emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, società 

 

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
"E invece io” di Davide Grittani
     
        _________

mer 26-04-2017 12:28, n.9532 - letto 7566 volte

"E invece io” di Davide Grittani

Le riflessioni di un giornalista italiano

di Elide Apice

Alberto Airoldi è un giornalista con una vita apparentemente normale.
Emigrato al contrario, dalla pianura padana, per esigenze di lavoro, si trasferisce nella pianura pugliese, in una Foggia riconoscibile dalle atmosfere, dai dettagli puntuali, dal dialetto.
Su questa trama si intreccia l’ordito di “E invece io” di Davide Grittani (Robin edizioni).
Un libro a tratti divertente che sprona alla riflessione sulla società, sul mondo della politica (dove il PD, il Partito dei Demiurghi, non ha più nulla da dire e si contrappone a FI, la Federazione Illuminata), su una professione, il giornalismo, quanto mai messa al muro, e che diventa mezzo per leggere in se stessi, nel disagio di vivere in una società allo sbando.
Alberto sembra non avere più ideali, né altro in cui identificarsi, ha sempre vissuto “in attesa del Ferragosto e poi del Natale”, è separato dalla moglie, non riesce a costruire dei rapporti stabili, ha la consapevolezza di essere un perdente.
Avverte il senso della sconfitta (tema espresso anche nella dedica a Gaetano Scirea e Francesco Nuti) e per desiderio di cambiamento o per la voglia di leggere in se stesso, si fa regalare per il suo cinquantesimo compleanno un viaggio in America Latina, posto tanto a lungo vagheggiato che sarà luogo da cui riemergere dopo una pesante e non veritiera accusa che poco prima della partenza lo porterà al centro dell’attenzione mediatica.
La calunnia e la diffamazione, ulteriori temi del romanzo, che i media amplificano all’inverosimile senza pensare alle conseguenze sull’interessato e che gli faranno dire «La calunnia non uccide ma sfregia come l’acido, e come l’acido lascia addosso un odore chimico che non va più via. Che marchia a vita, come i nazisti facevano con gli ebrei».
Il titolo del romanzo è mutuato dall’omonima canzone di Riccardo Sinigallia il cui incipit “E invece io, ci fossimo mai separati, sarei stato forse meno soggetto agli attacchi della mezza età” la dice lunga sull’intenzionalità dell’autore.
Un libro dalla scrittura vivace e coinvolgente che si svolge attraverso continue sorprese finendo quasi per diventare una anomalo thriller, carico di colpi di scena.
Inutile dire che avrebbe meritato di essere immesso nella dozzina del premio Strega al quale era stato candidato da Maria Cristina Donnarumma e Roberto Pazzi




 
 


 

0,1012
letto 7566 volte
0 commenti
chiudi
stampa solo testo
stampa anche le foto
 copia questo link
 
 
Condividi su Facebook
   

 

 


Potrebbero interessarti anche ...

“Famiglie” di Giuseppina La Delfa
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14346 19-02-2024
letto 104 volte
, tags letto per voi

“Il gregge” di Davide Grittani
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14339 15-02-2024
letto 106 volte
, tags letto per voi

“Virdimura” di Simona Lo Iacono
Per la rubrica “Letto per voi”

Elide Apice, n.14336 14-02-2024
letto 91 volte
, tags letto per voi

“Vorrei chiederti di quel giorno” di Lorenzo Tosa
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14332 09-02-2024
letto 145 volte
, tags letto per voi

"Il buio delle tre" di Vladimir Di Prima
Per la rubrica letto per voi

Elide Apice, n.14324 04-02-2024
letto 94 volte
, tags letto per voi

"L'ultimo treno per Kiev" di Stefania Nardini
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14310 24-01-2024
letto 170 volte
, tags letto per voi

"I mangiafemmine" di Giulio Cavalli
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14290 04-12-2023
letto 138 volte
, tags letto per voi

"La lunga notte di Christian Berger" di Giuseppe Petrarca
Per la rubrica letto per voi

Elide Apice, n.14287 28-11-2023
letto 234 volte
, tags letto per voi

“E se il biscotto avesse ragione” di Michela Quagliariello
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14279 22-11-2023
letto 214 volte
, tags letto per voi

"Nel mare di Elsa" di Gea Finelli
Per la rubrica Letto per voi

Elide Apice, n.14305 20-11-2023
letto 255 volte
, tags letto per voi




______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ _________ ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
  Condividi su Facebook