dare in gestione luoghi dove far continuare l’intelligente scelta di nuove proposizioni teatrali.




 
 

Ctg Teatro, letto 7070 volte
Commenta  


 

0,1943
letto 7070 volte
0 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

“La felicità” di Eric Assous
Ieri al Mulino Pacifico per la regia di Gianfelice Imparato

Elide Apice, n.14284 25-11-2023
letto 121 volte
, tags Teatro

“Della storia di G.G.” in scena Gea Martire in tutta la sua potenza espressiva
Ieri al Mulino Pacifico per il secondo appuntamento di Obiettivo T

Elide Apice, n.14266 11-11-2023
letto 386 volte
, tags Teatro

"Mamma mà!" Daniela Ioia inaugura la trentesima edizione di Obiettivo T
Ieri al Mulino Pacifico

Elide Apice, n.14257 28-10-2023
letto 262 volte
, tags Teatro

#Vajont23: l'intensa proposta di Teatro Eidos
Ieri al Comunale di Benevento in rete con oltre 150 teatri in Italia e all'estero

Elide Apice, n.14248 10-10-2023
letto 504 volte
, tags Teatro

Vico Sirene di Fortunato Calvino al Teatro Comunale di Benevento
Ieri il racconto di umanità dei “femminielli”

Elide Apice, n.14246 07-10-2023
letto 253 volte
, tags Teatro

L'intensa voce di Anna Foglietta in "Una guerra"
Ieri al Teatro Comunale di Benevento

Elide Apice, n.14238 02-10-2023
letto 241 volte
, tags Teatro

Obiettivo T: al via la trentesima edizione dello storico cartellone teatrale della Solot
Questa mattina la presentazione al Mulino Pacifico

Elide Apice, n.14231 20-09-2023
letto 522 volte
, tags Teatro

“Atto unico” di Beppe Fenoglio, una prima nazionale al Mulino Pacifico di Benevento
Iniziativa a cura dell’Anpi su ricerca di Maria Laura Simeone

Elide Apice, n.14219 09-09-2023
letto 299 volte
, tags Teatro

“Mine – conferenza stanca sul melodramma amoroso”: cos'è l'amore?
Ieri al Mulino Pacifico per la rassegna teatrale Oltre il giardino

Elide Apice, n.14200 14-07-2023
letto 398 volte
, tags Teatro

I DUELLANTI, ennesimo tutto esaurito al Mulino Pacifico
Produzione SOLOT in collaborazione con Nuovo Teatro Sanità

Enrico Cavallo, n.14194 08-07-2023
letto 374 volte
, tags Teatro




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook