emozioni, informazioni e commenti su teatro, cultura, arte, societa'
   
Home
Agenda
Cerca
Facebook
Youtube
"Carne viva. Una saga italiana fra Otto e Novecento" di Nadia Verdile
     Condividi su Facebook
     

gio 06-05-2021 09:10, n.13410 - letto 118 volte

"Carne viva. Una saga italiana fra Otto e Novecento" di Nadia Verdile

Per la rubrica Letto per voi. Il 14 maggio la presentazione in presenza al Teatro Romano

di Elide Apice

Riconoscere storie comune in pezzetti di vita, ricordare il dramma della povertà, il sogno americano spesso disilluso, le lotte per cercare un posto superando le ingiustizie del mondo, questo e tanto altro in “Carne viva” (Pacini Fazzi) ultimo lavoro di Nadia Verdile.
Una narrazione che procede seguendo il cuore, la passione e soprattutto approfonditi studi di documentazione che Verdile restituisce ai lettori come saga familiare. Fine Ottocento, in quel Molise terra ultima tra le ultime, in un mondo ancora oppresso dal potere delle classi più ricche e da una nobiltà chiusa nella sue egemonia, inizia la memoria della sua famiglia di origine
Ed è storia locale che diventa nazionale e poi internazionale per le tante citazioni ad eventi, scoperte, tentativi di apertura a una modernità che avrebbe poi toalmente cambiato la vita di tutti.
La storia vera frutto di una ricerca capillare di una famiglia molisana, di un borgo Macchiagodena a tanti sconosciuto, arriva fino agli inizi del Novecento, quando la vita ormai non ha fatto sconti a nessuno e per molti quel sogno di riscatto si è interrotto prima del tempo. E’ ricerca storica, quindi ma anche sociale, oltre a mettere in luce i problemi legati all’atavica povertà, dà anche tanto spazio alla condizione femminile del tempo che parla di sottomissione delle donne, di abusi sui loro corpi, di impossibilità di difendersi anche a parole con la bella eccezione di Umberto, innamorato di Concetta, antesignano di uomo che ha  rispetto per le donne, quel rispetto ancora oggi , spesso, disatteso.
E’ intensa e dolorosa la scrittura di Nadia Verdile, affonda come lama nella “carne viva” di chi scrive, ma anche dei lettori coinvolti emotivamente per le storie narrate, patrimonio comune a tante famiglie di quel sud bistrattato che ancora paga lo scotto di scelte politiche del passato e per il linguaggio e che procede sul doppio binario della narrazione in italiano e nel dialetto molisano così diverso eppure uguale alle “parlate” dei nostri nonni.
Il libro gode del patrocinio morale dei comuni di Macchiagodena e Mafalda, delle province di Campobasso ed Isernia
“Carne viva”a inaugurerà la seconda edizione di “Metti una sera al Teatro Romano di Benevento” come tappa di avvicinamento al Festival del libro che si terrà a settembre prossimo


Titolo: Carne viva. Una saga italiana fra Otto e Novecento
Autrice:  Nadia Verdile
Editore: Pacini Fazzi
Collana: Storica
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 20 aprile 2021
Pagine: 188 p.
EAN: 9788865507940
Nadia Verdile è nata a Napoli, vive a Caserta, le sue radici sono molisane. Scrittrice e giornalista, collabora con il quotidiano «Il Mattino». Ha sedici libri all’attivo e ha curato sette volumi didattici; molti suoi saggi sono stati pubblicati in riviste nazionali ed internazionali. Relatrice in convegni e seminari di studio, come storica, da anni, dedica le sue ricerche alla riscrittura della Storia delle Donne collaborando con la Fondazione Valerio per la Storia delle Donne, la Colorado State University per il progetto Female Biography Project, la Società per l’Enciclopedia delle donne. È direttrice della Collana editoriale «Italiane» di Pacini Fazzi Editore.Segni particolari: ottimista di natura è intollerante verso stereotipi e pregiudizi.
Ultimi premi
2021 – Premio Nazionale “Federico Del Prete” – sezione Giornalismo
2020 – Premio Nazionale Virgilio per il libro “Regine”
2019 – Ambasciatrice della lettura 2019 – I Borghi della Lettura
2019 – Premio Letterario Nazionale “Mino De Blasio” per il libro Regine
2018 – Premio Nazionale “Antonietta Rongone” per il libro Matilde Serao
2017 – Premio Donna dell’Anno – per la Collana editoriale «Italiane».
 
 
 

 
 

Ctg letto per voi, letto 118 volte
Commenta