emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, societa'
   
Home
Agenda
Cerca
Facebook
Youtube
La bellezza di Santa Sofia nel Gran Tour Longobardo, pubblicato sulla rivista "Dove"
     Condividi su Facebook
     

mar 27-04-2021 21:05, n.13404 - letto 141 volte

La bellezza di Santa Sofia nel Gran Tour Longobardo, pubblicato sulla rivista "Dove"

L’assessore Del Prete: “Facciamo squadra per il sito Unesco”

di Antonio Esposito


La presentazione dell’inserto speciale “I Longobardi in Italia”, allegato alla rivista “Dove”, è stata l’occasione per fare un bilancio del decennale del riconoscimento Unesco conquistato dalla città di Benevento con il complesso di Santa Sofia, inserito nel gran tour longobardo italiano, da Nord a Sud, che, oltre al capoluogo sannita, comprende anche Cividale del Friuli, Brescia, Castelseprio -Torba, Campello sul Clitunno, Spoleto e Monte Sant’Angelo.
Un momento di riflessione e di proposta per sfruttare tutte le potenzialità culturali connesse ai monumenti, ai personaggi, ai simboli della significativa presenza longobarda in città.
Dopo anni di dibattiti, lentezze ed incertezze, sembra che qualcosa si muova. Con una premessa.
Senza il coinvolgimento di tutti i soggetti del territorio difficilmente si avrà il salto di qualità.
“Sappiamo  –ha rilevato l’assessora Rossella Del Prete- che Cividale del Friuli, Spoleto, Brescia hanno beneficiato non poco della presenza del sito Unesco, perché c’è stata un’interazione costante, continua, con l’Associazione Italia Langobardorum, col Ministero dei Beni Culturali, una serie di altri interlocutori, che valeva la pena vedere un po’ più vicini anche qui. Mettiamola così. Come Associazione si sono svolte tante iniziative. A Benevento abbiamo ospitato centinaia di scolaresche, ma non ce ne siamo accorti. Mentre a Cividale, Spoleto e Brescia si è realizzata una bellissima alleanza col tessuto imprenditoriale che dobbiamo costruire anche qui”.
L’affascinante viaggio tra i siti longobardi, pubblicato su “Dove”, è sicuramente una spinta propulsiva per attrarre studiosi e turisti nella nostra terra.
Ora tocca a Benevento fare la propria parte, ideando progetti e programmando un percorso accattivante insieme alle associazioni culturali, agli intellettuali, alle scuole, agli artisti.
Forse poteva essere coinvolta anche l’Associazione Benevento Longobarda, che da anni allestisce rappresentazioni storiche.
L’assessore Del Prete, che è in carica dal gennaio 2019, ricopre attualmente anche il ruolo di presidente dell’Associazione Italia Langobardorum, ha pensato ad alcune iniziative e nello stesso tempo ha lanciato un invito a farsi avanti a chi ha qualche idea sulla gestione del sito.
“Per il decennale, che ricade il 25 giugno 2021 -ha proposto Del Prete- vorremmo celebrare l’evento col Canto Beneventano nella Chiesa di Santa Sofia, sulla scia del rito ambrosiano a Milano, coinvolgere le cucine locali per un tuffo nell’alimentazione longobarda, organizzare convegni, mostre e visite guidate al Teatro Romano. Ho chiesto ad Angelo Miraglia, esperto di burattini, di preparare una Saga dei Longobardi. Produrremo anche un gadget. Tutto questo con lo scopo di portare Benevento fuori da Benevento”.
Alla presentazione dell’inserto speciale sono intervenuti per un saluto il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, la docente universitaria materana, Paola D’Antonio, il direttore del conservatorio Giosuè Grassia.
Si spera che il traguardo Unesco, conseguito nel 2011, sotto l’amministrazione guidata dal sindaco Fausto Pepe, cominci a dare risultati concreti sul piano turistico ed economico.
“Abbiamo organizzato una bella squadra, guidata dall’architetto Pasquale Palmieri -ha concluso Del Prete- ma non sempre c’è il personale necessario. Da noi dovrebbe arrivare la dottoressa Colangelo. Le ho preparato già la stanza. Dobbiamo impegnarci un po’ di più e non sarà mai abbastanza. Dobbiamo sollecitare la coscienza civile e le proposte della nostra comunità. Abbiamo tutte le carte in regola per fare la nostra parte con un’impronta di qualità”.
                                                                                                                              



 
 

Ctg società, letto 141 volte
Commenta