emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, societa'
   
Home
Agenda
Cerca
Facebook
Youtube
Eternità (l’infinita estensione del tempo che non ha avuto inizio e non avrà mai termine)
     Condividi su Facebook
     

mar 11-08-2020 09:21, n.13160 - letto 486 volte

Eternità (l’infinita estensione del tempo che non ha avuto inizio e non avrà mai termine)

Al Teatro Romano di Benevento la meraviglia dello spettacolo tra musica, danza e parole ideato da Carmen Castiello

di Elide Apice


Tre tempi per tre suggestioni diverse, la ricerca del contatto con la natura, la meraviglia della scoperta immergendosi fisicamente nei i colori della natura che ci circonda, il tutto nello scenario di uno dei luoghi più suggestivi della città di Benevento, il Teatro Romano che la lungimiranza del direttore Ferdinando Creta ha aperto agli eventi culturali di vario genere per renderlo sempre più partecipato.
Eternità (l’infinita estensione del tempo che non ha avuto inizio e non avrà mai termine) il titolo dello spettacolo tra musica, parole e danza ideato da Carmen Castiello, direttrice artistica dell’Accademia Balletto di Benevento che ha visto impegnati danzatori e danzatrici, musicisti, attrici in un crescendo di emozioni per uno spettacolo non semplice da seguire: il tramonto e la notte lo scorso 10 agosto, seguito dall’alba al sorgere del sole dell’11 agosto.
Eppure le presenze, soprattutto per la seconda parte dello spettacolo, sono state tantissime nonostante il tempo incerto  e in tanti anche all'alba di oggi a testimonianza che molti amano “inseguir bellezza”.
E di bellezza si è trattato, di passione, di splendore di anime che si sono fuse a restituire emozioni, dalla malinconia del tramonto quando il giorno sta per concludersi ed è “come se ognuno cercasse di ritrovare se stesso”, all’arrivo della notte dai colori cupi e dai mille sogni sognati e sperati, alla meraviglia dello splendore di un’alba che è promessa di rinascita e speranza di futuro.
Accurata la scelta dei pezzi musicali, eccellenti Lorenza Maio al violino e Giuseppe Granatello al Pianoforte, da Mozart a Einaudi, a Grieg con una splendida interpretazione di Habanera da parte di Giusy Abissinia su coreografie a cura di Giselle Marucci, Ilaria Mandato, Sara Scuderi con la collaborazione di Linda Ocone.
Bella la scelta delle letture curata dall’associazione Culture e Letture nella suggestiva interpretazione di Alda Parrella dei testi tratti dalla produzione poetica di Mariangela Gualtieri, Alda Merini, Pessoa.
L’iniziativa che ha ottenuto il patrocinio della Fidapa BPW sezione Benevento è organizzata dalla Direzione regionale Musei Campania- Teatro Romano di Benevento in collaborazione con la Provincia di Benevento e il Centro Studi Danza, con il sostegno di Sannio Europa, gli allestimenti Umberto Rossi, Fondazione Città Spettacolo, Strega Store, panificio Caggiano e La Guardiense.
L’appuntamento è alle prossime iniziative della Compagnia di Balletto perché, si sa, le menti degli artisti non riposano mai e Carmen Castiello, direttrice artistica della compagine beneventana, è già all’ideazione di prossimi eventi che godono della folta partecipazione del pubblico alla ricerca delle splendide emozioni che la sinergia tra anime riesce a restituire.






 
 


 
 

Ctg danza, letto 486 volte
Commenta