emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, societa'
   
Home
Agenda
Cerca
Facebook
Youtube
Raccontami due storie (Cosa resterà del nostro amore)
     Condividi su Facebook
     

sab 04-07-2020 08:25, n.13114 - letto 325 volte

Raccontami due storie (Cosa resterà del nostro amore)

Ecco il secondo appuntamento al Mulino Pacifico per “Racconti per ricominciare”

di Elide Apice
sfoglia l'album delle foto   


Secondo appuntamento per "Racconti per ricominciare”, la felice intuizione di VesuvioTeatro.org, per la direzione artistica di Giulio baffi e Claudio DI Palma Ieri ( in replica oggi sabato 4 e domenica 5 luglio) al Mulino Pacifico, e nonostante il rigoroso rispetto delle norme di distanziamento è stato ancora una volta il momento in cui gli appassionati di teatro, gli amici, si sono simbolicamente e (a distanza ) stretti intorno al luogo di cultura per eccellenza che a Benevento è da decenni luogo di resistenza culturale.
Raccontami due storie (Cosa resterà del nostro amore), questo il titolo del secondo dei tre incontri (l’ultimo step nel prossimo fine settimana).
In scena Assunta Maria Berruti, Carlotta Boccaccino, Alfredo Calicchio, Michelangelo Fetto, Rosario Giglio, Antonio Intorcia su testi di Giorgio Gaber, Dario Fo, Michelangelo Fetto, Franco Cossu, Styron e non solo.
Un’amara riflessione, declinata tra il serio e il faceto, su come la quarantena, il virus e l’incertezza dei tempi avrebbero potuto e dovuto cambiare il mondo alla luce di quell’“andrà tutto bene” più volte cantato dalle finestre, in quei mesi unico spiraglio di libertà, e su come invece la storia si ripeta sempre uguale.
In scena storie di sopraffazione a partire dal monologo di Styron sulla disumanità dell’olocausto per passare all’altrettanto terribile consuetudine della vendita di bambini, i valani, schiavi del padrone o di come il desiderio di sentirsi superiore possa portare ad impazzire senza tralasciare le semplici riflessioni di persone comuni.
La parte finale affidata a Rosario Giglio in una esilarante storia di delle nozze di Cana, da Mistero buffo di Dario Fo, e in continuo interagire con il pubblico.
Una serata piacevole, in un luogo splendido “per ricominciare” e ricominciare proprio dal teatro, specchio dell’umanità e fonte di cultura e i complimenti alla Solot, capace di mettersi in gioco e organizzare tre spettacoli per tre fine settimana… e non è cosa da tutti.
Si ricorda che è ancora possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli su
https://www.vivaticket.com/…/raccontami-una-storia-p…/148567
oppure:
TABACCHERIA FRATELLI COLLARILE, Piazza San Modesto
ALL NET SERVICE, via Lungo Calore Manfredi di Svevia, 25









 
 

Ctg Teatro, letto 325 volte
Commenta